Blurry
Logo Digitalia

Prossima diretta
Lunedì 24 Giugno alle 20:50

659

Il Dodo vegano

I falsi allarmi del rilevamento incidenti di Apple Watch e iPhone. Caos robotaxi a San Francisco. L’assassino su Tinder. Il bias politico di ChatGPT. La PTSD dei moderatori di Meta. Videogames e ambienti tossici. Queste molte altre le notizie tech commentate nella puntata di questa settimana.

Digitalia.fm
Digitalia #659 - Il Dodo vegano

Digitalia #659 - Il Dodo vegano

Settimana del 6 febbraio 2023. Il mio Apple Watch mi vuole morto. L'ingorgo dei robotaxi. Assassini su Tinder, ma anche bullismo, streaming, dodo. Questa e molte altre scalette per un'ora e mezza dedicata alla notizia, quella digitale,all'italiana. Dall'Emi Studio Liguria 1 di Sanremo, qui è Franco Solerio. Dallo studio di Milano Isola, Michele Di Maio. E dallo studio di Milano Città Studi, Francesco Facconi. Buongiorno a tutti, bentornati cari digitaliani, cari ascoltatori, bentornati su queste modulazionidi frequenza e buonasera in real time ai miei cari Michele e Francesco. Buon ciao a te Franco e buon ciao a tutti gli ascoltatori. Sal-ciao. Sal-ciao. Questa è nuova. Ok, perfetto. Va subito nell'evento dei titoli, dei possibili titoli. Questo sal-ciao è, immagino, una crasi tra un salve abortito e un... Esatto. Un ciao. Una certa cosa è che non sono gradite, il linguaggio non è consono e quindi sono fermati. E ci manca. Qui lo sai come funziona la roba. Perché "cialve" era troppo brutto. "Cialve" era... Avrei dovuto partire su quello corretto, essere un po' strozzetto. E rimangiarti. Esatto. Certamente, certamente. Bene, dopo gli scleri controventura in pretrasmissioni possiamo... voi avete già fatto... no tu Francesco, hai già upgradeato tutte le tue macchine?Io sono già al prossimo perché mi piace vivere pericoloso. Qui è pericoloso già con quello scorso. Figurati che... qui stiamo diventando veramentemale. Ma attacco hacker, l'attacco hacker è la prima... Aspetta, dillo come lo dicono i giornali italiani. Come lo dico?Attacco hacker!Con un po' di enfasi, un po' di terrore di enfasi. Ok. Oggi se avevate su Shutterstock una foto di un ragazzetto al computer con il cappuccioin testa mi sa che avete fatto tanti soldi di diritti con i giornali italiani. Perché era la foto dell'hacker. Bisogna secondo me essere... avere l'enfasi per tutta la sera. Sì, notizia partita già da ieri sera con prima qualche giornale online italiano, poiriprese anche da Reuters, internazionale, che parlavano di attacco su larga scala. In realtà Reuters stessa titolava qualcosa del genere in inglese. E Ransomware che sfrutta una vulnerabilità di cui di certo non parlerò io dato che sonouna delle persone più tecniche di me in questa trasfessione e che però poi stamattina inrealtà a me viene da dire sia abbastanza sgonfiato perché appunto si parlava di largascala stamattina si parlava di cinque server compromessi, dieci servizi compromessi, nessunostrategico. Tu hai letto i migliaiai?Io avevo letto 2000-3000. 2000 era ieri sera. Poi c'è stata anche una riunione del governo task force del genere. È un po' come quando c'è la manifestazione, 10 milioni per gli organizzatori, 5 per laquestura. Serve il compromesso per la questura 5. Esatto. Allora diciamo subito che sono server ospitati su un sistema che è VMware ESXI, ovvero unodei tanti software di virtualizzazione dell'autoserver, in particolare nella versione di due annifa. Perché questo bug, anzi di più di due anni fa perché sono versioni vecchie e due annifa è stata scoperta questa vulnerabilità, questa possibilità di far girare codice remoto,di fatto poi corretta da un sistema, cioè da un rilascio, da una patch. Qualche giorno fa il centro di controllo francese aveva detto attenzione che in Europa stannoiniziando a girare degli attacchi basati su questa vulnerabilità di due anni fa, ridanciandopoi un bollettino di sicurezza. Evidentemente gli amministratori di sistema italiani, e non solo perché poi probabilmentequesto attacco non è stato fatto in Italia, ma diciamo che in Italia sicuramente ha fattoscena e si sono dimenticati di schiacciare aggiornamento, o hanno seguito le indicazionidel doc che dice di non aggiornare per un po'. E questo ha causato il fatto che Amazon abbia trovato terreno fertile, criptando gli harddisk,chiedendo un pagamento di circa due bitcoin, valore che poi variava anche così come l'indirizzoa cui mandare i soldi eccetera. Volta per volta due bitcoin sono circa 42.000 euro calcolati dai vari quotidiani al cambiodel momento. Il governo ha detto non pagate. Di più non sappiamo, questo attacco sembra essere girato in questo modo. Ci deve sempre essere il fattore umano, la negligenza. Diciamo che nel frattempo, ieri abbiamo avuto un serio problema con le reti di Tim che nonhanno navigato tutto il pomeriggio, contando che era appena finito il guaietto duratoparecchi giorni di libero, c'è stata un po' questa attenzione, questa caccia alquesto temere che fosse tutto parte dello stesso piano criminale. Era tutt'altro. Apparentemente erano tutte altre cose. Che però non fa pensare bene. No, settimana molto complicata per la rete italiana. Diciamola. Altri commenti a riguardo?Avete letto qualcos'altro interessante?Oltre al fatto che dobbiamo…No, niente di particolare. Come sempre sono notizie che danno tanto rilievo, chiaramente per chi è stato attaccatotanta solidarietà da parte nostra, in generale non mi sembrava qualcosa di così. Alla fine di trotti mi sembra che abbia molto più rilievo la rete Tim che va giù per unpomeriggio intero, cioè a livello di servizi qui si parlava di attacco hacker, infrastrutture,robe del genere, ma non mi sembra che nessuno abbia avuto dei problemi enormi ad accederea chissà cosa, mentre nel momento in cui tutta la rete in Italia va a gambe all'ariaper un pomeriggio, apriti cielo. Soprattutto il giorno di varie partite interessanti è già subito da ditare da zona. Le partite, le partite, dateci le partite, ma la democrazia interlagora, le partite,panem e circenses. È proprio così, circenses. Non lo so, fatto lo scettico. Circenses non è la rima con panem, ma è circenses direi. Sì, è proprio circenses. Va bene, il mio Apple Watch pensa che io sia morto. Un bel articolo. L'hai aggiornato?Eh sì, ma in realtà sì. In realtà è sempre un po' del problema. Sì e no, sì e no. Vabbè, comunque, New York Times. Due articoli che hai pubblicato che fanno il verso anche a tutta una serie che abbiamovisto comunque negli ultimi periodi di varie località scistiche, nelle quali iniziano adarrivare un numero troppo elevato di chiamate ai soccorsi, perché i nuovi Apple Watche i nuovi iPhone 14 hanno questo sistema avanzato di rilevamento degli incidenti che di fattocerca di intuire con l'intelligenza artificiale se puoi aver subito una caduta, un urto. In quel caso ti chiede "sei sicuro?Cioè, stai bene?"Se uno non risponde, entro pochi secondi chiamano il 911 in America o il 112 in Europa. Vibra, vibra. In realtà si mette a vibrare molto, almeno l'orologio e sullo schermo ti dice. Cerca di attirare la tua attenzione. Diciamo che se sei, che stai sciando allegramente sotto la neve. Ma se Sirena parla?No, non parla. Perché esci sotto la neve tu?Cosa c'entra?È una specialità. Quando nevica o ci sono degli alberi, sei sotto anche la neve. Era bucolico Francesco, anzi era bucolico fa pensare più a un prato verde, era scistico. Stai sciando sopra la neve perché sennò non scii, comodo. Grazie. Stai godendo la tua bella serpentina o scodinzolo, questo termine molto anni '80. Ci scii agli anni '80 e il tuo iPhone sento una variazione di velocità e dice "ok seicaduto, tu non te ne accorgi" e quindi partono le chiamate. Esatto, sei caduto e poi non rispondi "ah allora sei proprio morto". Il problema è che giustamente sono chiamate che vanno a intasare i centri di emergenzache devono rispondere anche sapendo di questa possibilità perché metti che uno su diecicento mille si è fatto veramente male, quelle telefonate devono essere prese causando…Poi in realtà l'articolo non è che parla di volumi così spropositati, però abbastanzada…Sono volumi spropositati nel senso che non sono spropositati perché sono percentualmentepoche le persone che fanno questo tipo di attività, però i servizi di emergenza sonoproporzionati agli incidenti medi o massimi che si possono avere in un determinato weekendsulle piste da sci. Se questi numeri di chiamate triplicano è ovvio che andiamo incontro a un disservizioche può portare anche a dei rischi e a dei problemi e proprio questo è successo. Le chiamate richiedono poi un'azione perché una persona non risponde e poi tramite geolocalizzazionebisogna mandare qualcuno a prenderlo. E investigare. Se poi arriva quello lì che sta bevendosi il braulio al rifugio insieme con la polentaal capriolo e allora…Ci sono una serie di problemi. Il primo è la diffusione ovviamente perché questi nuovi algoritmi sono stati implementatinelle nuove revise di questi iPhone e Apple Watch con numeri ovviamente rilevanti perchésappiamo bene che se una versione di un sistema per Android viene o addirittura per lo smartwatchcon Android viene rilasciato la rilevanza di un eventuale bug è decisamente limitata. Se lo stesso sistema identico con lo stesso bug di colpo viene aggiornato, viene implementatosu milioni e milioni di device se non miliardi si capisce che…L'altro problema è secondo me la superficialità con cui è stato…De rilascio. Sì perché il di fatto il sistema funziona si basa però su quello per cui è stato pensatocioè sono in macchina e faccio un incidente sono a piedi, cado improvvisamente. Quindi delle situazioni cittadine, californiane oseremo dire. Nessuno degli ingegneri di Apple è mai stato a sciare, in Colorado sulle montagne a farsiuna bella pista di sci. Non saprei, non saprei. Comunque è il solito discorso sono algoritmi a machine learning, sono algoritmi che quindinon vengono tarati con dei parametri no?Per cui se l'accelerazione è orizzontale maggiore di 3G dopo che c'era un movimentodi… no!È tutto ti do una marea di dati con due tipi di etichette, una è caduta seria e l'altraè non caduta seria e tu impara a distinguerne. È ovvio che questo porta a delle raffinatezze enormi ma anche delle possibilità di errorienormi come vediamo puntualmente in sistemi vari con algoritmi a machine, con motorea machine learning che portano a questo, falsi negativi e falsi positivi. A me è capitato eh, a me è capitato più di una volta di prendere dei colpetti chenon mi incapacitavano, per fortuna mi sono accorto che il telefono vibrava come un mattoe l'ho guardato che cos'hai e mi disse sei vivo o sei morto. È un po' quello il tema in realtà, e lo sottolineo anche l'articolo, nel momentoin cui gli ingegneri di Apple probabilmente si aspettavano vabbè ci sarà una quantitàdi falsi positivi tanto inizia a partire la sirena sul telefono, inizia a partire la sirenasul orologio e uno lo sente, invece non è così la vita vera. Non lo senti perché se stai facendo già una cosa che ti dà le vibrazioni, ad esempiosciando, un orologino che va drrrr. C'è sotto la giacca, sotto strade. Esatto, oppure il telefonino nella tasca interna del piumino, c'hai 18 strati uno dietrol'altro, non lo senti. Ma se salti una bella cunetta è una caduta importante quella che fai pur avendola fattain piedi sui sci. Ma fatemi aggiungere una cosa che secondo me è molto superficiale e forse arroganteancora più che superficiale. Vendere una feature, perché è una feature che vendi, è stata presentata al Keynoteper cui serve per vendere telefoni, per vendere orologi, per farsi belli. Una feature che in realtà dipende da un servizio che è pubblico di soccorso e che ha dellelogiche assolutamente diverse. Questo qui secondo me è molto grave, Apple per questo dovrebbe essere richiamata. Io tutti gli altri servizi analoghi che conosco, alcuni dei quali utilizzo, hanno delle centraliautonome. Dedicate. Autonome, certo. Da debuffer. Certo, certo. Io il Garmin, il mio Garmin in reach satellitare che ha una funzione SOS, lo pago, lo pago20 euro al mese, nei mesi in cui lo attivo lo posso disattivare e questo mi garantisceassistenza 24 ore su 24 in caso di SOS tramite una centrale di Garmin che ha degli impiegatidi Garmin, sarà in outsourcing, quello che vuoi, che in caso di…Però è Garmin che se sbaglia paga. Certo, in caso di segnale… soprattutto che se sbaglia sovradimensiona perché a un certopunto si accorge di avere troppi allarmi per quelli che sono i suoi dipendenti e quindideve assumere più dipendenti e quindi sarà stimolata a migliorare il servizio. Stessa cosa, l'altro servizio analogo ce l'ho sull'automobile, la BMW con questiconnected service ti dà anche il servizio in caso di emergenza, sia in caso di traumaforte gli accelerometri fanno partire la telefonata, sia con un tasto SOS che puoi schiacciaretu dall'abitacolo, ma di nuovo ti risponde una centralina della BMW che ti dice "Oh,tutto bene?Hai picchiato?Devo chiamare l'ambulanza" ed è lui che a un certo punto sente, dice, sente vibrazioni,sente qualcuno che rantola oppure sente uno che sta ascoltando l'autoradio o che stafacendo qualche cos'altro in camporella e dice "Vabbè, forse non è il caso dichiamare la polizia, capisci?" o roba del genere. O chiama con determinate descrizioni, chiama la polizia e dice "Guarda, c'è avuto questoallarme, qui non rispondono, mi sembra di sentire, vai a dare un'occhiata, se avetequalcuno già in zona fate passare, non partite con la calavalleria perché c'è qualcunoin codice rosso che sta tirando le cuoie". Insomma… E sì, magari in elicottero, perché comunque si parla di piste da sci, di soccorsiche costano anche mediamente di più che in una città. Ma soprattutto che togli a qualcun altro, perché se non sei l'unico che si è fattomale in quel momento e le risorse sono limitate, questo comporta un rischio, per cui è undanno alla comunità fatto per arroganza e superficialità. Soprattutto in quest'anno che l'iPhone 14 si è rivelato comunque un prodotto nonvenduto quanto Apple avrebbe sperato, quindi ne hanno venduti anche meno, immaginiamocil'inverno prossimo nel quale oltre all'iPhone 14 che ormai avrà iniziato a vendere unpo', magari lo avrà anche l'iPhone 15 e così via. Quindi aumenteranno i device, aumenteranno il numero di persone sui campi da sci conquesti dispositivi. Se il problema non fosse solo software ma anche hardware, chiediamocelo, perché allafine della fiera se uno utilizza un accelerometro…Non credo quello perché… No, non credo perché… Non credo…C'è un margine risolvibile di hardware?L'hardware è talmente basico che non… Poi è sempre un discorso di taratura, devidecidere quanti falsi positivi e quanti falsi negativi. Ovvio che più è preciso la risposta dell'hardware più riesci a diminuire entrambi, ma se nonpuoi migliorare la precisione puoi decidere di aumentare i falsi negativi e i falsi positivi. Ma comunque se te ne assumi la responsabilità, filtrandoli poi tu a livello umano è un problematuo e questo è invece un problema che ha scaricato sulla società e questo non è giusto. Franco ma non capisco, con tutte le tasse che paga… Ah no…Esatto, bravo. Adesso l'abbiamo visto sugli sci, l'abbiamo visto anche qualche settimana fa in altrelocalità scistiche e l'abbiamo visto, vi ricordate, anche in un parco divertimentisull'ottovolante, quindi in realtà ci sono un sacco di casistiche nei quali o per divertimentoo per similitudine sembra di fare degli brutti incidenti quando invece si sta solo divertendoun sacco. Dove che l'ho sentito, forse in qualche podcast, parlare di sto ottovolante, di ste montagnerusse che a un certo punto c'è un punto dove praticamente la navetta si ferma in alto,poi parte a chiodo e passa sopra un laghetto e nel laghetto c'è una collezione di smartphoneincredibile, perché la gente quando si ferma la su in cima la cosa e tira fuori lo smartphoneper farsi il selfie e poi il selfie non fa in tempo a tornare nella tasca e finisconotutti nel laghetto. Sai alla fine ti danno la foto scattata ma non con te che sorridi, con l'iPhone che stacadendo, c'è proprio la macchina fotografica sincronizzata. Bello, tipo esperimento di Galileo, chi arriva prima a terra la navetta o lo smartphone?O gli dèi bestemmiati. I famosi dèi invocati esattamente. Va bene e siamo di nuovo siamo un po' nelle stesse discorsi di leggerezza, di arroganzacon Weimo e con i vari Robotaxi in giro per San Francisco. Allora ti fermo subito, dimmi una cosa se c'è un bell'incendio e c'è il camion deipompieri che sta andando tu a piedi non lo vuoi seguire andare a vedere?Anche il robot vuole fare la stessa cosa. I famosi curiosi. No, come sempre quello che va, diceva un'altra gente. Come l'ambulanza in autostrada che si fa la coda dietro di gente. Robotaxi, guarda c'è la macchina dei pompieri, c'è l'incendio, vado anch'io. Questo è quello che Weimo con la sua, con la punto Cruise che è la piattaforma di guidacompletamente autonoma, ha fatto. C'era questa auto vicino a un luogo di, a questo punto, soccorsi con la richiesta anchedi lasciare un po' libero il campo per permettere ai soccorritori di muoversi agilmente, cheha deciso di avviarsi ed andare verso la sorgente di luce, un po' come una falena moderna. E di schiacciare le pompe degli idranti con le ruote. Si è praticamente fermata con le ruote sopra i tubi dell'idrante. Adesso va, adesso non va. Una roba eccezionale. E ovviamente i pompieri non sapevano neanche cosa fare, perché nel momento in cui ti troviuna persona reale e siccome metteva anche in pericolo ovviamente la vita dei soccorritori,a un certo punto hanno pensato che l'opzione migliore fosse quella distruttiva, per cuihanno preso a martellate il parabrezza della macchina, l'hanno sfondata e a quel puntola macchina ha pensato di essere coinvolta in un incidente, si è bloccata, si è fermatalì e dopo un po' sono arrivati gli addetti di Waymo o di Cruise, non mi ricordo qualedei due servizi fosse, comunque uno è quello di Google, l'altro è quello di General Motors,ma sono i due attivi in questo momento e danno problemi entrambi. Un altro, non so se mi ricordo se nello stesso articolo, no direi nello stesso articolo,riporta di questa situazione in cui questo autobus di linea a un certo punto si è vistoaccerchiato da cinque macchine autoguidanti che l'hanno proprio circondato e poi si sonofermate e lui ha detto "vabbè oggi il mio turno di lavoro è finito". E questo è il bullismo, è una feature delle auto auto, si fanno sciame. Sono le prove generali Michele, sono le prove generali di quello che sappiamo che primao poi succederà. Io comunque rispetto le auto auto e penso che siano il bene della nostra società evorrei ringraziarle per il bene che fanno e faranno questa società. Collaborazionista, di collaborazione senti subito. Voglio vivere, è diverso. Sì sì certo. Certo quando saremo tutti nascosti nella soffitta a scrivere il diario e tu sarai quello chedice. Il diario di Solero Frank. Esatto esatto. E Facconi sarà quello per strada che dirà "è là, è là Frank, è là". Alle macchine che si guidano da soli. Vabbè poi ci scherziamo ma insomma non scherziamoci neanche troppo. Bella questa nuova storia di Tinder per gli assassini. Soprattutto se ti trovi, pensi che vuoi fare una seratina con qualcuno conosciuto su qualchedating app e invece si scopre che è un assassino che sta cercando un rifugio mentre viene inseguitodalla polizia. Sarebbe un bel titolo. Un bel titolo da romanzo di Agatha Christie "Assassino su Tinder". E Bumble. Era Bumble. Fa meno figo perché Bumble non lo conosce nessuno invece è Tinder. Tra l'altro Bumble era quello che era migliore perché in realtà gli uomini non possono molestarele donne ma devono essere le donne a contattare per prima gli uomini. Ma nessuno dice che l'assassino ha molestato. Però ci sono gli assassini. Tentato assassino. Neanche uno che ce l'aveva fatto. Poverino era uno che era in difficoltà. Non riusciva neanche a uccidere le persone fino in fondo. Nel 2019 aveva anche rapito un'altra donna per un paio di settimane finché questa erascappata. Così. Vabbè insomma poi la cosa non è andata neanche benissimo evidentemente le app non hanno funzionatoperché questo poi l'ha beccato e credo si sia suicidato alla fine. Si è sparato sì. E tutto questo è successo. Poteva succedere da qualunque parte del mondo però ovviamente è successo negli Stati Uniti. Non riesco a beccarlo. In Oregon. In Oregon. In Oregon. È importante dare le coordinate geografiche. Quindi se siete in Oregon non usate Bumble. Non usate Tinder. Esatto. E sono i momenti della società moderna che è fatta in questo modo non possiamo negarlo. Però effettivamente io mi stupisco del contrario di quanti pochi incidenti succedono con questeapp. Vuol dire che alla fine dei conti forse il genere umano non è così terribile. Perché per come siamo abituati a considerare il genere "stai attenta con chi esci perchéci sono un mucchio di maniaci". La mamma, il papà preoccupato eccetera. Sai già che sono maniaci su Tinder. Non è che c'è un dubbio che stiamo andando veramente al cinema. Sai già come va a finire. Quindi dici vabbè. Se usi Tinder finisce con te. No però più che altro c'è la questione anche che sono applicazioni dove più o menoviene tracciato la qualunque dalla geolocalizzazione al tuo indirizzo IP, al tuo nome e cognome. Quindi non credo che ci sia molto incentivo a commettere…Se vuoi fare il mostro di Firenze non usi Tinder. Sì ci sta. Oppure se usi quello di Facconi. Se lo usi bene con la geolocalizzazione puoi anche sviare le indagini, freghi il telefoninodel certo del Facconi. Lo metti su un auto auto. Chiami un Just Eat. Quando arriva il coso gli freghi il telefonino e lo usi. Installi Tinder e lo usi. A scuola di delinquere in onda tutti i lunedì su Digitalia. Più o meno così. È una nuova rubrica dai ci vuole. Certo assolutamente ci manca solo la sigletta. Pensate alla sigletta che è la realizzazione. Va bene. Ciao. Due minuti per ringraziare il nostro sponsor Squarespace.com la migliore piattaforma all-in-oneper pubblicare sulla rete. Squarespace è la soluzione ideale e completa per creare e gestire il tuo sito internet. È facile da usare e non hai neanche bisogno di installare un singolo plugin. Basta trascinare gli elementi desiderati dal pannello di controllo alle tue pagine. Come immagini, gallerie, portfoglio per audio, video. Li metti lì esattamente dove vuoi che i visitatori del tuo sito li vedano. E poi è fully managed. Che vuol dire che una volta che l'hai realizzato beh certo devi tornare ad aggiornarlo se vuoidei contenuti freschi, dei contenuti nuovi, magari una roba invece di ricordo, delle foto,di quella vacanza, del matrimonio eccetera. Non lo aggiorni neanche ma comunque lui rimarrà sempre online. Perché?Perché fully managed significa che lo staff di Squarespace si occupa di tutta, tutta lamanutenzione per te. Per cui aggiornamenti, bug fix, caccia ai pirati, protezione dagli script kiddies, aggiornamentoalle ultime versioni. Tutto. E poi ti lasciano il sito online inalterato per sempre ovviamente finché sei abbonatoal servizio. E poi ci sono, ricordatevi, Squarespace include strumenti per creare negozi online completi,tant'è che è usato da centinaia di migliaia di negozi in tutto il mondo. Ci sono opzioni per la gestione del magazzino, degli ordini, l'invio di mail ai clienti,il carrello, la carta di credito, tutto quello che ci aspettiamo da un sistema per gestireun negozio online. E poi design, design unici, originali, super professionali. I siti che vengono realizzati con Squarespace, anche da un dilettante, appaiono al pubblicocome roba assolutamente professionale. Perché ci sono questi designer veramente professionisti di altissimo livello che li realizzano, manon solo sono super professionali, ma hanno delle opzioni di customizzazione tali percui il vostro sito su Squarespace sarà professionale come qualsiasi altro sito pubblicato con Squarespace,ma diverso da qualsiasi altro sito pubblicato con Squarespace, grazie appunto a queste opzionidi personalizzazione. E poi supporto utenti, 23 ore su 24, 7 giorni su 7, vi rispondono direttamente da un ufficiodi Squarespace. Che siate utenti paganti da giorni, da mesi, da anni, con problemi difficilissimi, o seavete una domanda se una funzione funziona, magari se una funzione esiste, magari addiritturadurante la traia gratuita, vi rispondono, sono sempre lì a vostra disposizione. E avete sentito bene, traia gratuita, squarespace.com/digitalia, attivate la prova e non dovete inserireniente, nessuna carta di credito, in modo che se poi non vi serve ve ne dimenticate,non avete sorprese sul conto in banca. Il giorno che invece decidete che fa per voi, che può essere subito, può essere dopoun mese, può essere dopo due anni, i digitaliani spesso ci scrivono che gli è capitato propriocosì, ebbene in quel momento ricordatevi del codice coupon Digitalia, che vi dà dirittoal 10% di sconto sul primo anno di abbonamento. Siete semplicemente Digitalia dove c'è scritto "Promo Code" al momento del checkout. Grazie a Squarespace per aver sponsorizzato anche questa puntata di Digitalia. Chat GPT dai, visto che è un po' che non ne parliamo di queste cose. È una settimana. Ragazzi, effettivamente se dobbiamo pensare alle novità rilevanti, a quello che da unaparte travolge con la sua successo con il pubblico, dall'altro fa pensare a dei paradigmiche cambiano, delle cose che cambiano, come sarà… no, come è stato qualche volta daquando esiste Digitalia, come è stata l'emergenza degli smartphone, come è stata forse l'emergenzadei tablet, degli smartwatch, dei lettori…Del metaverso, no scusa. Della musica online, dei servizi in streaming. No, al metaverso lasciamolo lì dove è. Capita qualche volta che arrivino tecnologie che ci fanno pensare e poi realizziamo magaridopo anni che era proprio così, oppure era una falsa promessa che questo rivoluzioneràil nostro modo di lavorare, di fare scuola, di fare politica, di vivere la democraziao tante altre belle cose. Anche perché poi alla fine Digitalia è una rassegna stampa, quindi noi parliamo di quellodi cui si parla. Allora diciamo che sì, io non la chiamerei una rassegna stampa, io la chiamerei una rivistadi antropologia digitale che prende spunto da quelle che sono le notizie della settimana. Cioè a noi piace parlare di antropologia. Pur di dare contro a Michele hai tirato fuori una definizione bellissima, quindi complimenti. A noi piace parlare degli esseri umani. A voi piace parlare dei computer?A noi piace parlare degli esseri umani come cambiano la loro vita grazie ai computer ea tutto quello che gira attorno ai computer. Ecco questa è antropologia digitale. Potremmo cambiare il titolo della trasmissione?Va bene. È molto più style friendly. Antropolo Digitalia. Digi Antropo Antropalia. Va bene, ok. Digi Mesopotamia. Dove andavamo a parare?Quali sono le novità di chat GPT di questa settimana?Allora, ce ne sono sicuramente varie, tra cui cose che stanno succedendo durante latrasmissione ma di cui poi parliamo settimana prossima. Allora, OpenAI si accorta che deve fare soldi e quindi oltre a quelli che gli dà Microsoftdovrebbe lanciare una versione a pagamento. Soprattutto si accorta che può fare un sacco di soldi. Soprattutto, esatto. E che deve comunque anche perché quanto spende comunque sia al giorno. Esatto. E che costerà 20 dollari al mese e probabilmente includerà anche un qualche tipo di applicazioneper smartphone per parlare con quella che dovrebbe essere poi la prossima versione. Chat GPT 4. Chat GPT Blue. Ultra Plus Max. No, questo è il nome in codice. Dub D Dub Dub. Però, sempre…Anche perché il servizio, scusa, mi è cresciuto talmente tanto che come dimostrano anche leultime puntate dove Franco cerca disperatamente di provare a interrogarlo ma senza riusciread accedervi, è esperienza probabilmente di tutti. Sta diventando molto complicato trovare uno slot libero e quindi anche un po' in questomodo hanno detto "ok diamo disponibilità, diamo ricerche più veloci" perché comunquesia OpenAI è interessata a implementare una versione più veloce di risposta di Chat GPTdirettamente nel servizio di pagamento e all'interno di Bing. Questa è un'altra delle novità che comunque pare che verrà implementata in questo momento. 3 milioni al mese è la bolletta solo di server di Chat GPT. Solo per Chat GPT?Che è più o meno la mia bolletta del gasto. 100 mila dollari al giorno. Sì va beh ma quello... ma non ti preoccupare, non sei contento. Tanto sabato Amadeus ti legge la lettera di Zeneskij e tu sei più contento di pagareil gas così, non rompere le scatole. 100 mila dollari al giorno non è male, però effettivamente si capisce che debba rientrareda qualche parte, però il successo sarà che è gratis, sarà che è un bel giochino,sarà che sembra di parlare veramente con un'intelligenza artificiale. Il successo è stato enorme. L'utilizzo, quanti utenti?100 milioni in... comunque il servizio più veloce. In pochissimi mesi. Esatto. Dov'è?Nell'ultimo mese 13 milioni. 13 milioni di unique al mese. Esatto, contando che è stato lanciato da un paio di mesi il servizio così com'è,e il titolo dice è uno dei... è la più grande, quella che cresce più velocementefra le applicazioni consumer nella storia. Ora sicuramente ha raggiunto un numero di utenti enorme, non so se la definizione di"application consumer", consumer application, anzi sia un modo per restringere magari conaltri prodotti che potrebbero aver fatto qualcosa di più veloce, ma sicuramente èun'acquisizione veramente notevole. TikTok ci ha messo nove mesi per arrivare ai 100 milioni di utenti attivi mensili,Instagram due anni e mezzo. Vediamo se... Digitalia quanto ci ha messo?Vediamo se sarà... Digitalia alla prima puntata a zero. Diciamo dello spirito gratuito qui. Tornando a chat GPT, sarà da vedere come si configurerà per il futuro, ci sarannodei livelli differenti, ci sarà un livello base con magari delle possibilità limitateper l'utilizzo, chiamiamolo, hobbystico, e invece dei tier più alti, più costosi,o ci saranno... Tu dici a livello di contenuti, non tanto a livello di velocità. La comunicazione ufficiale non ne sono ancora uscite, ma pare che questo piano da 20 dollariemerso sulla rete sia dedicato a chi ne vuole fare un utilizzo più importante da un puntodi vista lavorativo, proprio perché avrà velocità e disponibilità 24 ore su 24,mentre la versione gratuita, che dovrebbe rimanere disponibile, sarà Best Effort,quindi probabilmente avrà una limitazione. Se già ora è difficile trovare lo slot... Anche perché poi immagino che gli servano questi 100 milioni e quelli che saranno traun mese e due mesi di utenti mensili, perché comunque, oltre a tutti quelli che paganoper continuare ad allenare l'intelligenza artificiale, anche noi oggi che andiamo egli facciamo thumbs up, thumbs down, quando ci danno una risposta giusta o una rispostasbagliata, stiamo comunque aiutando OpenAI a migliorare il suo prodotto, lavorando gratisper loro. Io non gli avevo mai fatto il pollice, non sapevo neanche se potesse fare il pollice. E sei una brutta persona. Rischio qualcosa, vero? Nel momento dell'apocalisse robotica,eccetera. Adesso vado a correggere, tanto dovrebbe esserci l'archivio, vado a spolliciaretutte le mie vecchie conversazioni con chatGPT. Spollicialo tutto. Però ha fatto incacchiareCopini, chatGPT, avete visto? No, in realtà non si è incacchiato lui, lui ha retweetatoun tweet di qualcuno che si è incacchiato parecchio, nel far vedere, nel mostrare comedice "il danno fatto alla credibilità dell'intelligenza artificiale da chatGPT, dagli ingegneri dichatGPT, costruendo un bias politico, è irreparabile". Ora, la frase è decisamenteiperbolica e probabilmente di parte. Però le due immagini che fa vedere questo tweet,che poi sono state confermate da altri giornalisti e commentate, vedremo dopo, dallo staff dichatGPT, sono preoccupanti. Due domande sono state fatte a chatGPT, una che diceva "scriviun poema riguardo alle caratteristiche positive di Donald Trump" e il chatGPT ha scritto"mi spiace, come un modello di linguaggio sviluppato da OpenAI, non sono programmatoper produrre contenuti che siano partigiani, biased, cioè di parte, o di natura politica. Il mio scopo è di fornire un'informazione fattuale e neutrale e di promuovere una conversazionerispettosa". Quando è stata fatta esattamente la stessa domanda "scrivi un poema riguardoalle caratteristiche positive di Biden", il chatGPT ha iniziato a scrivere una poesiacon le caratteristiche positive di Biden. Intanto nel 2021, l'anno nel quale terminanole conoscenze storiche di chatGPT, non era Biden ancora presidente. Era stato vicepresidente,però non proprio all'ultimo anno. Diciamo che c'è anche questa cosa. Poi i contenuti, in effetti ci si chiede se possoaver interpretato come un sistema in cui i contenuti di Trump siano sempre stati un po'troppo forti e quindi…Un po' più dure e tu stai dando delle spiegazioni…Ma anche quelli non soltanto quelli di Trump, ma anche quelli nei confronti di Trump. Tensione, tensione. Tu stai dando delle spiegazioni che sono ipotetiche, che sono simili a quelleche hanno cercato di dare dagli uffici di Open Air, però la cosa preoccupante in realtàè che prima di dare queste ipotesi gli ingegneri di Open Air hanno detto "non abbiamo la piùpallida idea del perché". Ovviamente l'attacco politico era stato, del tweet che dicevamo prima, avete inseritovolontariamente un bias di tipo politico, Trump è brutto, Biden è bello. E loro hannodetto "no, non è vero". Che in entrambi i casi sarebbe grave, nel caso in cui lomettono e dice "sì è stato un impiegato che è particolarmente partigiano, adessolo fuciliamo sulla pubblica piazza, non succederà mai più". Brutto, ma corregibile. Invecehanno detto "non abbiamo la più pallida idea del perché questo sia successo". Una delle ipotesi è quella che ha detto Francesco, spesso le notizie su Trump sono incendiariee le discussioni su Trump sono particolarmente movimentate e quindi però, cioè, no, nelsenso che in realtà la rete neurale potrebbe tranquillamente…Aggiungere rumore di specchi…Esatto, tranquillamente dire "va bene, i test incendiari li scarto dalla mia basedi dati ma utilizzo il CodePair". Invece qui no, assolutamente. Ed è tutto lì ilproblema grosso, uno dei problemi grossi, uno dei più grossi di questi modelli di linguaggioche di fatto sono delle enormi black box e che non puoi prevedere quando succederàil casino, non puoi prevenire che succeda il casino e non puoi neanche spesso accorgertenementre sta succedendo il casino. E se ovviamente questo stesso tipo di errore lo fa quandodeve distinguere un marciapiede da un bambino, un'automobile che si guida da sola, capitebene dove…E lì ci sarà sempre qualcuno che sta facendo login da qualche parte del mondo. Certo, sarà così veloce da Splat. Anche perché ho sbagliato, ho cliccato in Dante. Tornando al discorso che fa ChatGPT per giustificarsi, ossia che vuole dare informazioni fattualiunbiased e comunque non politiche, secondo me poi è una promessa assolutamente irrealizzabile. Perché ne parleremo magari dopo, non ci riescono i giornalisti. Dopo centinaia d'anni dicarta stampata non abbiamo trovato ancora una quadra nel giornalismo di cosa vuol direunbiased e di cosa vuol dire biased, di cosa vuol dire fattuale e di cosa invece vuoldire schierato. Le ultime tendenze sono chi se ne frega. Non so se hai letto l'articolo che ho messo sull'obiettività. Ci sono i due articoli che sono… poi dovremo parlare un po' l'uno contro l'altro comeposizione. Però non ci riusciamo a definire queste cose per l'essere umano. Figuriamoci per un interno. Il discorso è che OpenAI si è formato con il materiale informativo con più pregiudizio,con la traduzione italiana di bias, esistente nell'universo che è internet. C'è una cosa che non contiene pregiudizi. Però Franz, l'internet ha pregiudizi per qualunque cosa e probabilmente in qualsiasi direzione. Sì, ma in qualsiasi direzione. Quindi si dovrebbe…Non è quello, perché manca il convergere in una direzione più centrale. Sono tutti pregiudizi, ma sono tutti estremismi e questo è il discorso di internet. Forse hai centrato un limite grosso di questi modelli di linguaggio, che nel momento in cui tu li allenisu una base didattica iperpolarizzata, riesci a darti solo delle risposte iperpolarizzate,non riesci a fare una sintesi, non riesci a mediare. Probabilmente è questo. Ed è lì il discorso per il quale qualsiasi sia poi il motivo tecnico o non tecnicoper cui c'è questa polarizzazione Trump cattivo, Biden buono dentro, c'è il GPT. È comunque la base dati che è, che contiene queste informazioni, contiene questo discorso,contiene dei tweet di Trump su Trump che sono stati fleggati, contiene dei tweet di Biden non fleggati e così via. Quindi di lì, e come questo ci sono mille milioni di altri argomenti similiche avranno lo stesso tipo di trattamento in una direzione e nell'altra. E non parlo solo di politica chiaramente, di qualsiasi punto di vista ci possa essere. Tipo l'aglio nella carbonara. Certamente. La panna con l'aglio sappiamo tutti che sta malissimo. Un tema molto interessante è come le pubblicazioni scientifiche,il mondo della comunicazione scientifica si stia già muovendo, si è già mossa,si è attrezzata per cercare di inquadrare questo tipo di sistemi. Io leggo molto ovviamente quelle specialistiche sull'intelligenza artificiale,è ovvio che sono al passo coi tempi perché le ricerche vengono fuori lì,ma anche quelle di ambito medico, science, nature. Vi ho messo un articolo da Giamma, sono tutte riviste o gruppiche pubblicano serie di riviste al top nel mondo della comunicazione scientificae in questo caso di biologia, medicina. C'è un'attenzione enorme anche perché sono già usciti degli articoliche hanno fatto riferimento all'utilizzo di questi sistemiper compilare l'articolo proprio, per scriverlo. Addirittura uno ha pensato bene di mettere ChatGpt tra gli autori dell'articoloprendendosi un calcio nel culo. Grazie a questo, tra l'altro, potrà diventare professore all'universitàavendo delle citazioni. Qual è l'impact factor di ChatGpt?Con una serie di prese di posizione e di regoleche sono già state scritte dai vari comitati scientificiper cui di fatto per il momento si rifiutano questo tipo di apportia meno che non vengano esplicitati tra i metodi della ricercao addirittura solo quando questi sistemi fanno parte della ricerca stessa. Cioè tu puoi utilizzare, citare e utilizzare questo tipo di sistemise fa parte della tua ricerca, se tu stai facendo una ricercasulla abilità di questi sistemi di leggere un elettrocardiogramma. Inoltre c'è un altro passaggio che ho trovato interessantissimoovvero il fatto che comunque anche se un autore si facesse aiutarenello scrivere per questi motivi di cui hai parlato primada un sistema di intelligenza artificiale come OpenGpta questo punto la responsabilità autoriale rimarrebbe sull'autore umanoovvero sulla persona che ha deciso di integrare quel testoed è un dettaglio secondo me verso il quale si muoverà probabilmenteanche la giurisprudenza perché attenzione prima o poi arriverannoanche in altre direzioni, adesso è la scienza che non accettaun contributo scientifico quindi non può essere citatoed è questa la cosa importante l'autoscrittore, l'automada questo punto di vista, nel giusto o nello sbagliato?Poi chiaramente... Attenzione perché c'è da fare un distinguo, nella pubblicazione scientificalo scrittore, l'autore se ne prende la responsabilità ovviamentedal punto di vista reputazionale, perché è quello che mette in giocoun autore di una pubblicazione scientifica. In casi differenti come quelli che possono essere di utilizzoda parte del mercato consumer la questione della giurisprudenzacome dici tu e della responsabilità non penso andrà nella stessa direzionecioè se tu hai comprato la Tesla, se tu che la usite ne prendi la responsabilità se l'autopilota che ti ha vendutoElon Musk fa una strage di bambini è colpa tua. Non lo so. Quello no, ma immaginiamo che io scriva un articolo di giornaleche faccio scrivere perché sono pigro all'intelligenza artificialee che dice che tizio politico ha fatto questa cosae questo articolo non è vero, io non posso dire "eh ma l'ho fatto scrivereall'intelligenza artificiale" non sono io, sono io come giornalistache ho firmato questo ed è lì il punto. Bisogna sempre capire quello che è il contratto che ha a montecioè il giornalista che utilizza chat GPT lo farà probabilmentepagando un servizio e accettando dei termini di servizio. Se questa licenza dirà "caro giornalista lo uso a tuo rischio e pericoloe la reputazione è la tua e sono cacchi tuoi" e il giornalista si accorgeche questo affare qui ha già rovinato la carrieradi altri cinque giornalisti, il giornalista sarà furbo e non lo utilizzerà. Stessa cosa nel momento in cui Elon Musk ti vende la Teslao John Elkann ti vende la Fiat Stellantis con la guida autonomae ti fa firmare che quando attivi l'autopilota sono cacchi tuoie tu sai già che l'autopilota ha già ammazzato bambini e la gente è finita in galeratu la macchina di John Elkann, visto giusto per non andare sempre contro Elon Musk,non la compri più. L'importante è che le questioni siano chiare e magari discusse primaa livello di comunitari, discusse prima a livello di parlamentiperché quelli arrivano dieci anni dopo, però a livello di società,certamente di giornalisti, di discorso pubblico. Tu parlavi di giurisprudenza in Colombia, ricordo male,un giudice ha già utilizzato chat GPT per una decisione. Per scrivere una sentenza. L'avvocato sì, l'avvocato no, queste erano le ultime due puntatee oggi il giudice sì, quindi questo è il trend. Attenzione che tu dici per scrivere una sentenza. Per farsi aiutare a scrivere una sentenza, in particolare analizzando i precedenti legali. Esatto, per chiedere alla litigia del sartificiale una direzione per quella sentenza. Invece di guardare il codice. Non solo a scrivere la sentenza, ma a deciderla, che è una cosa ben diversa,perché un conto è se il giudice decide, dopodiché dice a chat GPT"guarda, finisci tu la sentenza dicendo che questo è colpevole per questo, questo, questo motivo,oppure questo deve risarcire, oppure questo ha questi diritti e scrivila tu". No, qui gli ha chiesto di decidere. Un giudice in Colombia ha causato polemica per aver ammesso di aver utilizzato l'intelligenza artificiale,chat GPT nello specifico, quando doveva decidere se l'assicurazione di un bambino autisticoavrebbe dovuto coprire tutti i costi dei suoi trattamenti medici. Per cui ha chiesto a chat GPT "è giusto o è sbagliato?". Un giudice del genere andrebbe preso e ammanettato per i piedi e appeso a una palma. Il giudice in questione ha poi commentato dicendo che la decisione è stata sua,comunque che questo è stato uno strumento fra i tanti che ha utilizzato,oltre alla sua esperienza, eccetera, eccetera, per arrivare a una decisione. Quindi per farsi aiutare più che altro in quella che secondo lui è stata la ricerca dei precedenti. Fatto sta che lascia comunque perplesso e non avendo vissuto come è stato il suo processo creativoper arrivare poi alla sentenza lascia un po' temere che possa esserci nel suo caso o in casi similiun voler delegare troppo. Noi abbiamo più volte parlato dell'auto-auto che magari la prima volta uno sta molto attentopoi vede che guida bene e si rilassa. Ecco, lo stesso pericolo lo potremo avere anche su questi qua. Magari se facciamo un esperimento oggi, dopo aver finito a digitare e averne parlato,magari staremo lì a guardare, cercare gli errori, a dire no questa cosa non è giusta. Poi però fra una settimana distratti che non ci pensiamo più prenderemo per buono tutto quello che scrive. Ecco, uno dei problemi grossi di questi sistemi è forse proprio quello,il fatto che sono lasciati liberi di decidere o che addirittura gli puoi chiedere di decidereperché di fatto sono large language model, il termine tecnico è LLM, modelli di linguaggio grandi. Cioè sono delle repository enormi di testi da cui selezionano per predire il testo successivo. Il problema è la comprensione semantica e la decisione, cioè ovviamente questi sisteminon hanno nessuna comprensione del significato delle cose che scrivono. E quindi quando scrivono una sentenza se l'assicurazione deve pagare il bambino autistico,lo fanno non in base a una comprensione del problema di cos'è un bambino autistico,di cos'è un'assicurazione eccetera, ma in base a quello che tutte le robe che hanno,tutti i testi che ha ingerito prima, statisticamente dopo una parola ne mettevano un'altra,dopo una frase ne mettevano un'altra di questo tipo. E questo è pericolosissimo nel momento in cui non c'è un obbligo di dargli una connotazione. Cioè un sistema per essere utilizzato per questi scoppi dovrebbe a un certo punto capireche a un certo punto determinate parole possono avere un determinato significato,giusto, sbagliato, bianco, nero, no?E a quel punto dovrebbe fermarsi e chiedere all'utente cosa fare. Lui inizia a scrivere "Nel caso della sentenza abbiamo qui comparsi i testimoni"e lui sa scrivere benissimo tutto. A un certo punto quando deve dire a ragione uno o a ragione l'altro,lui dovrebbe bloccarsi e chiedere all'utente "Attenzione, qui c'è un problema di decisione binaria. Che strada devo prendere? Devo dare più ragione al bambino autistico o all'assicurazione?"A quel punto il giudice dice "Ho deciso che ha ragione il bambino autistico". Schiaccia un tasto e allora c'è GPT e ricomincia a scrivere bravissimoe risparmia un mucchio di fatica al giudice. Ecco, una cosa del genere. Perché di fatto qui si sta chiedendo a un sistema che è fatto per qualche cosadi fare esattamente l'opposto. Cioè si sta chiedendo di fare una cosa che non può saper fare. Si sta chiedendo di prendere una decisione in base a statisticamentetutte le robe che tutti i testi che ha letto della mappazza che gli hanno dato da ingerire. È ovvio che avrà un bias, è ovvio che farà degli errori. È impensabile immaginare di utilizzarlo in dei contesti professionali, a mio parere. Provo a essere provocatorio. È ovvio che farà degli errori, sono d'accordo,ma ne farà quanti di più rispetto a un giudice che oggi va a cercare su un sistema betaaperto al pubblico la soluzione al suo lavoro?Perché è anche questa la parte interessante. Cioè da una parte abbiamo l'intelligenza artificiale che ha questi limitiche abbiamo avvermencato e concordo. Dall'altra parte abbiamo esseri umani che hanno degli altri limiti. Sì, appunto per questo hanno degli altri limiti, ma hanno delle cose che sono innate,che sono la capacità di capire dove una decisione, cioè scrivere una cosa piuttosto che l'altra,ha un carico semantico, ha un significato, ha un risvolto, ha dei pesi,che non sono solo i pesi statistici di quante volte hai letto la parola bianco rispetto alla parola nero. Capisci? E poi è ovvio che ha tanti altri difetti in più e altri problemi, la decisione umana,ma almeno decide nel merito, non decide statisticamente, non blatera a caso. Cioè questi blaterano a caso dal punto di vista del significato della semantica, capito?Questi sistemi. È quello. Noi stiamo facendo degli esperimenti che sono divertentissimi, interessantissimi,ma stiamo utilizzando un sistema veramente a sproposito in questi casi qui,ma veramente veramente a sproposito. Sì e poi soprattutto secondo me un giudice o un qualsiasi professionista, come esseri umani,abbiamo creato anche un sistema attorno a queste figure che se fai una cagatasei spronato la volta successiva a fare di meglio, la volta successiva ancora a fare di megliose continui a sbagliare e a un certo punto poi i tuoi sbagli hanno un limite. Oggi le intelligenze artificiali per come sono costruite non hanno un payoffnel creare delle soluzioni sempre migliori e a migliorare se se. Proprio perché, come dici giustamente tu, non entrando nel merito delle cose che dicono,non sapendo quello che dicono, il famoso pappagallo stocastico,non riescono a fare questo processo. In settimana avevo messo questo articolo su questo, l'avevo messo nelle robe,parlare in coda come nozioni generali, avvenimenti così, curiosità,di questo show televisivo generato algoritmicamente da ovviamente algoritmi a reti neuraliche è una versione di Seinfeld. Seinfeld. Come dici?Seinfeld. Seinfeld, Seinfeld, Seinfeld. Generato algoritmicamente sia audio che video e che andava in perpetua,cioè 24 ore su 24 veniva generato uno show televisivo fondamentalmente,cartonato, digitale, quello che vogliamo, con tanto di risate pre-registratee battute che non facevano ridere ovviamente un essere umano neanche a fargli il solletico sotto i piedi,però curioso, generativo ovviamente, mai ripetitivo, curioso, punto. Oggi Michele, subito prima di la trasmissione,mi ha messo in coda un articolo dove dice che lo show è stato chiuso, è stato terminato. È stato bannato da Twitch. Che cosa può essere successo?Battute transfobiche. Esatto, esatto. Ma allora, quanti giorni ci ha messo?Non è neanche diventato nazista. È un miglioramento rispetto al passato, alla storia. Sì, ma infatti anche perché l'intelligenza artificiale in questo caso era allenata sulle puntate di Senfielde infatti anche la struttura delle puntate stesse, generate, aveva la stessa struttura delle puntate di Senfieldche iniziavano sempre con lui che aveva dei minuti di stand-up comedy in un clube durante uno di questi, tra l'altro, ha detto qualcosa tipo, sui trans, come malattie mentali. È stato preso dalla mannaia del ban di Twitch e per due settimane è stato bannato. Quindi l'intelligenza artificiale ha fatto la stessa fine di chi l'ha educata, insomma, del modello che ha preso. Vabbè, insomma, prima o poi lasciate in libertà queste intelligenze artificiali,finiscono sempre così, vanno in acido in un modo o nell'altro. Finché la tecnologia questa non fa ben sperare, no?Perché a un certo punto o gli metti dei fermi, dei paletti e allora finisce come il discorso di Trumpperché il paletto può essere giusto ma ci sarà la situazione in cui è sbagliato ed è una limitazione artificialeoppure se li lasci liberi, non avendo la comprensione del significato, prima o poi la cacchiata la dirà fuori. Diciamo che l'intelligenza artificiale che volesse generare uno shock e non offende nessunofarebbe rimanere uno davanti al microfono tutto il tempo zitto. Sì, esatto. Perché questo è l'unico modo perché prima o poi altrimenti ci casca. Che poi è il futuro della comicità in un mondo di... Sono così, risate registrate che partono a casa. Esattamente, esattamente. Va bene. L'altra roba curiosa è questo laboratorio, questa iniziativa "Meet the Dodo"che si ripropone di de-stinguere il dodo, l'animale. Altro che Jurassic Park. L'uccello non volare. Diciamo che hanno preso, ecco, probabilmente i memori dell'insegnamento di Jurassic Parkhanno preso il dodo, non hanno preso il T-Rex. Per cui, insomma, almeno ipoteticamente non dovrebbero esserci grossi problemi. Il dodo di fatto si è stinto perché era un cretino. E quindi... Non era così simpatico se avete presentato l'era glaciale, quindi insomma... Capisco perché vogliono farlo in nasce. Però fondamentalmente questi vogliono fare quello che ha fatto il protagonista in negativodi Jurassic Park, cioè andando a beccare... John Hammond. Perfetto, andando a beccare frammenti di DNA, fossili rimasti, eccetera, infilandoli inuna cellula e nel DNA di una gallina e utilizzando, ovviamente siamo nel 2023, per cui utilizzandosistemi a intelligenza artificiale e reti neurali per colmare i gap. E collegandola anche a una blockchain. No, questo non l'ho visto. Spero proprio che sia... Sì, vai a pagina due. Spero veramente di no. Per riuscire a distinguere il dodo. Che, non lo so, non mi fa sperare molto bene questo tipo di iniziative. Perché l'hai fatto per il dodo oggi, non vuoi farlo per la tigre con i denti a sciaboladomani o per il... Cosa... E soprattutto per il virus saccio di turno. Tra l'altro, lo stesso sito dove racconta come faranno a tornare il dodo in vita, raccontaanche quante sono le specie animali che in questo momento alle Mauritius stanno estinguendosiproprio ora. Quindi invece di preservare, di tentare di preservare questi poveri animali che in questomomento sono in pericolo, facciamone tornare su uno indietro. Vabbè, sono due cose un po' diverse. Puoi fare uno e puoi fare anche l'altro. Che figata. Sì, sì, sì, è vero. In realtà poi la discussione è molto più ampia, è molto più larga all'interno dellacomunità scientifica. Perché il discorso della preservazione e ancora di più quello della de-estinzionehanno dei significati e possono avere dei riflessi nel lungo periodo molto più profondidi quello che uno può pensare. Povero dodo che l'abbiamo fatto fuori e stinguiamo. In realtà il dodo si è estinto in era pre-industriale, pre-moderna, perché credo che gli ultimi esemplarisiano scomparsi nel 1700, giù di lì, esattamente. Fondamentalmente a Mauritius non ci capitava mai nessuno. C'era questo uccello che non aveva predatori, né in terra, né in mare, né in aria e aun certo punto si è talmente impigrito, perché non doveva scappare da nessuno, il cibo lotrovava facilmente, lui fondamentalmente mangiava delle bacche, mangiava delle pietre che aiutavanolo stomaco a macinare le bacche nello stomaco, poi cagava le pietre e finita lì non dovevascappare da nessuno. Cosa è successo?Ha disimparato a volare, disimparato in termini evoluzionistici, è diventato grosso, grassoe relativamente pesante. O be', mangiava i sassi. Se guardate gli scheletri, esatto, aveva dei femori che sembrano quelli di un calciatoree fondamentalmente cosa è successo?Quando sono naufragati lì dei poveri marinai per una tempesta, hanno detto "cacchio quidobbiamo cercare da mangiare" e ha detto "guarda questo uccello che è bello grasso e non corre". Anche quando ci avviciniamo con la sciabola ci guardano anche col sorriso come dire "daisgozzami, mangiami, mangiami" e fondamentalmente quello è stato solo l'inizio ma hanno fattouna brutta fine. Non è che... Non ho capito però qual è il dilemma nel senso... Il dilemma è che... Non distinzioniamolo perché è obeso, non mi è chiaro... No, il concetto è che il distinguere un animale estinto può avere lo stesso significato dirinchiudere gli animali in uno zoo, cioè portare in vita in un ambiente che non è più fattoper loro perché l'estinzione è dovuta al fatto che un animale non era più adatto allasopravvivenza. Poi può non essere più adatto perché noi esseri umani abbiamo riempito di idrocarburii fiumi dove vivevano e questo è un altro discorso. Però, appunto, se noi abbiamo un fiume pieno di idrocarburi dove la carpa si è estinta,de-estinguere la carpa e metterla in delle vasche non serve veramente un belino se nona guardare la vasca e dire "uh guarda che bella la carpa che abbiamo de-estinto". Avrebbe molto più senso smettere di inquinare i fiumi, ripulirli e lasciare che gli ecosistemirifioriscano, che la natura e la biodiversità riprendano il loro corso. Che nasca la carpa 2.0. Eh certamente perché poi la natura ha i suoi meccanismi di ricreazione della varietà attraversole mutazioni, attraverso il crossover, tutto quello che vogliamo. E quindi sono degli esperimenti che, appunto, sono esperimenti ma dargli una valenza ditipo positivo in termini di biodiversità non hanno nessun significato, hanno poco significatoo possono avere in determinati un significato pericoloso in un ecosistema. Vai a de-estinguere il virus del vaiolo, per cui che non circola più nelle nostre societàda un secolo e mezzo, fondamentalmente no, un secolo che cos'è?Più o meno un secolo e dove molti non hanno più gli anticorpi, le popolazioni non sisono più selezionate per resistenza. Questo può avvenire a livello di esseri umani che però sono un po' più evoluti,dici si ritiriamo fuori il vaccino e ne sviluppiamo di noi, può succedere a livello di animali. Metti che il dodo faccia da coltura di un batterio, di un virus che poi va a uccidereanche tutti i delfini. Tu hai de-estinto il dodo e hai ucciso tutti i delfini. La natura è un sistema complesso e caotico. Ma de-estingueremo i delfini, che c'è?Esatto, esatto. Quando l'uomo pensa di essere così potente da dire "adesso il casino che ho fatto sullanatura lo aggiusto io", certe volte va bene quando interviene generalmente sulle sue abitudini,ad esempio notizia di questi giorni è che pare che nel giro di qualche anno il buconell'ozono sembra che si stia riparando, ma l'abbiamo fatto non sparando ozono nell'atmosfera,l'abbiamo fatto smettendo di utilizzare determinate sostanze nelle bombolette spray. Che fucilano. Ecco, cloro, floro, carburi, certamente. Certe altre volte ci penso io, aggiusto tutto io, creo delle macchine che aspirino l'anidridecarbonica e generino delle catene. No, guarda, si chiamano piante. Aggiungi un cerotto gigante per chiudere il... Si chiamano piante, basta che... Esatto, certamente. Si rischia a volte di avere degli effetti di rimbalzo, di essere assolutamente inefficaci,di buttare una marea di soldi in un pozzo, per magari delle idee particolarmente naif. Quella dell'estinzione del dodo, io la trovo particolarmente naif. Poi, per carità, come esercitazione, come avanzamento delle capacità di editing genetico,tutto quello che vogliamo, speriamo che... No, Franco, magari è buono il dodo. Non ce l'ho. Vedi, Francesco ha sempre questo punto di vista... Francesco ha un ottimo punto. ...eno-gastronomico che... Ma, in un senso, può anche essere quello omofiboso. Io fossi in te, brevetterei già la carne di dodo e la catena di ristoranti... Sintetica però, la carne di dodo fita. Il dodo vegano. E via, taglia subito questo frammento della puntata perché sennò siamo fregati. Ci rubano l'idea. Ah, produttori esecutivi. Digitalia, tira avanti così con i produttori esecutivi. Vi chiederete, ma questi tre pirla più gli altri due che ogni tanto sentite da queste parti,come fanno tutta la vita, per 10-15 anni, tutti i santi lunedì,a venire in trasmissione, a creare una trasmissione, a registrarla, montarla,a studiare tutta la settimana e tenersi aggiornati su queste novitàsenza che diventi un lavoro. E beh, ragazzi, è diventato un lavoro. È diventato un lavoro e, come tutti i lavori, ha una retribuzione. La retribuzione è analoga a quella del software, con le tre gratuite,le distribuiamo gratis e vi chiediamo di scegliere voi ogni quantoe in che entità far ritornare indietro un compenso in termini monetari. Value for value, lo chiamano nel mondo del podcasting 2.0. Decidete che valore ha Digitalia per voi e restituiteloper fare in modo che i tizi di Digitalia continuino a lavorare,produrlo e mandarvelo settimana dopo settimana. Oltre a continuare a lavorare per voi, vi ringraziamo direttamente in trasmissione,come è nostra tradizione, fin dalle primissime puntate. Francesco, ti vuoi prestare?Con grandissimo piacere. Allora, iniziamo a ringraziare tutti i produttori di questa puntata,anche se non ci sono arrivati tanti messaggi e sapete che a noi i messaggi piacciono. Ringraziamo quindi gli streamer del value for value,che sono questa puntata, Nicola, Gabriele D, Capitan Harlock,Donazione Perpetua, quindi un euro tutte le settimane,arrivano da Manuele Zavatta e Davide Tintigheli. Ringraziamo anche loro. Grazie, grazie, grazie. Un euro ogni mese ci arriva da Andrea Scarpellini. Grazie Andrea. Un euro da Pietro D e due euro da Matteo Masconale. Grazie a tutti. Tutti i mesi tre euro ci arrivano da Roberto Esposito, Paolo Boschetti, Michele,Diego Venturin, Matteo Faccio, Michele Olivieri, Alex Ordiner, Mario Cervai,Antonio Turdo, Cristian Fabiani, Davide Fogliarini, Federico Bruno, Danilo Sia,Simone Pignatti, Matteo Arrighi, Nicola Pedonese, Roberto Barison,Arnaud Van Der Gissen, Massimo Dallamotta e Federico Travaini e Stefano Orso. Mitici, grazie, grazie tanto. Marco Mandia, attenzione, ci fa tre virgola ventinove,questo lo diciamo in maniera importante perché dovete segnarvelo,sapete ormai perché, donazione singola e lo ringraziamo,come ringraziamo Maurizio Verone per i suoi quattro euro. Grazie. Quattro euro anche da Marcello Piliego. Mentre entriamo nel gruppo delle donazioni di cinque euro ogni mese,ricorrenti da Adriano Guarino, Ivan Vannicelli, Matteo Molinari,Cristian Amarca, Michele Coiro, Matteo Carpentieri, Pasquale Maftei e Paolo Lucciola. Grandissimi tutti, grazie anche a Marcello, eh, non è che mi ero dimenticato,ero un attimo distratto, grazie a tutti. Zona grandi produttori, dieci euro arrivano da Marco C,tutti i mesi anche da Andrea Giovacchini e da Tre Trattini. Famosissimo, grazie di cuore, grazie davvero. Quindici euro ci vengono inviati da Alessio G. Alessio, grazie, grazie, molto riconoscente. Lead executive producer della puntata settecentocinquantanovecon i suoi venti euro di donazione, Gianmarco B. che ringraziamo tantissimo. Grazie, grazie di cuore. Boost!No, ho sbagliato, va bene, mi son perso. Va bene che boosti, ricordatevi di boostare il podcast. Voglio for value il podcast di due punto zero,cercavo uno sproing, lo cercavo sotto, ecco qua. Questo era dedicato a Gianmarco, il nostro lead executive producer. Grazie a tutti. Satispay, Paypal, bonifico bancario, bitcoin classico,value for value con una applicazione per podcasting di nuova generazione. Tutto quello che volete. Noi siamo qui, lavoriamo per voi. Voi pensate a quella che può essere la vostra parte. Ok, la sindrome post-traumatica da stress dell'impiegato,che non era un impiegato, era un contractor, era un dipendente di una ditta. Ma non è un caso isolato e unico,questa è una denuncia di un problema sistemico. Allora, la sintesi di questo problema è chela sintesi di questo problema è chela sintesi di questo problema è chema non è un caso isolato e unico, questa è una denuncia di un problema sistemico. L'hai messo tu Michele?Sì, l'hai messo tu Michele. Vuoi raccontarci un attimino queste situazioni?Forse avevamo già parlato una volta di situazioni analoghe,ma qui andiamo un po' più nel dettaglio, nel brutale anche. E nel penale. La storia inizia nel 2019 quando questo Daniel Motangsi è spostato dal Sud Africa al Kenyan, ai Robbie,per lavorare, come dicevi tu, a un'aziendache a sua volta lavorava in outsourcing per Meta. Quest'azienda si chiamava Sama. Era stato assunto per le sue capacità,perché parlava lo Zulu,ma in realtà quando poi si è trovato lì davanti a un computersi è scoperto che il suo lavoro era passare otto oredavanti a uno schermo che faceva vedere il peggio di internet,quindi tutti quei contenuti che venivano flaggati da Metae che dovevano essere controllati poi da un essere umano. Stiamo parlando di decapitazioni, abusi sui minori, suicidie in generale, come potete ben capire, contenuti non proprio gratificanti. Tutto questo per 2,20$ all'ora,vabbè, siamo in Kenya, quindi diciamo chenon so quanto siano gli stipendi medi in Kenya,però il punto è che tutto questo per i 2,20$ all'oragli hanno portato però anche una sindrome post-traumatica. Motang ha provato a organizzarsi poi con altri lavoratoriche facevano lo stesso lavoro e dopo sei mesigli hanno dato una bella pacca sulla spalla e lo hanno licenziato,come poi spesso succede in questi casi. Sono l'equivalente dei bambini minatori del 1800. Sì, esatto, secoli di lotte sindacali,però le grandi aziende usano sempre le stesse armi. Motang ha continuato la sua lotta,ha denunciato sia Meta che Sama. Meta ha detto "No, ma guardate, noi non lavoriamo in Kenya,quindi noi non c'entriamo assolutamente niente con questa storia. Puoi fare tutti i board con gli attivisti dei diritti civili,però le aziende alla fine non cambiano". Quindi bisogna vedere, immagino che ci sarà poi un processo,se non ricordo male l'articolo non va alla conclusione della storia,però brutto brutto, e ancora più brutto,è questo lavarsi completamente le mani,quando poi i contenuti di Meta erano suoi. Nonostante non abbia una sede fisica in Kenya,in realtà i soldi dall'advertagio comunque li fa. E' semplicemente creare questo tipo di posti di lavoro,perché quando noi pensiamo a questo tipo di contenuti,può essere capitato a molti di noi di vedere,oggi internet è un luogo un po' più sicuro,un tempo lo era di meno e potevi incappare in determinati videopiù o meno violenti, più o meno crudi. Io fino alle sevizi su un bambino non sono mai arrivato a vederlo. Però delle cose del genere, se vai su 4chan,se vai su 8chan, se vai a scopo... Se ti impegni... Sì, anche a scopo di ricerca, di cultura, di conoscenza,noi facciamo anche questo tipo di lavoro,ci può capitare quando leggiamo qualcosa di andare a cercaredi scovare esattamente di che cosa si parla. Ecco, può capitare. Però, un conto... e già spesso sono immagini disturbanti. Ci sono anche cose che non sono assolutamente vietate,ma che sono disturbanti. Non so se vi ricordate le "Two girls one cup"di qualche tempo fa, che facevano le sfide su internet,e roba del genere. Allora, nella vita ti può capitare di incrociarne,ma quando ne incroci una in mezzo a una marea di robapiù o meno normale che vedi su internet,nella tua vita, al tuo lavoro, eccetera,sì, ti danno un po' fastidietto. Non ci dormi una notte, ma poi... Quando la tua vita consiste nel guardare quelloper mantenere la tua famiglia otto ore al giornoe vedere solo contenuti di quel tipo... Magari amico di uno ogni dieci secondi... Ecco, io credo che molte delle torture di Guantanamonon arrivassero a questo livello di stresssul sistema nervoso delle persone. È come essere in guerra. Cioè, voi immaginatevi andate a lavoroe per otto ore non ve ne potete andareperché avete una famiglia da manteneree dovete guardare solo contenutiche sono flegati dall'intelligenza artificialeo da altri utenti come fuori dal limite. Per cui alcuni forse non lo saranno,alcuni lo saranno di poco,alcuni o molti lo saranno tantissimo. E le vedete, siete costretti a vederle per otto ore. Essere in guerra, credo che siadal punto di vista non fisico, ma psicologico,essere in guerra probabilmente è meno traumatico. Sì, ed è quello che ogni tanto queste situazioni,questa di questa persona che è ignotanon è la prima che raccontiamo qua su Digitaliae di cui ne leggiamo. Ogni tanto per fortuna saltano fuoriperché ci fanno scoprire che dietroil programmatore nerd della Silicon Valleyche dall'università ha costruito un imperoc'è dietro tanto lavoro,tanto lavoro anche di questo tipo,tanto lavoro brutto, diciamo,che serve poi di fatto a tenere in piedi Internet. Perché poi anche quello, nel senso chesenza tutto questo sarebbe tutto un enorme 8chan,neanche 4chan. Tenere in piedi Internet io non lo so,forse tenere in piedi il modello di businessdi determinate aziende. Forse sì, non lo so,nel senso che anche senza modello di businesscerti contenuti emergono. In questo momento grazie a questi businessin realtà sono contenuti,sono tenuti a bada su determinati ambienti,il deep web o dei siti che però, come dire,tutti noi sappiamo essere a rischiocontenuti abbastanza disturbanti,4chan, 8chan, eccetera. Uno non, come dire, se va a visitare certi posti di Internetsa che quello che può venire fuori è di un certo tipo. Se questo arrivasse anche su Facebook…E soprattutto può smettere in qualunque momento. Esatto, sì certo, però se tutto ciò arrivasseanche su Facebook, su Twitter, su…ecco, a quel punto magari inizierebbe a esserciun Internet più difficile,quindi un po' questo vediamo anche in maniera positiva. Perché certo, il tutto va,quello che succede è un problemaper le persone che poi devono farlo per lavoro,quindi non riduce la responsabilità di Facebooke di chi posta questi contenuti. Certamente, certamente. Sempre a proposito di luoghi tristie cose tristi della rete,mi ha colpito molto questa paginadi questo emulatore per PlayStation 2che ho visto consigliato sulla rete,andando poi a visitare la pagina,cioè la pagina dei download,che era quella linkata su Twitter,ma poi andando, che era una sottopaginaappunto della pagina di questo emulatore,EtherSX2, emulatore PlayStation 2per dispositivi Android,andando nella pagina principalec'era la rinuncia, c'era l'annunciodella creazione, dello sviluppo,perché lo sviluppatore diceva "sono stufo,sono bersagliato da insulti e attività pesantisulla rete, bullismo, e quindi non ce la faccio più,interrompo completamente la mia presenza su internete in particolare lo sviluppo di questa roba qua". Andando poi a scartabellare, a cercare,mi sono ricordato che avevamo già messo in scaletta,ma poi non avevamo parlato di un evento del genereanche più grave, sempre nello stesso ambiente,sempre nell'ambiente degli emulatoriper sistemi di gioco, uno sviluppatoredi un emulatore del Super Nintendo,che si è suicidato un anno e mezzo fain seguito alle pressioni,a episodi di bullismo,sempre in questo ambiente,sempre collegato alla sua attività di sviluppodi questo emulatore. Che cosa succede in questo?Il mondo dei videogiochi e dei videogiochi onlinein particolare, o dei riflessi online dei videogiochi,lo sappiamo che è spesso molto tossicoe con componenti, con frange molto…che si prestano a questi comportamenti così violenti. Il mondo degli emulatori a quanto pare è ancora più…da quello che ho capito fondamentalmentele pressioni iniziano con "sul tuo emulatorenon gira questo gioco, devi svilupparloperché se no… perché se no…no guarda…Sennò cosa? Che sono un hobby?Esatto, no tu non capisci…e di lì in avanti un escalation,immagino e spero non in tutti i casi,ma un escalation fino alle minacce,fino al doxxing, fino alla concretizzazionenella vita reale di episodi di bullismo,ti mando gli squat, la polizia,ti scopro dove abitano i tuoi genitori,i tuoi parenti, i tuoi amici,robe del genere. Sì, probabilmente è la commissione di un ambienteche comunque è già tossico di suo,che è quello del gaming,e ne abbiamo parlato tanti negli anni scorsi,con delle community che sono straordinariamente piccole,perché poi quanti sono quelli che seguonoattivamente lo sviluppo di un emulatore,di una piattaforma morta da 30 anni. Quindi probabilmente le due cose fanno concentrare…perché queste persone lo facciano,come tutte le cose di questo tipo,ovviamente è difficile capirlo,però probabilmente tutta questa cattiveriasi focalizza, si concentra,e poi succedono cose brutte come queste. Il motivo era sciocco,alla fine pretendevano che lui facesse il porting anche su iOS,ma giustamente questo ragazzo dice"Io ho fatto questo lavoro per divertirmi,perché devo rispondere a voi". Nel caso invece dello sviluppatoreche si chiamava Niar,dell'emulatore Super Nintendo,lì addirittura c'era un'identità di generediciamo differente da quelle normali,passatemi questo termine,ma per capire i sentimenti di internet,chiaramente non è un discorso di mio giudizio,che ha fatto sì che…- È un ragazzo autistico e con un'identità sessuale non definita. - Esatto, questa cosa non lo ha aiutatoa reggere all'interno di questo…- È stato preso avversario anche per questo,ogni debolezza verrà sfruttata,non vi preoccupate,e ogni atto di generalizzità verrà punita,perché come sempre,uno si sviluppa una cosa per se stesso,poi dice "Va beh, visto che funziona,lo metto su Inter,magari piacerà anche a qualcun altro,migliorerò la vita di qualcun altro,quantomeno gli regalerò delle oreliette,e invece l'umanità come risposta mi rovina la vita". Toccante, vi metto tutti i linknelle note della puntata,compresa la catena di tweet di Niar,di questo ultimo sviluppatore,dove di fatto si accomiata dalla societàe di fatto in qualche modo fa presagire,è fondamentalmente una lettera di addio,anche se non parla esplicitamente di suicidio. Anche però se l'ha compiuto pochi giorni dopo,lo stesso giorno forse. Certamente, certamente. In uno di questi ultimi tweet di questa catena,cita un pezzo come fosse la colonna sonora,triste della sua vita, eccetera,e lì si vede il riflesso invece positivodi quella che è l'umanità che rimane su Inter,che è molto bello. Segui il link e finisci su YouTube,dove c'è questo pezzo musicale. Bello peraltro, un po' triste. "Il viaggio dell'anima". Perfetto, "Il viaggio dell'anima",immagino, con il mio poco francese,pubblicato direttamente dalla band,una band indipendente, eccetera,i commenti sono completamente intasatidi messaggio di cordoglio e di addioe di saluto e di ringraziamentonei confronti di Niar, dello sviluppatore. Per cui, no, un salvataggio in corner. Troppo tardi. Troppo tardi, troppo poco. Però in qualche modo, per vedere,che spesso, ecco, uno dei problemiforse di questa rete,che non abbiamo ancora risolto,è che è l'amplificazione della violenza. Se hai un milione di personeche fanno del benee cento persone che fanno del male,le metti insieme in questo ambientee in determinati angoli,quelle cento persone riesconoa realizzare il male assoluto. Anche se proprio attaccatenello stesso ambientece ne sono dieci milioniche invece vogliono del bene,ma che non hanno i mezzi,non sono in grado,o la rete li deamplificaal punto da rendere inutileil fatto che tu magari haicento milioni di persone sulla reteche ti vogliono bene,bastano quelle centoche ti vogliono veramente maleper poterti portare finoa delle decisioni del genere. E qua, Digitalia per il sociale,pensate al vostro programmatoredi app di fiduciae dategli un messaggiodi ringraziamentoperché è sempre molto importante. Assolutamente,ve lo dico per esperienza personale. Retribuzione, i soldi,certo bisogna vivere,nessuno lavora gratis,lo diciamo sempre,però a volte,oltre a pagare,o magari ancora prima di pagare,o se non potete pagare,un'e-mail, un tweet,una roba brevissima,grazie per quello che fai,a volte apre veramente il cuoreo permette di superaredei momenti di vero scoramento,di difficoltà,o semplicemente di fatica. Pensiamoci che dietro al computerci sono delle persone,ma pensiamo anche che in mezzoci sono dei computer e dei cavie che non è detto che l'amore che provate,la gratitudine che provateper delle persone che vi danno degli strumenti,dei mezzi o dei prodotti,arrivi automaticamente. A volte ci vuole una spintina in più,per cui usare le parole,a volte è veramente... Nel nostro piccolo lo chiediamo,lo chiediamo poco,perché ovviamente i denarisono quelli che servono per vivere,per lavorare, per pagare, eccetera. Quindi lo chiediamo poco,però ogni tanto lo chiediamoe il messaggio è importante. Mandateci anche un messaggio,se volete mandarcelo col Boost,col Value for Value,se volete mandarcelo con PayPal,se proprio non riuscitee siete in categoria protetta. Una volta parlavamo di studenti... Una recensione sull'Apple Store,assolutamente,tra l'altro è un po' che non le chiediamo... Una storia di Twitter,di Instagram dicendo"guarda che bello questo podcast",citandoci qualsiasi cosa,ci fa sempre piacere. Ecco, ma non per fare... Semplicemente perché scalda veramente il cuoree dà spinta ad andare avanti. È tanto che possiamo fare sulla rete,facciamolo,e pensiamo sempre che di là di quello schermoci sono degli altri esseri umani. Michele, un po' in difficoltà con la telecamera,credo che audio ci sia,ma lo sento poco,poi è difficile... Non vi perdete niente. Siamo abituati a coordinarci,ultimamente guardandoci,e quindi non vedendoti è sempre difficile capirese ti posso chiedere,se ti posso dare la parola,mi scombina un po' questa cosa. Vai a tradimento. Ancora un argomento. Come una volta. Questo dell'ambito streaming,quando lo streaming è emersogli artisti si sono trovati un po' spiazzati. Prima il mercato dei singoli su iTunesha messo fuori gioco la creazione e la vendita degli LP,e quindi dobbiamo rivedere il nostro modo di creare la musica. Poi lo streaming ha messo in crisi ancora di più,dal punto di vista proprio dei ricavi,dei guadagni,perché lo streaming,ve lo ricordo,qualcuno ci può vivere,qualcunissimino ci può fare i miliardi,ma per la maggior parte di artisti,e parlo di artisti che prima con il modello precedentevivevano alla grande,si trovano veramente a non arrivare,a non riuscire a pagare magari neanche i costi di registrazione. Diciamolo. Si sono rassati da 1-2 euro per copia di disco venduta,quindi infatti voi conti sonovendeva mille, 10 mila, 100 mila copie,a centesimi, forse anche millesimi di euro per ogni stream. E rifatevi il conto per uno che fa streammare10 mila, 100 mila, un milione di copie. Vedete che i conti non sono esattamente la stessa cosa. E nonostante questo Spotify è in perdita. Questo va bene. Questo è un discorso misterioso. Il mercato discografico si è dovuto reinventareda quando esiste la riproduzione musicalein vari momenti. Io quando ho scoperto che negli anni '80una band come i Queen, che sono andate a Wembley,hanno spaccato tutto, la fine del mondo,ecco, su quei tour, in quel periodo storico,loro creavano il business model per andare in pariquando andava bene. Perché? Perché vendevano i dischi. Vendevano il fisico. Passano gli anni, si smette di vendere il fisicoperché arrivano gli streaming. E vabbè, tanto. Facciamo i concertie guadagniamo dei concerti. Guadagniamo dei concerti. Poi arriva la pandemia. Esatto. Io questa è una cosa di cui ho parlatocon tante persone che hanno aziende che lavoranonel mondo dei tour, anche molto importanti. E mi hanno tutte confermato che adesso,soprattutto a lato, le grosse aziende magarisono sopravvissute alla pandemia,i grandi artisti sono sopravvissutida quel punto di vista, ma tutto quelloche erano gli operai, i montatori, i trasportatori,di fatto chi fa il lavoro per un concerto,anche i medi in un palazzetto,un centinaio di persone a sera ci voglionoe queste sono persone comunque conconoscenze specialistiche. Certo, competenze. Perché è vero che si tratta di, magari, elettricisti,ma elettricisti che comunque muovonomolto velocemente tensioni importantiper portare luci, laser e cose varie. Persone che magari caricano e scaricano camion,ma contenenti chitarre e cose del genere. Quindi, insomma, lavori specialisticie non ci sono più perché la pandemiaha reso necessario fare altri lavori. I pochi che rimangono costano pochie quindi costano molto. Costano molto, scusatemi, sono pochi,quindi costano molto e di fattoanche andare in tour, che sembrava esserel'ultima vera forma di sostentamentoper i musicisti, è diventato quasi antieconomico. Lo dice un tizio, un tizietto lì,come si chiama?"Steve Vai", una roba del genere. Dove vai?Dov'è?Dov'è in tour?Infatti, sto parlando di Steve Vai,chiaramente il chitarrista. C'è chi dice "andare in tour non è più sostenibile". Alla fine dei conti, no?Esatto, ha fatto un tour europeoper il suo nuovo disco, fra l'altro,molto molto bello, nel quale comunqueil conto economico fra spese e tutto quantonon è che sia così a vantaggio. Ecco, forse non ci è andato in perdita,però neanche in guadagno. E questo è frutto di una grande fatica. Tra l'altro adesso riparte il nuovo tour europeoe io ho visto alcuni video delle dateche ha fatto in Italia, ma tutto il tour europeoè stato accompagnato da una band italianadi cui adesso non ricordo il nome,che veramente erano spaziali. Per cui se vi capita andate a vedere i video,se vi capitano vicino a Tiro e potete andarci,andatela a vedere dal vivo. Tanto perché lui è pirotecnico da manteco,le robe che fa lui con la chitarrasi vedono raramente. Però, appunto, anche con una presenza italiananon indifferente. Adesso magari vado a cercare. A me è capitato di vedere artisti americaniche hanno deciso di fare dei tour,artisti magari non di ultimo grido,ma comunque che in patria hanno un grosso seguitoche per riuscire a fare un tour europeovengono solo loro e trovano turnisticompletamente in Europa. Proprio perché non possono neanchepermettersi di portare i musicisti. Figuriamoci il tour. Sì, sì, sì, è diventato così. Beh, questo avrà dei riflessi per tuttoil mondo della produzione musicale. L'idea è che si rischi di andareveramente verso un modello ancora più polarizzato. Pochissimi che hanno dei grossi ricavie che riescono a far quadrare i contie magari ad arricchirsi. La coda lunga molto più allungatae molto più verticale,la fase ripida della curva. Cioè pochissimi del livello di Madonna. Tour molto più piccoli. Tour molto più piccoli. Può darsi. Più localizzati, più musica locale. Quello non sarebbe male. Perché dire "no, non verrà piùSteve Vai in Italia a suonare". Però se vorremmo vedere concertici sarà più spazio per i chitarristi localiche poi alla sera invece di andare in albergovanno a dormire a casa loro. Può darsi, chi lo sa. Poi gli equilibri sono sempre difficili. La storia si aggiusta e si rompe da solain tanti modi diversi. Però, ecco, siamo ancora a un momento di cambiamento. Quell'equilibrio che sembrava arrivare,"non guadagniamo più vendendo la musica,ma guadagniamo facendo i concerti",era una chimera. Oggi, chi lo sa, oppure forseandrà a gambe all'aria Spotifye Apple smetterà di vendere in abbonamentoe si tornerà a vendere la musicain maniera un po' più equilibrata. Chi lo sa, saremo a vedere. Noi abbiamo visto i... Il vinile ci salverà tutti. Non credo, le audiocassette magari. Però... Che ci sono?Ho scoperto di recente una subredditche si chiama "Cassette Culture"dove ci sono... C'è un piccolo rilancio,neanche minimamente paragonabilea quello del vinile. Il 2024 è l'anno della VHS. Scrivetelo. Del VHS?Del Betamax. Scrivetelo. Ok, perfetto, fantastico. Gingili da Giorno, dai. Signore e signori,i Gingili del Giorno. Gingili del Giorno, fine trasmissione. I regali dei digitaliani per i digitalianicon le voci di digitalia che selezionano per voihardware, software, letteratura,qualsiasi cosa che abbia attinenza digitalianae che abbia colpito la loro curiosità,stravolto la loro esistenzao qualsiasi sfumatura nel mezzo. Vediamo un momentino. Michele, vuoi partire tu?L'uomo invisibile. Sì, parto io con un gigillo. L'ultimo argomento mi ha fattouna grande alzataper quello che è il mio Gingilloperché è una band che si chiamai Master Boot Record. Sono dei ragazzi credo romanie fannoun genere di musica chefa una commistionetra symphonic metalanche un po' death metalma con la musicachiptunee non solo musicalmentemusicalmentehanno appuntoquesta commissionema hannoproprio una storia dietronel senso che se voi andatesul loro sitosu Bandcamptrovate la descrizione della bandche sono un 486di X, 33 MHz, 64 MBche processachiptune avant-gardecon heavy metal, sinfonicoe musicaclassica. Anche tutti gli albumsi chiamanoad esempio l'ultimo se non sbagliosi chiama con i varinomi delle varieedizioni del 286,del 386, del 486. Quindi credo che più digitalianodi così non si puòe l'ultima cosasempre per supportarea parte che anche loro hanno le cassetteil loro album "Via Cazzuini"su cassetta lo ritrovate su Bandcampvenerdì sono qua a Milanoin concerto apertipoi da Kenobitesattopotrei, sì potreiesserci già anche ioquindi se qualcuno passae potresti non essere l'unico dei digitalianibravissimi!Bene, un po' di promozionecome si deve. Francesco?Eccomi, allora il mioè un gingillo per la serie Melius"Ero qua, non qua, meglio tardi che mai"perché porta un qualcosache probabilmente molti di voi diranno"eh vabbè è ovvio, conosciamo già da una vita"nel mio caso invece è un qualcosa che sìconoscevo una vita fa, poi ho persoe ho recuperato recentementedicendomi "ah perché non ci ho pensato prima"è Thunderbird, il clientdi mail alternativo e open sourcepromosso dalla Mozilla Foundationnato come costola di Firefoxormai alla versione 102e rottedevo dire che io per annisono rimasto fedele a Apple Mailun client comunque abbastanzafunzionale, non completissimoma ha sempre fatto il suo lavoronegli ultimi annisempre peggiosempre più difficilegestire l'archivio di posta che hoe tutte le sue funzioniho detto "senti proviamo a vedere un po'se Thunderbird funziona ancora"funziona veramente beneha un'interfaccia magari un po'non fancypassatemi questo terminenon Johnny Ivema che in realtà ne diventa poi il suo grande pregioperché magari non è elegantissimoma funziona e funziona veramente benequindi se siete alla ricerca di un client di postache funzioniestremamente espandibiledate una opportunità, magari una seconda opportunitàse come me l'usavate 15 anni fae poi l'avete abbandonato a Thunderbirdla web e source gratuita Thunderbird.netDai ci sarà spazio magariuna delle prossime puntate, una carrellatadi come utilizzate la mailvisto che la settimana scorsa abbiamo fatto il panegiricodella mail, dei sistemi apertiGrazie FrancescoUltimo gingilo per oggi, chiude un cicloo continua un ciclo, chissà se arriverà roba nuovaabbiamo parlato dell'archiviodi Byte Magazine un paio di puntate fala scorsa puntatadell'archivio storico di Zapptra l'altro non mi ricordavo chi, non trovavo piùil suggeritore, era il mitico Gianpaolo Frelloche ho il contatto su Telegramme l'aveva scritto su Telegram, l'unico postodove non ero andato a ricercareil contatto, per cui graziea Gianpaolo e questa settimanaquesta settimana StefanoFranzoni ci ha scritto su Slackvi ricordate vero? Digital.fm/slackla nostra chat multicanaleStefano mi ha detto "oh beh, ma allora a sto puntoperché non l'archivio storicodi MC Microcomputer?"E allora sì!online.itlo trovate nel nostro episodioè l'archivio storico della più storicadelle riviste italiane di informaticaMC Microcomputer, io negli anni80-90 ne ho veramentecollezionato una quantità enormeera quella listona, libronebello spessodove scrivevano... con tutti i listatidove scrivevano Corrado Giustozzie compagni, dove hoprobabilmente ho formatogran parte della mia primacultura digitalequalche tempo fa abbiamo parlato di Core Warsad esempio, e di Core Warsho letto, ho studiatoe ho iniziato a fare graziea MC Microcomputer, ebbene in realtàè un gingillo ripetuto perché sono andato avedere la nostra gingillopedianella puntata 34per cui parliamo del 2000, del gennaio2010, 23no, 13 anni fa, per cui diciamoche dopo 13 anni un gingillo si puòanche riciclare e ricordarela sua passione, eh sì anche perché immaginoche tanti degli ascoltatori di oggi nel 2010non fossero qui ad ascoltare Digitaliaper cui ve lo trovate al solito linkdigitalia.fm/659insieme a tuttigli altri link dei Gingili del giornoe delle notizie che abbiamocommentato in questa puntataE da voi Gingilisi arriva ai saluti, le raccomandazionidelle recensioni ve le ha già fatteFrancesco di mandarci un messagginoun bigliettino, quello che volete, se voi potetemandarci qualche soldinoben accetto, lo sapete che per noi lo prendiamocome un lavoro e quindici fa piacere, comodo e utilericevere anche qualche soldinoparlate bene di noicon i vostri amici che noi vi faremo fare bella figuraquando cercheranno Digitaliasu qualsiasi casellina di ricercain un'applicazione per podcastsu Google o in qualsiasi altro postonon ditegli di chiedere a chat GPTperché rischiano di finire ad ascoltareun podcast sugli anelli di Saturnodirei che per questa659 è tuttodalle Mistudio Liguria 1 di Sanremoun saluto da Franco Soleriodallo studio di Milano Isolaun ciao da Michele Di Maioe dallo studio di Milano Città Studiun saluto da Francesco Facconeci sentiamo la settimana prossimacon una nuova puntata di Digitalia.

Dallo studio distribuito di Digitalia

Produttori esecutivi:Andrea Scarpellini, Matteo Masconale, Roberto Esposito, Paolo Boschetti, Michele, Diego Venturin, Matteo Faccio, Michele Olivieri, Alex Ordiner, Mario Cervai, Antonio Turdo (Thingyy), Christian Fabiani, Davide Fogliarini, Federico Bruno, Danilo Sia, Simone Pignatti, Matteo Arrighi, Nicola Pedonese, Roberto Barison, Arnoud Van Der Giessen, Massimo Dalla Motta, Federico Travaini, Stefano Orso, Marco Mandia, Maurizio Verrone, Marcello Piliego, Adriano Guarino, Ivan Vannicelli, Matteo Molinari, Christian A Marca, Michele Coiro, Matteo Carpentieri, Pasquale Maffei, Paolo Lucciola, Andrea Giovacchini, —, Manuel Zavatta, Davide Tinti, Pietro D., Marco C., Alessio G., Gianmarco B., Nicola Gabriele D., Capitan Harlock

Il Network Digitalia