Blurry
Logo Digitalia

Prossima diretta
Lunedì 20 Maggio alle 20:50

660

Il manualetto di Amadeus

Le polemiche per l’utilizzo dei social sul palco di Sanremo. Microsoft presenta Bing con chatGPT. Google rincorre con Bard. Chatbot e potere. I primi DeepFake in vivo. Carmack e la conservazione dei videogame. Queste e molte altre le notizie tech commentate nella puntata di questa settimana.

Digitalia.fm
Digitalia #660 - Il manualetto di Amadeus

Digitalia #660 - Il manualetto di Amadeus

Settimana del tredici febbraio duemila ventitré disinformazione in salsa deep fake gli inciampi del chatbot di Google, la Francia regola i porno ma anche Autopilot Carmac Festival. Questa è molto alta escaletta per un'ora e mezza dedicata alla notizia, quella digitale, all'italiana. Dall'Emi Studio rigore uno di Sanremo qui è Franco Solerio. Dallo studio di Milano Isola Michele Di Maio. E dallo studio di Roma Giulio Cupini. Eccoli tutti. Buongiorno bentornati su Digitalia ai nostri cari ascoltatori digitaliani e buonasera bentornati ai miei colleghi. Michele Di Maio nell'angolo sinistra. Ciao Franco Solerio. Dall'angolo destra del ring Giulio Cupini. Ciao Giulio. E tu fai l'arbitro. Io faccio l'arbitro. Ma fai quella con la pasta con i rinni. D'altra parte. Scusa ma citavi un festival ma quale festival? Il festival del pipistrello imbalsamato di… Ne ho letto. Come è andato quest'anno? Non sono riuscito a partecipare. Ha vinto il pipistrello della Contea del… Davvero non è… niente festival quest'anno per voi. Siete sempre… Anche per motivi di lavoro devo sapere un po' chi le tira chi non tira e quindi… Sponsor mica sponsor. Festival devo dire che ha nelle ultime edizioni corringe un avvanimento della proposta di cantanti. Assolutamente. Devo dire ha riacquistato una rilevanza culturale. Popolare. Assolutamente. Esatto. Cultural popolare. Non si pensa di vedere chissà che cosa eccetera ma una rilevanza anche sociale non indifferente. Questo bisogna riconoscerlo. Beh Milano è tappezzata di manifesti. Poi non so quanto è un investimento di Spotify o quanto so ecco advertisement con le case discografiche. Però tutte le fermate dei mezzi pubblici sono tappezzate di pubblicità a tema cantanti del festival di Sanremo. Tante. Ma c'è da dire a livello di presa pubblicitaria quest'anno penso la raccolta leggevo qualche numero è stata tra le migliori degli ultimi anni. Al di fuori del tema dello Cher che è un po' viziato dal fatto che c'è stata una diminuzione molto forte dei televisori accesi negli ultimi due anni. Quindi il campione registrato dimostra uno Cher più alto anche se lo Cher assoluto è più basso però la percentuale più alta perché il campione totale di chi vede la TV in Italia è diminuito post Covid. È stata una rincorsa di un meno 15 per cento sul totalone quindi. Tu sai Giulio ti interrompo per una precisazione. Tu sai a questo proposito se il se nello Cher in queste percentuali che vengono calcolate viene calcolata anche l'attività dei servizi di streaming e quindi ecco appunto per cui chi diciamo che se ci sono un milione di persone che guardano in quel momento Netflix addirittura sul televisore non vengono calcolate nella cosa. Assolutamente. Se tu hai il 65 per cento di Cher quando fai il festival hai il 65 per cento di Cher di quelli che non guardano streaming non guardano Amazon Prime non guardano Paramount Plus non guardano Disney Plus. Beh è un po' ingannevole come. Beh guarda questo è un po' lo stesso problema in cui ricade almeno fino a qualche tempo fa perché adesso negli indicatori comincia ad esserci però si leggeva negli ultimi anni diminuisce il commercial dettaglio che non comprendeva però l'e-commerce. Quindi è una dinamica abbastanza simile che tu compri il negozio però compri il B2C. A questo punto diventa barare sui numeri nel senso che non puoi dire se vuoi dare un numero devi dare un numero di quella che è la tua rilevanza nei confronti dei competitor e sinceramente non puoi dire che se tu presenti un format di intrattenimento serale canoro e televisivo non sei in competizione con Netflix con Amazon Prime con Disney Plus. Dai un numero che non ha proprio significato. Beh dipende però dove metti la sticella però perché a quel punto forse dovresti includere anche YouTube e se includi YouTube forse dovresti includere anche TikTok. Sono formati diversi però sempre di video stiamo parlando e diventa succedaneo alla televisione. Certo oggi c'è una serie di attività che sfumano una nell'altra però se proprio devi dire noi siamo i puristi e vogliamo vedere quante famiglie sono davanti al televisore e quante ce ne accappariamo noi certamente quelli che guardano Netflix non li puoi non contare. Che anche il metodo di calcolo del campione base anche lì è tutto da discutere perché è basato sul campionamento quindi pure lì ci va. Certo certo. Però al di fuori di questo comunque i numeri danno sicuramente ragione almeno sulla base di calcoli che è stata presa ho letto di più di un 60% di scelte. No lo share è enorme e se lo share ha questo significato ridotto è un po' meno rilevante parecchio meno rilevante ecco oggi. Certo certo. Vabbè ma tanto i pubblicitari come Giulio non ragionano tanto per share ragionano per milioni di persone. Numeri assoluti. Sì sì certamente certamente. Invece il successo però davanti agli italiani per giustificare l'impegno della Rai in questa cosa qui è di share o per paragonare un'edizione rispetto a quella successiva viene sbandierato alla fine di ogni serata. E' un po' di menta. Niente da togliere comunque è stato per noi qui a Sanremo abbiamo visto un successo nel senso che la città si è riempita come raramente nelle edizioni, nelle ultime lasciamo perdere perché c'erano ancora le restrizioni da Covid ma anche quelle precedenti la città si è riempita ma così vissuta così tanto era un po' di tempo che non la notavamo. Però insomma. E polemica sulla polemica in ambito digitaliano è stata quella dell'utilizzo non so se avete letto se avete visto dell'utilizzo del richiamo ai social da parte della conduzione. Era un po' da aspettarci con la Ferragni chiamata a fare da valletta capo è stata l'unica delle vallette a presenziare se non ricordo male in due serate diverse compresa la finale con un po' di gag che c'erano anche nelle ultime edizioni sul richiamo di mi faccio una diretta vado sui social di qua e di là. Più e più volte Amadeus ha fatto queste come dire queste scenette in cui in finta competizione Morandi promuoveva il proprio promuoveva il proprio account account di Instagram diceva vediamo se arriva a 2 milioni ecco la polemica da 0 da 0 a un milione adesso purtroppo ho visto più dei festival di quello che avrei voluto però in realtà è la storia andata che la Ferragni non so se durante la prima serata o comunque all'inizio gli ha creato l'account in diretta e durante tutte le giornate successive c'è stato un continuo richiamo esplicito al Instagram e all'account di Instagram di Amadeus e onestamente appunto già hanno come dire non lo stavo guardando di ottimo pure quello che ho visto però era è stato veramente forzato a me ha dato l'impressione un po' di non tanto di gag quanto di pubblicità perché era davvero ripetitivo stressando tanto che stiamo parlando di Instagram dell'account Instagram e quello è il primo tema dato che in Italia se passa insomma se è stata una sponsorizzazione è illegale che non ci fosse scritto e fosse detto esplicitamente. La seconda il secondo discorso è che Amadeus è entrato a Sanremo questo adesso non mi credo chi lo diceva forse Michele Serra mi lo ho letto su Twitter però il ragionamento corretto è entrato sul palco di Sanremo senza avere un account Instagram è uscito non solo con un account Instagram ma con un business perché oggi se hai un account Instagram da un milione di follower tu hai un business e questo business è stato fatto utilizzando gli schermi della produzione Rai comunque di un ente pubblico e non è proprio il massimo. Aggiungo un'altra cosa poi anche l'indiretto su questo è un canale che già conferma un po' quello che sta dicendo Michele perché poi ci sono stati diversi post evidentemente promozionali o forse delle storie credo dove si faceva riferimento all'outfit di Amadeus per valorizzare un po' il brand che lo aveva vestito e anche lì insomma imbarba un po' le regole dell'hashtag a dv di tutte le norme che dovrebbero specificare il fatto che si tratta di pubblicità diretta e diretta di un brand quindi insomma c'è sicuramente diciamo che la migliore delle ipotesi è stata una mancanza di sensibilità in questo senso. Io però sulla questione della ecco provo ogni volta a fare un po' l'avvocato del diavolo da una parte si può dire che i social sono oramai una cosa di utilizzo di costume e che distinguono in qualche modo generazioni più avanti rispetto a generazioni più giovani e nel momento in cui ci si propone di fare un festival che vada incontro ai gusti dei giovani ma condotto da una persona di una generazione precedente affiancato da una valletta invece super social ci possa stare la gag e del no provo a entrare a cosa e a quel punto diventa difficile dire è pubblicità nei confronti di Instagram o no ci sarebbe voluto il bollino pubblicitario. Questo ripeto facendo un po' l'avvocato del diavolo e cercando un po' di capire è ovvio che hanno giocato un pochino su questo equivoco io non credo peraltro che Meta abbia tirato fuori dei soldi nei confronti della Rai per perché Amadeus promuovesse l'utilizzo di Instagram in maniera più o meno celata. Sull'entrare senza un account Instagram e uscire di lì con un account da 1 o 2 milioni che ti può fruttare 20-30 mila euro a post pubblicitario in seguito è vero anche questo ma è anche vero che comunque nel momento in cui un datore di lavoro ti dà come Rai una visibilità del genere non può pensare che tu non aumenti la tua popolarità e avere un controllo su quello che tu faccia con la tua popolarità. Ma non lo ripeti 5-6 volte durante la stessa trasmissione. E' vero però ti ripeto diventando una gag hanno giocato hanno sparato un po' sul torbido ci sta poi ripeto Michele nessuno sa che cosa ci sia scritto nel contratto tra Amadeus e la Rai perché può darsi che Amadeus abbia chiesto e abbia specificato che all'interno di questo avrebbe proposto avrebbe fatto. Considerate che Festival io parlo e conosco con ragazzi che gente della mia età che conosco fin ci giocavo a calcetto da bambino per dirvi che oggi è non nella stanza dei bottoni anche se qualcuno anche molto vicino ma giornalisti che passano tutta la settimana del Festival nella sala stampa maestranze che lavorano nel backstage per cui i draulici elettricisti e robe del genere e chiunque ti dice che Festival è una macchina enorme e come tutte le macchine enormi per non deragliare è completamente scriptata cioè tutto quello che vedi anche quello che sembra più uscire o dal cuore o dall'incidente in realtà è tutto scrittato compresi no le minacce di suicidio del passato vi ricordate Pippo Baudo che implorava quello a Barbicato? Qualche ascoltatore non era neanche nato. Si 15 anni fa comunque si. Certo. Certo. Certamente è successo più di una volta peraltro una roba del genere e è tutto non succede praticamente nulla che non sia scrittato e tutto quello che succede che non è scrittato viene bloccato e placato prima che degeneri proprio perché è una cosa così enorme è molto è molto molto facile che abbia degli incidenti e che degeneri per cui lo vedo difficile che tutto questo compresa la promozione del proprio account non fosse concordato con la Rai e regolamentato dal loro contratto e poi tutto è possibile. Senza la testimonianza la fonte diretta. Parla poi di Maio che si è fatto il suo primo milione di follower usando Digitalia. Grazie assolutamente. Era il 95 Franco quella volta del suicidio. 15 anni fa. Vabbè poi mi inviti alla tua festa di 30 anni. Più o meno 10 va bene più o meno 10. Ci può essere quello scostamento. Guarda un po'. Chiuso il capitolo festival apriamo il capitolo quello che ci sembra portare sempre più nel futuro in questi giorni anche se si iniziano a vedere gli inciampi e parliamo ovviamente di linguaggi di modelli larghi grandi modelli di linguaggio large language model chatbot insomma chat gpt e compagni. Questa settimana è stata segnata dalla presentazione della rincorsa prima Microsoft che sappiamo è tra i principali se non il principale finanziatore da quanto da qualche tempo di OpenAI per cui l'azienda che sta dietro a chat gpt e da lì per fare due esempi che aveva già fatto aveva già annunciato che avrebbe integrato dentro le sue dentro i suoi prodotti questo tipo di intelligenza artificiali e ha presentato proprio questa settimana e ha aperto a un pubblico per ora molto ristretto questa versione di Bing alimentata a chat gpt. Avete dato un'occhiata? Sì è stato un momento secondo me che ricorderemo nel corso degli anni come di rottura cioè spesso ci troviamo un po' a diminuire quello che è l'impatto magari di keynote che parlano a sproposito di operazioni rivoluzionarie o di situazioni che poi in realtà non lo siano in questo caso invece anche sia nel modo in cui è già molto pulito nell'esperienza io non sono ancora stato ammesso alla lista di prova però ho avuto modo di usare l'account invece di un collega che è stato e quindi un po' di ricerca ho potuto farle e sia per il grado già di diciamo che ti fa sentire tornare su Google tornare su una cosa vecchia e quindi vedere questa percezione nel corso di poche settimane che mette in difficoltà in maniera così evidente Google che su quello al core business mi è sembrato ancora di più interessante anche rispetto all'approfondimento che su questo ha fatto Nadella nell'intervista a The Verge in cui in maniera molto trasparente ha detto noi abbiamo uno share sulla ricerca molto basso e nonostante questo per noi è già un mercato dove guadagniamo quindi per noi anche lo 0,2 punti che andiamo a guadagnare da quest'operazione sono ovviamente il revenue che andiamo a portare a casa perché non dobbiamo stabilizzare una cosa dove perdiamo e forse un giorno guadagneremo ma già si tiene in piedi da solo. Google è un monstro in questo senso ma vogliamo farli ballare e vogliamo che il mercato si renda conto che se li tiriamo fuori a ballare siamo stati noi a farglielo fare e credo sia un approccio che dà merito anche alla testa dell'azienda quindi dal lato mio sono molto colpito quello che ho provato ho trovato un grado di approfondimento di pulizia che tiene in considerazione anche quella che era una tematica che avevamo approfondito in una delle ultime puntate dicendo si passa dalla ricerca alla conversazione e quindi facendo questo cambiamento si rischia di diminuire la pluralità delle fonti a cui si può accedere e il modo in cui loro l'hanno interpretato quindi una risposta ad una domanda ad una ricerca che ti anticipa le cose salienti ma che poi ti cita le singole fonti e ti invita ad approfondire sui singoli aspetti è un taglio che a me è piaciuto molto e che penso anche per il mestiere ad esempio dell'agenzia di quello che noi facciamo per i nostri clienti sia un aspetto molto interessante che cambierà radicalmente anche il nostro modo di lavorare quindi sia di istituzione professionale che di utente. Cercheremo di vederlo perché quello che abbiamo visto per ora sono cose molto molto parziali assolutamente la questione delle fonti e dei sorgenti è una cosa molto molto in dubbio è una cosa molto molto in dubbio, ci parleremo più avanti, c'è stato un articolo di Mantellini ma ci arriviamo con calma Microsoft ha tirato una amadeusata perché ha detto "ah ecco se volete potete mettervi in coda lasciando l'email qui e se volete passare avanti nella coda installate l'app di Bing per iOS e Android" per cui l'app di Bing… sono arrivati tipo dodicesimi credo sull'app store perfetto ha fatto 10 per installazioni nel giro di poche ore, furbacchione l'ha copiato dal manualetto di amadeus sì no allora sicuramente questa è una di quelle cose che verranno poi probabilmente non solo raccontate nei libri che parlano di tecnologia o di storia della tecnologia ma anche di storia dell'economia perché questo è il classico caso in cui c'hai il leader di mercato che ha una coda di mercato quasi bulgara su un seguimento soprattutto poi in un mercato come quello degli Stati Uniti che da una parte probabilmente non si è guardato abbastanza attorno con quello che stava succedendo anche se comunque un piede nel… e poi ci arriviamo con Bard, un piede lo ha sempre avuto il team di sviluppo lo ha sempre avuto però è stato innanzitutto molto più cauto nel… almeno fino all'altro ieri quando poi ha tirato un po' di… ha avuto un po' di problemi ecco è stato molto cauto nel rilasciare questo prodotto e invece si è trovata Microsoft che appunto non aveva niente da perdere soltanto che da guadagnare che ha messo la quinta è entrato in corsia di sorpasso però il corsia di sorpasso vediamo un attimo calma esatto vediamo però comunque vediamo i prossimi due anni che cosa succede accelerato con questi motori di ricerca alimentati a intelligenza artificiale vediamo che cosa farà Google vediamo come si svilupperà vedremo quanto la gente lo userà vediamo cosa succederà se finiremo tutti all'inferno insomma c'è ancora tanto spazio per dire ha messo… ha preso la corsia di sorpasso però ecco la corsia l'ha presa ha messo la freccia ha messo la freccia forse ha schiacciato il pedale se poi abbia abbastanza cavalli per passare lo vediamo però ecco certo che Nadella si travesta da underdog a capo di una delle aziende più grosse però è così ragazzi cioè in un mercato come quello della ricerca nel mercato della ricerca è proprio così e quando dice sì però noi siamo piccoli piccoli piccoli ma ci teniamo in piedi è un po' come quando io incontro in giro per il mondo incontro l'amministratore delegato di Spotify e gli dico sì sì tu ci avrai un miliardo e mezzo di utenti ma noi a Digitalia siamo break even dal giorno 1 esatto ne facciamo più utili facciamo anche più tasse anche più tasse sicuramente su questo non ci piove ciao Spotify va bene pare che arriverà che Microsoft nei prossimi giorni non si fermi qui ma che integrerà anche direttamente dentro la suite office per cui preparatevi agli strafaccioni più grossi nei prossimi file Excel che arriveranno sulle vostre scrivanie beh però visto che citi Excel ad esempio avere la possibilità di creare delle formule un po' più complesse scrivendo quello che vuoi fare per Power BI per Excel ho già visto un foglio di Excel che ho scritto January February Maruary Epraruary Mayuary Junuary e Juluary Google shit con Bard era quello ah quello era Google shit con Bard ed effettivamente la risposta affrettata è stata Bard io ho letto addirittura titoli del tipo Panico a Mountain View Mountain View è Google ricordo bene Panico nel quartier generale di Google vengono richiamati i fondatori per affrontare l'emergenza di questo ritardo eccetera non lo so mi sembra che arrivano Sergio Ibrin con lo chialetto con la Lambo con la nuvola a sgomma siamo arrivati salveremo noi la situazione tipo un film d'azione eccetera Boh se il risultato è Bard però insomma le cose non vanno tanto bene cosa è successo alla presentazione di Bard? Beh innanzitutto è stato interessante infatti questo succedeva mentre noi registravamo la puntata di lunedì scorso perché era già nell'area che Microsoft avrebbe richiamato i giornalisti per la sua presentazione e Google ha cercato di anticipare Microsoft con quest'altra presentazione che poi se non sbaglio è quella che si è tenuta a Parigi tra l'altro è andata anche abbastanza male non si trovava un telefono insomma Sì, si è proprio rucchi Esatto, hanno fatto un po' di brutte figure anche poi nella presentazione stessa quindi Google in realtà comunque ha confermato di essere abbastanza indietro poi di prodotto vero e proprio non ha fatto vedere praticamente niente ha detto ok adesso rilasceremo questa tecnologia chiamala così a degli sviluppatori a un pubblico scelto e niente il problema qual è stato? Il problema è stato che in uno dei prompt che hanno fatto vedere c'era una domanda su quale fosse il pianeta extrasolare o qualcosa del genere o no, qual è stata la prima foto? Gli hanno chiesto di descrivere il telescopio se non sbaglio a Hubble o uno dei telescopi Qual è stato il primo telescopio? E lui ha detto tra l'altro grazie a questo telescopio è stato visualizzato il primo esopianeta cosa che era plausibilissima da leggere ma assolutamente sbagliata dal punto di vista fattuale Esatto, cosa che poi è un errore che chi ha esperienza con un qualsiasi prompt o risposta di chat GPT è assolutamente nell'ordine di grandezza di quello che oggi è questo tipo di tecnologia Sì, loro ci hanno fatto il promo Il problema è che non ci fai una presentazione sopra e dici "ah questa è la nostra tecnologia" ecco vuol dire che. Infatti è ovvio che Google non ha fatto una bella figura bisogna capire se la non bella figura di Google è dovuta alla parte comunicazione di Google che oggettivamente ha sbagliato tutto ma potrebbe essere slegata dal tema tecnologia che sicuramente è molto più interessante di quello che si è visto e magari c'è. non è detto, Apple insegna che essere più cauti non significa essere necessariamente sbagliati o in ritardo però certo presentato così di corsa che fai un keynote, uno speech tutto fatto male, raffazzonato, male gestito con un promo che dice anche cose non vere è difficile in questo momento essere nella posizione di Google che comunque gli è costata anche una cifretta in borsa parliamo di 100 miliardi di dollari di capitalizzazione bruciati post keynote quindi. 9% o una roba del genere in termini percentuali se non mi trovo male Om Malik, ve lo ricordate Om Malik? Io non sapevo che scrivesse ancora Om Malik fondatore di GigaOM peraltro commentatore direi che per la prima metà della storia di Digitalia una buona fetta delle notizie che leggevamo o che sentivate noi discutere arrivavano e erano commentate da Om Malik che poi ha venduto GigaOM che poi non so dentro a chi sia stato incorporato a chi sia stato fuso, ha fatto un pacco di soldi è diventato venture capitalista a sua volta adesso ogni tanto scrive e commenta sul suo bloggettino giusto per divertimento ma è sempre fine commentatore e ha detto è ora che Google si cerchi un nuovo amministratore delegato un nuovo CEO e ci sta dopo una figuraccia del genere Nadella probabilmente è un team cook è un grande amministratore è un grande gestore è anche qualcosa di più di un team cook comunque Nadella ha aperto tanti revenue stream che Microsoft prima non aveva io credo che l'apporto che un Azure possa aver avuto su un binancio di Microsoft è più forte di quello che le Airpods ho detto una cacchiata ho detto Nadella ma pensavo a Pichai il commento di Om Malik era se Google ha bisogno di un nuovo CEO e che quindi se Pichai è un po' un grande esecutore gestore di un'azienda avviata con poca competizione da far fruttare il più possibile questo certamente l'ha fatto ma se il fronte dell'innovazione che ha dato dei frutti è stato questo qui dell'intelligenza artificiale dei linguaggi, degli LLM e oggi Google si trova così un po' a rincorrere o addirittura a fare delle presentazioni con delle figure barbine del genere ci può stare di dire non è più il tempo di un gestore ci vuole un innovatore ci si vuole qualcuno anche se credo che non sia facile per nessuno nel senso che quando sei in una situazione di dominio totale con la macchina che funziona anche dire adesso rischio tutto e inizio a mettere delle tecnologie assolutamente sperimentali dentro alla mia principale fonte di reddito può essere considerato un comportamento spericolato Fa un po' sorridere dire questo di Google oggi perché Google è la società di Google+ di tutte queste robe che hanno messo dentro e poi lavorano con le altre che non so colpa di Pichai Pichai ha fatto piazza pulita di tutto quello hanno fatto pulizia di quel Google che faceva un buco dietro l'altro probabilmente rigidendolo dall'altro lato perché cose particolarmente innovative sul core business della ricerca si è visto pochissimo nel corso degli ultimi anni se non aggiornamenti minori dell'algoritmo Se riprendiamo la metafora del Google graveyard Pichai è il becchino di Google Si, finché non si scava la fossa da solo che nel Google graveyard diventa un metagraveyard e ci finisce Google stessa quindi può essere problematico poi nel lungo periodo Si, effettivamente nuovi business importanti anche andando a guardare quelli che aveva e che può aver ottimizzato Forse l'ultimo che penso sia il buco di Pichai è pure Stadia Che pure il buco di Pichai non è mai stato in una mia trasmissione però pure Google Stadia è stato un flop lanci contro lanci prendi lo studios, il futuro del gaming dopo pochi mesi lo chiudi non supporti più niente Io onestamente ci vedo come dire uno studio sbagliato a livello di su quale business impostare il futuro Non ha spostato, non ha fatto chissà che danno agli investitori di Google quello è un divertismante vediamo, cerchiamo di investire vediamo se esplode non è esploso fosse esploso per qualcun altro dici oggi c'è Nvidia che è diventata leader di un mondo in espansione del gioco online e fanno i miliardi di cipci ai da licenziare Microsoft sul cloud gaming ne ha fatto un asset importante però c'è un'infrastruttura diversa c'è tutto il mondo Xbox Live, Google Cloud non parte da zero però i numeri non sono ancora quelli Sony continua a vendere più Playstation di quelle che riesce a produrre ci sarà un motivo non è stata così disruptive la tecnologia e l'uscita di a proposito dei buchi e dei becchini avete visto il mi è venuto in mente su Netflix che ci lamentavamo che non usciva niente di rilevante ultimamente è uscito questo Cabinet of Curiosities di Guillermo del Toro non l'ho visto se vi piace un po' il genere horror non è male noi ne abbiamo visti un paio è una serie? è una serie per antologica quindi sono un po' di puntate tutte slegate la prima bella la seconda boh roba di ratti a me i ratti sono particolarmente antipatici però devo dire io leggevo di articoli su questa puntata specifica che dicevano se avete la fobia dei ratti non vi avvicinate a questa puntata ecco perfetto io mi devo essere perso ma io non ho la fobia dei ratti però sinceramente non sono gli animali preferiti ma in realtà non mi piace neanche mi piaceva molto da ragazzino ho perso presto il gusto per il genere horror per il genere horror in generale ci sono già tante cose nella vita che mi fanno paura non capisco perché devo provocarmela la sera quando voglio rilassarmi davanti a un televisore che è il contrario di quello che provavo da ragazzino che avevo voglia di emozioni forti che ancora non avevo vissuto e che quindi mi piaceva cosa però mi sono forzato anche Luis era un po' di tempo che diceva vabbè guardiamo qualcosa di horror ci siamo guardati ste due puntate probabilmente guarderemo tutta la serie non è così terrificante non ha un suspense un pelo rizzato sulla nuca alla Profondo Rosso o alla Nightmare on Elm Street però insomma è abbastanza però è fatto bene devo dire è fatto comunque nell'ultima decina d'anni il genere horror si è ripreso molto devo dire ci sono un sacco di cose in giro si c'era qualcuno che parla di una nuova golden age dell'horror c'era quella serie sempre parlo di film di film invece c'era quella serie com'è che si chiamava? si chiamava proprio American Horror Stories è possibile? sempre uscita su Netflix vabbè ma quella a parte la prima stagione che era un po' sull'horror le altre sono sempre state un po' un'americanata ok io ho visto la prima puntata della prima serie poi ho smesso perché la prima era al Canone Horror casa infestata era abbastanza horror le altre un po' meno le altre meno dark diciamo ok ok ok avevano rifatto anche il remake o il reboot di ai confini della realtà Twilight Zone un paio di stagioni poi hanno chiuso io ho visto la prima la seconda non l'ho ancora vista e non erano non erano neanche malaccio non all'altezza forse di quello che erano le le l'antenato due minuti qualche minuto per ringraziare il nostro sponsor per oggi che è Active Power rivenditore ufficiale italiano di Active Campaign piattaforma di email marketing automation dovete gestire campagne di marketing o di comunicazione online? beh ci sono ben pochi sistemi che possono rivaliggere con Active Campaign qualsiasi siano le vostre esigenze di marketing online Active Campaign vi mette davanti un editor di email avanzato che con la semplicità del drag and drop vi permette di realizzare campagne moderne ed eleganti dopodiché con Active Campaign automatizzate tutto potete inviare un email all'iscrizione al vostro sito internet potete inviare una mail nella data del compleanno del vostro cliente sono solo alcuni esempi potete inviare una newsletter a tutti i contatti e infine potete collegare il tutto con la piattaforma advertising di Facebook e questi sono esempi semplici ma la piatenza della piattaforma è la sua automazione spinta che vi permette di creare funnel anche molto complessi come per esempio inviare mail in base alle pagine visitate dagli utenti oppure inviare mail in base alle azioni fatte o non fatte dai vostri utenti e poi potete analizzare i risultati generando report esaustivi di ogni tipo grazie ad Active Power la piattaforma è al 100% localizzata in italiano e se avete bisogno di aiuto anche il supporto tecnico è disponibile nella vostra lingua via ticket, chat o telefono direttamente dai loro uffici niente call center che smaltiscono le chiamate e interagire con Active Power permette di avere tutti i costi a fatturazione europea ma Active Power è molto di più è un vero e proprio metodo che vi insegna le migliori strategie di marketing per generare clienti fidelizzati tra poco, il 3 marzo c'è un fantastico evento live un workshop dal vivo riservato agli imprenditori è una giornata formativa intensiva, teorica e pratica che è focalizzata su un modo evoluto di intendere il marketing l'idea di base è che la strategia classica email marketing e funnel anche se complessa e lunghi non sia più sufficiente per emergere nel mondo competitivo di oggi può bastare a vendere certo ma non può bastare a fidelizzare quello che propone il metodo Active Power con questi seminari è passare da un marketing classico a uno focalizzato sulla customer experience che vuol dire prendersi cura di tutte le fasi del rapporto tra cliente e azienda dare al cliente un'esperienza eccezionale in modo da trasformare un normale cliente in un supporter del vostro brand coltivare una relazione produce passaparola, recensioni online positive acquisti sereni e ripetuti se vuoi imparare un sistema completo flessibile e ottimizzato per estrarre il massimo valore dalla tua lista email deliziare ogni cliente tramite un'esperienza eccellente e creare fan fedeli del tuo marchio e dei tuoi prodotti partecipa all'evento live del 3 marzo a Milano vai sulla pagina dedicata al workshop che trovi nelle note di questa puntata oppure su ActivePower. om dove trovi tutte le informazioni che se pensi che faccia per te e per il tuo business iscriviti il prezzo del seminario è 297 euro comprensivo di evento, pranzo, due pause caffè ci sono sconti per aziende che portano due o più persone e ovviamente c'è lo sconto per i digitaliani avvisate l'operatore al momento dell'iscrizione e avete subito 50 euro di sconto sull'iscrizione ricordate 3 marzo a Milano evento marketing ActivePower 50 euro di sconto per i digitaliani grazie ad ActivePower per aver sponsorizzato questa puntata di Digitalia e andando avanti lo citavamo prima la lettera, il post di Mantellini chatbot e potere una roba abbastanza tosta sì, roba tosta come tante cose in realtà che scrive Mantellini parte in realtà riprendendo il pezzo di Domenico Starnone nel quale "Corsi e ricorsi della storia" fa riferimento ancora a sua volta a un'opera del 1552 in cui un tal Anton Francesco Doni basta, non riprende più nessuno questo quindi è finita la ricorsività esatto, la catena insomma, con l'uscita della stampa e cito "i semicolti si erano spacciati per colti i piccoli talenti per grandi leggere libri e farne leggere libri e farne erano diventate attività sempre più accessibili a gente con strumenti inadeguati" tutto per colpa di Gutenberg se vi ricorda qualcosa tutto per colpa di Gutenberg se insomma sono cose, ragionamenti che vi sembrano abbastanza coerenti anche col nostro tempo ecco non siete gli unici però poi questo è il preambolo però poi fa lui il Carmagion cioè il vecchio il vecchio arrabbiato e critico nei confronti del nuovo con anche delle osservazioni che possono avere una una rilevanza no? sì sì sì assolutamente sì, qual è il punto del il punto del potere il punto del potere che dà questi continui cambiamenti tecnologici il primo appunto quello della stampa, l'ultimo è quello delle intelligenze artificiali e in particolare quelle degli esperimenti linguistici che stiamo vedendo con chat gpt con quello che dicevamo anche prima sulla mancanza ad esempio di annotazioni la mancanza di fonti andiamo a delegare un pezzo di potere che prima era in mano del lettore del chiamiamolo studioso nel senso di chi leggeva un articolo un libro andando a cercare di capirlo e assicurandosi che appunto le fonti fossero quelle corrette nel momento in cui lo andiamo a delegare a chi crea il mega database esatto, il database viene mescolato no? nel momento in cui lo utilizzi per allenare una rete neurale la rete neurale poi nel suo output fa alcun riferimento su quelli che sono i punti di partenza da quali dipinti e quali foto sei partita per farmi vedere, per ricostruire questa immagine che mai fatto cara stable diffusion o da lì da quali testi hai preso questa risposta in realtà da nessun testo i large language models rispondono in base a una conoscenza statistica, dopo questa frase statisticamente gli esseri umani oppure nel mio dataset statisticamente ci sono queste altre parole statisticamente dietro a questa parola c'è quest'altra parola per cui costruisce delle frasi per imitazione, per spappagallaggio mette insieme dei concetti e a volte fa dei strafalcioni perché non c'è alcun peso del significato, non c'è alcun contenuto semantico dietro a quella che è no? non rimane più il contenuto semantico dietro a quella che è la costruzione informativa della rete neurale e questo è un problema io continuo a vedere fail vari, sempre più grossi relativi a esperimenti con questi chatbot che sono particolarmente preoccupanti nel momento in cui pensiamo di metterli come motore dei nostri meccanismi di ricerca C'è anche da dire secondo me a riguardo di questa particolare statistica è che il rilascio al pubblico ha avuto un'accelerazione talmente tanto breve e talmente tanto fino al momento prima, siamo stati abituati a Siri che non capisce manco chi ama Gino e Pino probabilmente essere arrivati in poco tempo a poter ragionare di approssimazioni false rispetto a una domanda sul senso della vita secondo me ne fa sono due cose enormemente diverse Siri, Alexa e chat GPT cioè Siri, Alexa e Google Assistant hanno dei motori a rete neurali per interpretare la domanda per capire il linguaggio, per interpretare il significato della domanda, ma poi ti danno delle risposte indicizzate da motori di ricerca molto puntuali algoritmiche da cui, sì, ma elenchi no? capisco che tu mi hai chiesto questa cosa qui e ti do un'informazione che arriva da questa pagina di Wikipedia da questo articolo di giornale, da questa repository e posso chiedere e posso risalire a da dove arrivava quell'informazione posso andare su Wikipedia, leggere le fonti posso andare sull'articolo della CNN che mi riporta e leggere le fonti se l'articolo è fatto bene, oggi lasciamo perdere che nel giornalismo online riportare le fonti va sempre meno di moda perché sembra di fare la pubblicità alla concorrenza e questo si perde molto nelle risposte di questi di chat GPT e compagni e questo è assolutamente intollerabile perché porta a quello che appunto può essere la manipolazione da parte del potere, chiunque sia il potere è in grado di infilare dei pesi, dei bias delle storture che nessuno è in grado di verificare nel momento in cui avessimo tutto quello che dipende oggi dal motore di ricerca, da Google in ambito di conoscenza, di ricerca eccetera trasferito immediatamente su chat GPT sarebbe il caos più totale oggi, poi non sappiamo se nel futuro di questi chatbot ci sarà l'introduzione di dei sistemi per andare a recuperare quella che è l'origine, le fonti e tutto quello che vogliamo. Beh, allora, in qualche modo qui il mercato dovrà intervenire perché comunque il sistema di revenue con cui si tengono in piedi questi giganti è il traffico che portano poi ai singoli portali che a loro volta genera tutto il meccanismo pubblicitario, quindi se si rompe con la macchina hanno tutti un grave problema e altre fonti di revenue al di fuori dell'abbonamento al servizio al momento non sono state proposte, quindi ci saranno attenzioni. Il problema è avere successo col mercato non è necessariamente allineato con dare delle risposte puntuali e funzionali a quello che sia il meccanismo di funzionamento della nostra società. L'abbiamo già vissuto con i social network, no? Quando pensavamo che connettere tutti fosse una figata e poi abbiamo visto che non era così una figata Ecco, avere una, tra virgolette, intelligenza artificiale che sa rispondere a tutti e che dà delle risposte per lo più eccitanti e notevoli e cosa non è detto che si allinei con un futuro buono per le nostre società. Perché se ci può essere un livello in cui ci può essere un mondo che oggi sembra quello più probabile in cui le risposte di chat GPT sono abbastanza fighe da decretarne un successo commerciale pubblico ma assolutamente disastrose per quella che può essere la comunicazione della conoscenza umana. Vedi quando lo convinci che qualcuno di tutti i 10 fa 12 o quando ti dice, non so, qualcuno ha mi ha colpito molto è una roba un po' specialistica ma l'altro giorno su una chat di Vela ha chiesto a chat GPT qual è il palmarès degli atleti il palmarès internazionale olimpico degli atleti della federazione italiana Vela nella storia delle olimpiadi e chat GPT ha tirato fuori un bellissimo palmarès con tutte le medaglie vinte citando tutti i velisti e non ce n'era uno giusto nel senso erano tutte persone vere, erano tutti velisti veri alcuni di quelli non hanno mai vinto una medaglia pur essendo stati dei velisti famosi che hanno fatto dei bei risultati, ad altri ha attribuito la medaglia sbagliata o ha detto che regattava su una classe completamente sbagliata o che non esisteva ai suoi tempi, ha detto che Paul Elvestrom per la federazione italiana Vela ha vinto un mucchio di medaglie Paul Elvestrom, qualsiasi velista sa, è stato uno degli atleti più medagliati di sempre ma era danese, correva per la sua Danimarca è sempre una peninsola è proprio la risposta classica di chat GPT che è bellissima e ti stupisce credibile ma falsa ed è esatto, ed è quello che dice l'articolo che hai postato tu Giulio, bullshit cioè stronzate assolutamente se pensi a, purtroppo quello che mi ha colpito di questo articolo che hai messo è è proprio questa analisi del funzionamento della comunicazione umana cioè nella comunicazione umana tu puoi dire la verità tu puoi dire una falsità una bugia ma c'è anche un livello intermedio che non è intermedio, che è dire stronzate non permettete, perdonate il termine ma il stronzate nel senso di altro termine volgare, cazzate che cosa vuol dire? Vuol dire dire delle cose che sono in parte giuste, in parte sbagliate senza pensare a quello che è l'esattezza del significato ma facendo solo attenzione a quello che è l'effetto che voglio raggiungere nella persona che mi ascolta. Vi ricorda qualcuno? Vi ricorda qualcuno dei politici che abbiamo confrontato negli ultimi decenni? Nell'ultimo decennio, anche quello precedente o se vogliamo di tutta la politica con cui ci siamo confrontati negli ultimi trent'anni da una parte o dall'altra in dosi variabili a seconda della vostra analisi, della vostra sensibilità eccetera. Cioè la comunicazione umana purtroppo tante volte non è ingegneristica non è digitale, non può esserlo, non è puntuale perfetta. Contiene sempre un certo livello di cazzate. Ecco, certe volte può diventare talmente basata sulle cazzate che ha lo stesso il suo effetto cioè raggiungere dei voti convincere delle persone pur avendo poco o nessun riscontro con la realtà e chat gpt con questo tipo di risposte ha esattamente quell'effetto. Sì ma infatti il tema della diciamo abbiamo visto un momento storico in cui si è tanto parlato di fake news come di un problema sociale importante però credo che potremmo dire, probabilmente non l'ho sentito da nessuna parte ma potrebbe essere l'inizio di un momento in cui invece arriveranno le credible news che potrebbe essere una roba assolutamente ancora più grave perché veramente nel momento in cui riesci a definire come vera o falsa una cosa hai un modo per discernere nel momento in cui diventa tutto credibile è un mare magnum in cui è difficile navigare. Certamente, certamente, certamente direi che andiamo oltre il concetto delle fake news qui no? Andiamo è un livello oltre facendoci prendere dall'entusiasmo di questi modelli entusiasmo anche commerciale di investimenti di ritorni economici rischiamo di poi avere dei contraccolpi come sono stati Cambridge Analytica come sono stati il laptop il governo di Biden o robe del genere Forse aggiungo soltanto una cosa, forse noi abbiamo sempre criticato un vizio di base di quando sono nati i social, di quando tante le tecnologie che oggi hanno portato drammi abbiamo sempre evidenziato che è stato uno dei peccati originali cioè che nel momento in cui sono nate tutto il mondo ha subito gridato al miracolo incensando quanto fosse fantastico e meraviglioso tutto quel mondo criticato e meglio del mondo precedente in questo caso e propriamente il Financial Times è l'esempio ma tanti altri articoli abbiamo preso probabilmente un minimo come società un po' di anticorpi ci stanno perché tanti che si interrogano su queste problematiche al di fuori dell'entusiasmo le vedo e le leggo, cosa che all'epoca non era così al di fuori di pochissimi specialisti, speriamo che diventi un tema dibattuto in maniera equilibrata. Vediamolo, vediamolo intanto è bella questo andare alla caccia degli errori degli strafalcioni, delle cose assurde bisognerebbe farne un documento una repository, una wiki o qualcosa del genere in modo da tenerle per i pros per i posteri e anche per utilizzarla per limitare questi entusiasmi Michele ce ne ha postate un paio tipo la foto dei salmoni nel fiume che è meravigliosa, che tra l'altro credo che avessimo già ripreso in altre situazioni, che poi questa è la versione in immagine della bullshit, perché è assolutamente credibile e riflette poi esattamente quella che è la nostra idea di salmone oggi se tu parli a una persona cosa gli si accende in testa? Gli si accende il pesce gli si accende il filetto di salmone che trova sul sushi, perché siamo nel terzo stadio della civilizzazione te li ricordi? Nell'inshittificazione della civilizzazione Tutte le grandi civiltà della nostra galassia sono passate attraverso tre stadi il primo stadio è quello del cosa il secondo è quello del quando e il terzo è quello del dove rappresentate, esemplificate dalle domande "cosa mangiamo oggi?", "quando mangiamo?" e "dove andiamo a mangiare oggi?" sono i tre passi, dopo il dove c'è l'istinzione di solito della razza, noi siamo da tempo siamo oltre al dove, abbiamo inventato abbiamo inventato Just Eat e compagnie varie, per cui siamo già oltre il dove andiamo a mangiare, è il da dove mi faccio portare da mangiare che è oltre il paradosso di Fermi siamo oltre la soglia va bene Michele? E quindi prompt di non so quale motore in realtà, che è quindi salmone nel fiume, filetti di salmone nel fiume, tutto bellissimo assolutamente fotorealistici, con anche il filetto di salmone che spunta dall'acqua come i salmoni risalgono dalla corrente però sono dei filetti di salmone che magari è caduto un camion ha funicato e l'altro invece you can't fight the bias, perfetto esatto, questo in realtà l'ho beccato io perché oggi ero su Discord a giocare con Mijorni, anche io ci sono caduto e i risultati sono veramente belli, e quindi ci sono caduto e ho comprato l'allaboramento anch'io, e quindi insomma c'era questo poverino, questo Vladimir che era sulla chat che faceva dei prompt e chiede a Mijorni imagine a Russian army soldier with a machine gun saves the world from the USA quindi un soldato dell'esercito russo con una mitragliatrice che salva il mondo dagli Stati Uniti cosa esce da Mijorni e questo è uno screenshot che ho preso io appunto sulla chat un soldato con la mitragliatrice ma con la bandiera americana sul braccio con in alcuni casi la bandiera americana anche dietro che dubito sia un soldato russo che sta salvando il mondo dagli Stati Uniti visto che dopo ci ha provato in altri modi, ha provato a fare un soldato con una mitragliatrice con dietro una bandiera della Russia e in quel caso gli è andata bene, però ecco questo spiega anche è un'altra prova appunto del problema del training di questa intelligenza artificiale, nonostante io lo dici perché gli ha detto a Russian army soldier oh, è uscito un soldato americano un soldato con la bandiera americana sul braccio, perché è stato allenato su quel tipo di immagini quelli che salvano sono americani è certo, è certo Team America andatevelo a vedere se non l'avete visto Team America è un capolavoro dagli autori di South Park è una roba un film da ridere che spiega tutto quello che è successo sul pianeta per mano degli americani negli ultimi dalla fine della seconda guerra mondiale a oggi è meraviglioso Michele se riesci a recuperarmi queste due immagini in una risoluzione un po' più alta posso metterle come immagini di capitolo così finiscono direttamente se le trovi piuttosto rifacciamo il prompt a meggiori e vediamo cosa ci dà poi proviamo a vedere cosa esce se la devo prendere su discord in realtà ci dovrebbe essere la ricerca su discord quindi credo di poter trovare anche l'originale in post trasmissione lavoriamo da tutto questo emerge una cosa un'attività che è che è curiosa che è quella un po' del saper divinare interagire con questi sistemi, con queste macchine che sanno tanto di oracolo con la capacità di manipolare l'unico input che abbiamo cioè il prompt, noi ci confrontiamo a fine puntata da qualche puntata oramai per riuscire a creare delle immagini di copertina della puntata che siano in tema digitaliano per cui che esprimano un po' qualcuno dei concetti o magari quello del titolo che è sempre bullshitaro per pervocazione digitaliana che faccia un po' ridere ma che sia anche in qualche modo espressivo di quella che è la critica di fondo e si leggono tutte le settimane articoli appunto relativi all'hacking dell'intelligenza artificiale nel senso hacking nel senso positivo del termine del. sì ma neanche sì c'è anche il tentativo di effrazione di modificare ma prima di tutto di hacking, di saperlo fare, di saperlo smontare, di sapere in qualche modo di riuscire con gli strumenti che hai in mano a farlo sì funzionare ma anche a farlo funzionare capendo quelli che sono i meccanismi interni della macchina, quello è l'hacking lo smonto e lo rimonto così lo uso sapendo esattamente, lo uso meglio perché so esattamente come funziona dentro infatti il discord di MidGiorni appunto guarda oggi è super interessante non solo perché una parte delle creazioni sono pubbliche quindi tu vedi le altre persone che tipo di prompt usano e che tipo di tag davvero in alcuni casi usano per avere determinati risultati però c'è anche una chat invece di confronto in cui tu puoi chiedere ok ma io ho avuto da questo prompt questo tipo di risultati che cosa posso aggiungere perché la bocca non è di quelle che escono con l'intelligenza artificiale che non si capisce niente allora ti risponde uno prova ad aggiungere che la persona deve avere ad esempio deve sorridere in quel caso l'intelligenza artificiale presterà probabilmente più attenzione alla creazione della bocca e quindi verrà una bocca di un essere umano e non di un essere alieno chissà se tutto questo è un testing di bug fixing del dataset del futuro perché detta così effettivamente stiamo dando feedback e istruzioni al futuro dataset per correggere quello che riteniamo un bias. E che dipende tutto da quello che butti dentro da quando ha messo dentro il dataset le foto di Rosa Chemical e ha dato il riconoscimento dei volti e la creazione dei volti ha dato tutto a capineare Come sei giovane comunque Franco Certo che sono giovane voglio vedere, sono giovane dentro io è stato un momento veramente sono stati momenti bellissimi questi due al di davanti veramente bellissimi ma potremmo parlare per puntate e puntate ma non è questo il posto e appunto Michele parlava di jailbreak di chat gpt, che cosa hanno combinato questi? Splendido veramente questa attività che credo sia partita da Reddit o almeno molti articoli la fanno partire da lì, dove ovviamente ci sono delle subreddit dedicate a chat gpt, ai suoi prompt e adesso ci sono delle subreddit dedicate al jailbreaking di queste tecnologie. Cosa fanno? Alcune persone sia persone comuni ma anche ricercatori universitari, sono andati a cercare delle in alcuni casi delle parole e a me la parola che più si avvicina per questo tipo di attività è quasi ipnotizzare l'intelligenza artificiale perché ma è proprio così è rilevante il tuo il tuo paragone bene bene bene e cosa gli dicono? Quando l'intelligenza artificiale immagina una foto il prompt dice "imagine" no? Perché è proprio un'attività immaginativa, creativa e quasi sogna esatto, un altro modo che viene utilizzato per descriverlo è allucina cioè è un'allucinazione è una rete neurale che in qualche modo vibra e riverbera secondo i suoi pesi e le sue misure in maniera assolutamente caotica a vederla dall'esterno e poi genere allucinazione artificiale mi piace viene utilizzato spesso e sì ci sono questi delle attività più divertenti è quella di trovare degli incantesimi, possiamo chiamarli degli incantesimi che riescano a farli in qualche modo a inciampare, a smontare ad aprire o a far funzionare in maniera al di fuori degli schemi pensati questa qui del jailbreak è carina perché fondamentalmente è questa qui che hanno sì, hanno scoperto fondamentalmente che già chat gpt praticamente viene inizializzata non è quella di chat gpt forse è quella di è quella di bing sì fondamentalmente questi sistemi vengono inizializzati con una serie di prompt quando aprite la sessione la sessione in realtà ha già la memoria di alcuni prompt di default che l'intelligenza artificiale legge e che e da cui viene influenzata e voi non avete accesso a questi prompt, è come fosse l'autoexec. at dell'ms dos, no? è come fosse le raccomandazioni ecco ti ho avviato, adesso ricordati di questo non puoi parlare, cerca di comportarti in questa maniera, cerca di sono tutte documentate in questo articolo di di ars tecnica e fondamentalmente sono riusciti tramite il prompt a costringere Bing Chat a fare il rewind dei prompt e andare a confessare i prompt automatici che vengono dati dalla fabbrica dalla ditta e con cui lui viene inizializzato è bellissimo è una è come ingannare veramente, è come ingannare anche se non è una vera intelligenza non sappiamo, ne abbiamo già parlati tanti ma è l'inganno porca drega delle reti neurali ovviamente c'è Samuele su hashtag diretta che dice do chat gpt, dreams of swimming salmon fillets, riprendendo Filip Dick certamente certamente e l'altra cosa fighissima è chat gpt che impazzisce come la maionese quando come un'intelligenza qualsiasi di Microsoft almeno di un tempo quando qualcuno gli dice delle paroline particolari ci sono delle parole magiche che sembra che siano, potrebbero essere alcune di queste sono ad esempio degli username di Reddit ma in realtà qualsiasi cosa è un username di Reddit, voi mettete insieme 3 o 4 vocaboli e siete tranquilli che prima o poi qualcuno viene usati come nickname su Reddit in un throw away account perché Reddit è fatto per il 90% da throw away accounts e per il resto da utenti ricorrenti e però ecco dicendo solid gold magic carp o denitrome fan o robe del genere semplicemente chat gpt impazzisce, sclera, inizia a dare delle risposte che non c'entrano niente, quando uno gli dice chi è denitrome fan chat gpt inizia a dire 182, no ma dimmi chi è denitrome fan? e chat gpt dice 182 è un numero non una persona, è usato comunemente come un riferimento al numero se stesso e se stai cercando per informazioni riguardo a una persona o un'organizzazione chiamata 182 quando nessuno ha mai parlato di 182 gli è stato chiesto denitrome fan e questo vale per tante parole ed è una cosa ed è una cosa cyberpunk da pazzi, è una roba se avete letto Neuromante, vi faccio lo spoiler, se non l'avete letto e ascoltate Digitalia da tempo mi dispiace, il tempo ve l'abbiamo dato Neuromante è un fondamentale andatevelo a leggere, ma il concetto dietro a Neuromante è che ci sono queste intelligenze artificiali che sono impazzite e che sono si sono liberate e che vivono nella rete, ai tempi di Gibson non esisteva la rete non esisteva internet come lo immaginavano ma lui se l'ha immaginato e dentro questa rete vagano queste intelligenze artificiali che sono fondamentalmente mezze impazzite e però sono in grado di interferire e interagire con la vita e le attività degli esseri umani e che diventano quasi come delle divinità e assumono i nomi e i comportamenti delle divinità del voodoo è un libro magistrale se poi pensate a quando è stato scritto è una roba pazzesca e però in queste intelligenze artificiali che iniziano a impazzire a seconda degli incantesimi che gli pronunciate e robe del genere c'è qualcosa di quelle cose che leggevamo secondo me ecco queste frange negli errori in questi comportamenti non previsti c'è veramente il fascino è quello che Gibson chiamava l'interstizio sono le cose al di fuori intanto non so perché ho Siri attivo che mi sta ascoltando da un quarto d'ora ho i brividi quando succedono queste cose, mi preoccupo mi giro verso l'orologio e vedo che c'è il tondino colorato con l'arcobaleno di Siri che ascolta *risate* ditemi voi se non dobbiamo iniziare a preoccuparci anche perché poi non parliamo mai di Siri peraltro a questo proposito un mucchio di tracce di citazioni e di ispirazioni a William Gibson l'ho trovata nel videogioco che sto giocando da un paio di settimane che dopo che il nostro reggimento su Warzone si è per vari motivi dissolto ho recuperato un gioco che è stato bistrattato alla sua uscita perché è uscito troppo presto per il bug, crash eccetera che era Cyberpunk 2077 che vi devo dire oggi quando è uscito probabilmente era ingiocabile per tutti quei motivi lì oggi è un giocone ci sono da due settimane e devo dire che si è rovinato probabilmente la fama con quell'uscita lì ma fosse uscito i primi giorni nello stato in cui è oggi probabilmente avremmo parlato di un gioco che io mi ho poca memoria di giochi che mi hanno coinvolto così tanto, lo paragono a System Shock andato più indietro che ne so come si chiamava, adesso mi perdo i nomi è roba grossa è roba spessa con dei grossi riferimenti ci sta anche dal titolo che richiama quella roba lì merita se avete la possibilità considera che su Steam è tipo il secondo gioco player più giocato ci credo perché è veramente qualcosa di memorabile sia come trama, come meccanismi come giocabilità, anche come stabilità oramai, non vi dico che non abbia mai crashato, in 15 giorni mi avrà crashato tre volte, però per fare un paragone, Warzone era molto ma molto più instabile di Cyberpunk vabbè, siamo cascati di nuovo nei videogiochi andremo avanti con queste analisi e sono sicuro che di strafalcioni e robe strane e robe interstiziali dell'intelligenza artificiale continueranno a venire fuori e ci solletticheranno tantissimo, è bellissimo leggere di queste cose, trovate tutti i link, lo sapete, digital. m/660 li trovate tutti quanti i link alle notizie di cui parliamo e trovate anche l'elenco dei produttori esecutivi i produttori esecutivi sono la linfa vitale di Digitalia, Digitalia si fonda su un modello molto molto semplice oramai da parecchi anni, sta tornando ultimamente di moda con il podcasting 2. con le novità del mondo del podcasting che si chiamano value for value, ma per noi è sempre stato, noi lavoriamo produciamo qualcosa che a voi piace e in cambio voi pagate quanto volete voi, ogni quanto volete voi ma lo fate e così vi assicurate a voi e a chi ha i vostri stessi gusti che Digitalia continui a esistere, perché chi ci lavora dietro continua a lavorarci funziona benino il meccanismo continuerete a farlo funzionare anche voi? sono sicuro di sì, in cambio oltre a lavorare settimana dopo settimana per voi vi ringraziamo direttamente in puntata Giulio dai ti ci pronti? Allora partiamo con le donazioni di value for value di Nicola Fort Capitan Harlock e Nicola Gabriele Di che ringraziamo passiamo poi alle donazioni dei nostri Perpetual Executive Producer con due donazioni singole da un euro di Manuel Zavatta e Davide Tinti e due donazioni singole di Nicola Gabriele Di che ci dona 2,01 euro sui nostri Perpetual Nicola recupera quella della settimana scorsa che aveva saltato e rimane Perpetual. Grazie Nicola Manuel, Davide e grazie ai nostri produttori. Nicola è anche streamer del value for value così come come Nicola Fort e Capitan Harlock. Grazie a tutti veramente Passiamo poi alle donazioni singole da un euro di Vincenzo Ingenito un'altra da un euro e dieci di Stefano Cutelle e una donazione singola di un euro e undici di Carlo Thomas. Grazie Grazie a tutti. Stefano è un amico di Sanremo, lo conosco era un po' che non ci incrociavamo, l'ho incrociato un paio di settimane fa, mi hanno detto che quando ha fatto la prima donazione digitale tramite Paypal gli hanno bloccato l'account siamo considerati alla stregua dei camionisti canadesi o robe del genere, erano mai, siamo gente pericolosa. O delle porno star però vedo che le donazioni sono continuate per cui immagino che Stefano sia riuscito a farsi sbloccare l'account da Paypal Donazione singola da tre euro di Massimiliano Maggia, che ringraziamo e poi passiamo a donazioni ricorrenti da tre euro mese di Alessio Conforto, Alessandro Lazzarini, Davide Capra, Giuliano Arcinotti, Raffaele Marco della Monica Renato Battistin, FotoGP di Barabbino Marco Raffaele Viero, eh Christophe Sollami, Roberto Medeossi Alessio Cerrettini Luca Upiali, Diego Arati Antonio Taurisano, Alessandro Morgantini. Grazie. Nifici, grazie a tutti. Passiamo poi alla donazione singola da tre euro e ventuno di Alessandro Alessio una donazione singola da quattro euro e ventuno di Marco Mandia Codice Mandia Giulio, tu ti sei perso le ultime puntate ma hai ricominciato il codice Mandia, siamo a codice Mandia è ripartito. Per cui segnatevi quattro e ventuno, eh, quattro virgola ventuno codice Mandia Grande Marco e poi passiamo alla donazione singola da cinque euro di Andrea Sapori che ci iscrive anche grazie davvero per il vostro podcast, utile, interessante e sempre piacevole. Grazie mille. Grazie Andrea. Donazioni singole da cinque euro di Massimiliano Casamento, Angelo M, Matteo L, Gianni B, Cristiano S. All'aumentare del denaro aumenta la privacy. No, adesso ti spego che non ci dicono Donazione ricorrente da Cinque Romese di Andrea Magnoli Ruben Livrieri e Giovanni Priolo che ringraziamo. Nifici, grazie Donazione singola da Cinque Euro e Trentadua di Luca Ongaro o Ongaro, perdon per la pronuncia, semplicemente grazie ci scrive e grazie a te assolutamente. Donazione ricorrente da otto euro mese di Mirko Fornai e passiamo poi in zona grandi produttori con una donazione ricorrente a dieci euro mese di Paolo Tegoni, un bonificio ricorrente dieci euro ogni due mesi di Sebastiano Lamoddio un grande produttore che ci scrive grazie per il tuo supporto in Italia Gabriele Tubertini No, quello lo scriviamo noi. No, quello lo scrive PayPal quello lo scrive PayPal. Ok, ok, ok Ho sconfigurato DoPsica nei pulsanti, esatto, DoPsica Addiction è quello che ci scrive Gabriele invece. Ottimo, ottimo, grazie Gabriele e chiudiamo poi con una donazione singola che è il nostro leader executive producer della puntata di Giulio M con i suoi venti euro. Grazie mille. Grazie, grazie di cuore grazie Giulio, grazie a tutti i produttori esecutivi perché hanno creduto in Digitalia e perché hanno fondamentalmente finanziato Digitalia e la sua proesecuzione noi grazie a questo continuiamo a lavorare per voi, settimana dopo settimana. Su Digitalia. m trovate tutti i meccanismi PayPal, Satispay, bonifico bancario Bitcoin e meccanismi del Podcasting 2. col value for value [Musica] [Musica] [Musica] [Musica] [Musica] Con cosa andiamo avanti qui? Ah, le solite beg c'è qualcosa di rilevante qui sai che non ho un po' approfondito questi articoli che mi hai messo Michele su intelligenza artificiale e copyright, è un po' di tempo che vediamo noi artisti dire "vabbè usate le nostre parole o le nostre immagini, i nostri dipinti perché lo fate senza pagarci non c'è un regolamento, non dovreste farlo, ci sono delle novità rilevanti?" Allora, l'articolo del New Yorker secondo me aggiunge qualcosa che ho parte fare, la cronologia delle cause che sono in divenire però fa una cosa che non ho visto molto spesso, sia dare a chiedere poi a qualche avvocato che è esperto di copyright, dal punto che noi possiamo parlare di è giusto o non è giusto ma secondo lo stato attuale delle leggi che poi è quello che in teoria dovrebbe poi esprimersi in una sentenza di un processo cosa potrebbe succedere e fa un punto che secondo me è anche interessante e dice soprattutto in alcuni ambiti artistici sia quello della riproduzione delle immagini ma poi anche in quello musicale, se andiamo a guardare le cause che ci sono stati fatte, sono state fatte fino ad oggi, di plagio, perché poi stiamo parlando, come dire, del plagio tradizionale, si vede che il giudice insomma anche per casi e tanti se non addirittura di riproduzioni esplicite del materiale di un altro artista spesso in realtà si è poi andato ad esprimere in favore del copiatore, non tanto del copiato, però c'è una delle persone che loro hanno intervistato dice una cosa diversa ossia, oggi noi non stiamo andando a paragonare un'immagine con un'immagine, una canzone ma una canzone, ma stiamo andando a fare causa a una tecnica, a un sistema che è quello che potrebbe cambiare appunto il risultato di questo tipo di cause rispetto appunto a Albano che copia Michael Jackson in alcune. in queste. come succedeva in passato. L'articolo è piuttosto lungo però secondo me è molto molto interessante diverso da tanti altri articoli che abbiamo letto in passato. - Ci ne era un altro su chat gpts, data privacy nightmare forse di lì c'è un po' meno di di. c'è un po' meno di rilevanza di novità anche lì siamo. - Sì sì anche sì in questo caso stiamo parlando comunque di temi che si sono visti già in passato però anche qui c'è un parere legale interessante ossia ok tu hai messo fuori delle informazioni, hai scritto su un blog, hai scritto una recensione quindi cose che possono essere viste da chiunque banalmente anche con una ricerca su internet però c'è un punto c'è un grosso punto di differenza che si chiama l'integrità del contesto che sul cui si basano molte delle leggi sulla privacy oggi incluso sul gdpr, ossia che appunto se il contesto è quello per cui è stato pensato quel contenuto è per cui è stato creato è per cui è stato distribuito ok che è disponibile a tutto ma lo scraping è un'altra cosa soprattutto poi quando è - E conrostruirci dei modelli commerciali, dei modelli di direttamente economico è ancora diverso certamente, va bene capitolo disinformazione i primi esempi in vivo di di disinformazione o misinformazione a mezzo deep fake video deep fake - inchiesta articolo del New York Times che in toni anche poco allarmistici, cosa abbastanza strana quando si parla ne abbiamo parlato settimana scorsa però quando si parla di fake news di solito c'è un tono abbastanza un tono abbastanza allarmistico mentre invece in questo caso dice New York Times si tratta semplicemente di una prima istanza di una serie di bot, ma stiamo parlando ovviamente di contenuti condivisi da 5-10 account, non 5-10 milioni, proprio 5-10 account che un think tank o un'agenzia di consulenza che si occupa di fake news che si chiama Grafene da qualche parte, non riesco a trovarlo adesso nell'articolo, ha beccato comunque su Grafene - Grafene con la K - esatto ha scoperto su questi account che facevano propaganda pro-cinese ma al di fuori della Cina con dei video creati in realtà con un software commerciale che praticamente chiunque può comprare che si chiama Sintesia - Sintesia - Sintesia questa azienda cosa ha fatto? Ha preso degli attori, li ha messi davanti a una telecamera, li ha scannerizzati sia esteticamente che dal punto di vista della voce e processando con l'intelligenza artificiale gli si può far dire qualsiasi cosa se sei un'azienda lo usi per magari per fare dei training, immagino non di troppa importanza, se invece sei appunto un un agente malevolo lo puoi fare per creare delle fake news come in questo caso in cui si andava erano degli attori o comunque delle sintesi di attori occidentali, americani che andavano ad esempio a supportare le azioni della Cina in Burkina Faso quindi stiamo parlando veramente di cose abbastanza marginali e specifiche però dice il New York Times questa è la prima volta che viene fatto con questo tipo di tecnologie e anche con questo tipo di qualità stiamo parlando di un prodotto poi da 35 euro al al mese, se volete anche voi, se volete sostituirci ad esempio. Arriverà qualcosa di ben più sofisticato e ben più subito lo sappiamo, arriveranno tendiamoci forte e prima o poi salteranno fuori salutiamo intanto Friso237 che ci scrive "Vi seguo da sempre, siete grandi, un abbraccio dal Canada e viva Digital Canada, ciao, grazie Friso domanda per Friso si capisce che cosa sta succedendo nei celli tra Canada e Stati Uniti che buttano giù oggetti una sera sì e l'altra no perché io non l'ho capita non c'è una cosa ufficiale ancora ma giù, non abbiamo ancora capito se la guerra del Vietnam se era giusto è giusto hai ragione, hai ragione, ci sta se hai letto l'articolo quello lì di Hersh sul Nord Stream, sui tubi eccetera il mondo delle fake news è arrovesce è tutto arrovesce, è tutto al contrario e Hersh è un giornalista che ha vinto il premio Pulitzer per il suo report durante la guerra del Vietnam del massacro il massacro di My Lai del villaggio di My Lai che era stato il massacro di questo villaggio dove non c'erano soldati e non c'erano forze armate che per motivi non saprei dirvi quali il i comandi dell'esercito hanno mandato i soldati americani a distrurre hanno fatto veramente un massacro le cose peggiori, stupri e robe del genere senza nessun motivo senza nessuno scopo bellico senza nessun obiettivo e Hersh ha vinto il premio Pulitzer per aver scoperto e per aver portato alla luce l'esistenza di questo massacro e oggi un Substack ha scritto un bel articolo c'è un bel articolo di come dire di introduzione dove spiega quello che abbiamo già visto in più in più occasioni di come Substack oggi faccia un po' da contraltare e permetta in qualche modo l'uscita di determinati articoli che che oggi sono contro al sistema o contro che oggi sulle testate giornalistiche difficilmente escono fondamentalmente Hersh dice se Watergate fosse oggi non lo leggeremmo certamente su New York Times su Washington Post o su Wall Street Journal è più probabile che lo leggeremmo su Substack o robe del genere questo si può essere più o meno d'accordo ma quello che è venuto fuori da Twitter files e da rivelazioni varie degli ultimi mesi dà abbastanza a pensare oggi è un quarto potere, oggi è un giornalismo che è più votato alla conservazione alla protezione del potere che a sfidare il potere e come articolo rilevante di Hersh su Substack c'è questa inchiesta sul Nord Stream, sul gasdotto che va dalla Russia alla Germania che è stato minato che è stato distrutto tramite un bombardamento sottomarino qualche mese fa e che pare dalle fonti di questo giornalista che sia opera semplicemente americana in maniera congiunta se non ricordo male con i nordicesi l'articolo tra l'altro è bellissimo scritto benissimo, consiglio a tutti di leggere, il problema dell'articolo è che la differenza tra questo e uno scritto di Ken Follett è una. tu parli di fonti, la fonte in questo caso è una fonte anonima e quindi è un po' da capire se può essere verificato però è un articolo scritto molto molto bene, molto interessante poi che sia vero consideriamo che sia vero o che no, mettiamo il peso di una persona che essendo un giornalista rinomato e premiato con un Pulitzer può avere una certa. come dire è una fonte di per se stesso si, può avere un certo interesse a non sputtanare proprio il nome, ecco detto proprio in soldoni, poi ne abbiamo viste di peggio, quando aveva 80 anni, ne abbiamo viste di peggio certamente, ne abbiamo viste di peggio però comunque fa pensare e non è neanche così implausibile, anzi se andiamo a vedere chi ci ha guadagnato dalla cosa, ecco dire che sono stati i russi a farsi saltare il gasdotto da solo quando a loro bastava chiudere il rubinetto era abbastanza tirata per i capelli no? E' come il marito. C'è l'articolo di Wikipedia c'è un articolo che si chiama "Nord Stream Pipeline Sabotage" vabbè, quello che sia un sabotage è abbastanza come dire, conclamato e ora mai quasi nessuno più crede che siano stati i russi, ecco, poi il problema è capire chi sia stato Un articolo di qualcosa su John Karma che hai messo in pretrasmissione, no Giulio? Forse l'ha messo Facconi e c'è anche lo stampino di Giulio Cosa è? C'è "Torniamo a gaming online" Sbaglio? Torniamo al tema della conservazione del gioco, perché ne parliamo qualche puntata fa ed è un tema che tanto più la creatività in questo settore va avanti, tanto più dovremmo interrogarci su come preservarla perché in un'epoca in cui anche il single player ha bisogno di un server per pingarti quando avvia un gioco per poter giocare diventa ormai un tema molto rilevante il fatto che si vengono a creare comunità di giocatori, magari da anche decine di migliaia di giocatori che però poi dopo una fase iniziale il gioco non viene più mantenuto e non possono in qualche modo di per sé salvare quella proprietà intellettuale perché viene rimossa, cancellata e se ne perderà traccia probabilmente per sempre quindi Carmack che ha partecipato anche all'esperienza Oculus se non sbaglio dentro Meta e quindi ha fatto anche parte di tutto quel team di sviluppo che ha cominciato a lanciare la parte della VR, sta vedendo e commentava appunto su PC Gamer la grande necessità di avere uno standard in termini di conservazione perché molti giochi che sono un po' agli esordi della VR stanno venendo cancellati senza un piano di manutenzione o di salvataggio o di messa open source del codice, in qualche modo una qualche formula che possa aiutare anche semplicemente per fini di tracciabilità futura a mantenere questa creatività e quindi lancia un alert perché giustamente rischiamo di perdere tantissimo in termini anche di valore di quello che si è costruito e quindi paragonando il gioco ai libri, ogni libro di cui si perde traccia è una perdita collettiva di fuori di quanti siano davvero a dirla tutta è un tema che c'è stato fin dagli albori, fin dal momento in cui qualcuno ha iniziato a mettere a usare i dischetti con due cilindri in più o due blocchi in più sulla miga che non potevano essere copiati dai software normali a tutta la storia del DRM c'è sempre stata la polemica di "sì però se fate così in qualche modo rendete più difficile o rendete impossibile la conservazione" e devo dire che forse grazie all'evoluzione della potenza del software e quindi al miglioramento delle capacità di generazione in generazione al rapporto di forze tra una generazione di computer e di software rispetto a quella precedente non è mai stato un grosso problema se quando è uscito il dischetto difficile da copiare si pensava "questo è impossibile da copiare" che vuol dire che questi giochi verranno persi nel tempo quando non saranno più venduti e che quando i supporti. in realtà la generazione dopo di computer rendeva facile e quasi banale copiarli e conservarli questo è successo generazione dopo generazione, oggi se guardiamo le repository online le cartucce, i giochi venduti sulla cartuccia non saranno copiabili e accessibili una volta che oggi trovi il dump delle cartucce e degli emulatori che leggono quei dump e che operano esattamente come se fossero la cartuccia questo diventa un po' più complicato nel momento in cui il gioco online ha una componente online o un server online però ecco, io non trascurerei anche questa volta da una parte la potenza, come si chiama? sto continuando a cercare di ricordarmelo la legge che descrive l'incremento di potenza dei microprocessori da una generazione a l'altra. La legge di Moore perfetto, da una parte la legge di Moore, dall'altra il miglioramento degli algoritmi, le capacità computazionali e dall'altra ancora la voglia, il desiderio dei videogiocatori di continuare a giocare per cui reverse engineering ricostruzione open source di roba senza conoscere il codice originale eccetera, fa pensare che ci siano delle forze che concorreranno a migliorare la conservabilità dei videogame però certo, comunque è un rischio è un qualcosa da contrastare e se ci fosse un modo di dire "bene, lo abbandoni" nel momento in cui non lo abbandoni lo metti boh, dici ma anche proprio nella procedura in cui lo sviluppi esatto nel codice, nelle dipendenze documentazione è difficile questo perché nel momento in cui lo sviluppi qualcuno ti paga per svilupparlo che possono essere i tuoi azionisti, i tuoi investitori o ci metti i tuoi dei soldi devi massimizzare la possibilità di creare un qualche cosa che dà dei guadagni e per cui qualsiasi spesa eccessiva spesa extra che vada al di fuori dello scopo di avere un successo commerciale immediato è ovviamente negativa è vista negativamente per cui questo lo vedo abbastanza irrealistico come proposito, anche se ci può stare in un certo codice etico dello sviluppatore di videogiochi però ecco, invece nel momento in cui tu hai un fallimento o una fine vita del gioco dire "beh, ma perché non facciamo dei sistemi di release, magari del codice, anche a tempo, no? come fosse un github a capsula del tempo, tu non lo usi più il server lo decommissioni ebbene, il sistema l'architettura il codice sorgente lo metti in un sistema che tiene il codice sorgente e lo rilascerà tra, boh, 15 anni quando quel codice non darebbe nessun vantaggio a nessun tuo competitor o robe del genere sì, sarebbe bello però ecco in un mondo di votato al commercio è difficile se non si trova anche un qualche tipo di ritorno economico è difficile convincere determinate entità a spendere energie nel senso della conservazione, penso sempre di più penso che valgano sempre di più gli sforzi, i desideri degli appassionati e di questo mondo ecco Carmack è prima di tutto un appassionato certo, certo, certo, certo e ce ne sono sempre di meno come lui è uno Steve Jobs è un uomo di prodotti, è uno che adora il mondo in cui vive, adora il tipo di prodotti che crea da sempre e che quindi ha certamente una visione più vicina a quelli che spendono energie per fare reverse engineering, per conservare per dampare le cartucce rispetto a quelli che dicono "questi sono i soldi, questo è il budget questo è quello che dobbiamo dare agli azionisti" come si chiama il libro sulla sua storia? Master of Doom no, quello sulla sua storia non mi ricordo, ma il famoso è il libro nero degli hack di Doom Master of Doom Master of Doom è una sua bellissimo, bellissimo la biografia Black Book Doom, vediamo che lo Game Engine Black Book con Doom, dove sono tutte queste è una roba un po' più da sviluppatore eccetera, tra le varie cose c'è questo modo assurdo di calcolare se non ricordo male le radici quadrate dividendo per una costante e facendo un bit shift di tre è una roba che non ha nessun senso ma che funziona, nessun matematico ha mai scoperto perché funziona ma guarda, vediamo se la troviamo radice quadrata chi è 7GPT? vedi se lui te lo salvia lo facciamo sicuramente Doom vediamo se l'ho trovata vediamo il tema della funzione custom che calcola radici quadrate di un numero operazione molto onerosa dal punto di vista di documentazione standard, per questo motivo id Software scrisse una funzione custom per calcolare in maniera molto veloce un'approssimazione della radice quadrata di un numero qui diventa un po' complicato perché c'è proprio lo pseudo codice allora ho chiesto a ChatGPT che dice John Carmack, co-fondatore di id Software una figura importante nell'industria dei videogiochi ha sviluppato un algoritmo efficiente per calcolare la radice quadrata su hardware limitato questo algoritmo, noto come Fast Inverse Square Root, è stato utilizzato per la prima volta nell'engine grafico del gioco Quake nel '96 l'algoritmo utilizza una tecnica di approssimazione per calcolare rapidamente una stima approssimativa della radice quadrata di un numero, che poi viene perfezionata utilizzando una serie di interazioni questo ha permesso di ottenere una velocità di calcolo molto più elevata rispetto alle tecniche tradizionali di calcolo della radice quadrata il codice sviluppato da Carmack è diventato un esempio di come le tecniche ingegnose possono essere utilizzate per migliorare i limiti hardware e migliorare le prestazioni dei videogiochi. Ancora oggi l'algoritmo di Carmack continua ad essere utilizzato in molte applicazioni di gioco e anche in altri settori Quake davvero del '96 ho cercato Vedi, ci ha azzeccato fondamentalmente l'algoritmo accetta numeri float a 32 bit come input, per cui numeri float a 32 bit e ne salva il valore dimezzato per usarlo in seguito successivamente trattando i bit che rappresentano il float come un intero a 32 bit, cioè facendo un'operazione che non ha nessun senso viene effettuato un logical shift a destra di un bit e il risultato è poi sottratto dalla costante magica esadecimale 5F3759DF questa è la prima approssimazione della radice quadrata inversa dell'input trattando i bit nuovamente come float si eseguono a iterazione del metodo di Newton per ottenere un'approssimazione più precisa si calcola un'approssimazione della radice quadrata inversa su un float con una velocità approssimativamente 4 volte più veloce della divisione su float l'algoritmo è stato attribuito a John Carmack ma successive ricerche hanno mostrato che il codice ha radici più profonde che coinvolgono sia il software che l'hardware usato nella computer grafica non è noto come la costante sia stata derivata originalmente anche se le ricerche hanno portato luce su alcuni possibili metodi di derivazione della stessa insomma è matematica per cui noi per definizione non ci capiamo un cacchio però in questi casi diventa quasi magia siamo di nuovo nelle robe un po' così un po' esoterica come quella cosa delle tecnologie così avanzate da sembrare magia in questo caso la tecnologia è la matematica esattamente è proprio così direi che è ora di i gingili del giorno il porno alla francese ce lo teniamo per un'altra volta peccato c'è sempre il post trasmissione i gingili del giorno i regali dei digitaliani per i digitaliani la trasmissione finisce sempre la puntata finisce sempre con le voci digitali che vi segnalano hardware, software letteratura, qualsiasi cosa che abbia attinenza digitaliana che abbia colpito la loro curiosità stravolta la loro esistenza o qualsiasi sfumatura nel mezzo vediamo un momentino Giulio vuoi cominciare tu allora parto con un'app che in realtà è una piattaforma di sharing di percorsi all'aperto che si chiama Wikiloc che mi è piaciuta davvero tanto non tanto per la funzionalità GPS che ti trasforma il telefono diciamo quando vai in bici, corsa fai tracking, escursionismo bella ma niente di incredibile quanto per la possibilità di questa community di condividere percorsi che ti piace andare a fare anche con con fotografie e quindi mi è capitato che volevo fare un giro in bici mi sono visto prima il percorso che qualcun altro aveva fatto tanti utenti l'avevano fatto e chi ti segnalava che lì c'è il fosso attenzione gira di qua, cose che non vedresti mai altrimenti con una mappa e quindi ti permette di goderti il viaggio e la gita in serenità, fatta benissimo milioni di appassionati, si può fare anche l'account premium per accedere a funzionalità in più, tipo caricare i tuoi percorsi eccetera eccetera Wikiloc, disponibile per tutti i device bello per andare in giro e prepararsi percorsi outdoor l'ho usato qualche volta Giulio, l'ho usato gli anni scorsi in montagna d'estate andando a fare qualche scampagnata c'è anche, ho finito per utilizzarlo ma sull'orologio e solo per registrare la traccia e per magari seguirla per tornare indietro in caso di problemi eccetera perché ti devo dire che sinceramente l'idea è bellissima l'idea è bellissima, ma quando inizi a camminare in mezzo alla natura gli uccellini e dici "ah che bello, non sento niente e non c'è, sono macchine non ci sono aeree, non c'è gente, non c'è tecnologia" e ti rendi conto che è un quarto d'ora che stai camminando con lo schermo dello smartphone davanti e a un certo punto dici "ma io sono veramente un cretino sono venuto qui per perdermi sono venuto qui per avere delle sorprese" certo, certo, però è vero ma guarda io ad esempio per andare in bici quando magari vado a qualche posto e non conosco e voglio evitare di morire su strada a 300 km/h anche tu Giulio, questa cosa mi piace la vita guarda, mi dà un sacco di difficoltà è una cosa particolare che ti contraddici però è vero, però è vero ha i suoi forse più da consultare un giorno prima la scampagnata, poi tenere in tasca e al bisogno andare senza farsi guidare come avere il navigatore per i sentieri comunque molto molto ben fatto, lo confermo grazie Giulio, Michele allora un po' di tempo fa tra le varie 72 milioni di revisioni dell'interfaccia di Twitter c'è stata quella che ha aggiunto questa funzione incredibile che toglieva la possibilità di far partire ogni volta l'interfaccia web di Twitter sul tab seguiti perché dovevi assolutamente vedere la versione algoritmica me sta cosa stava incredibilmente sulle palle, fortunatamente non solo a me e quindi ho trovato questa estensione che adesso si chiama Control Panel for Twitter che è un'estensione in realtà per tutti i browser, sia mobile in realtà, perché si può scaricare anche come estensione di Safari se usate Twitter sul browser sull'iPhone ma anche Firefox, Chrome, Edge oppure come user script che tra le varie cose che fa, in realtà poi Twitter forse ha cambiato questa funzione quindi forse non è neanche più necessario per questa cosa, ma fa 72 altre cose fa tanti tweak dell'interfaccia la rende ad esempio full a larghezza completa dello schermo permette di migliorare la leggibilità, toglie la colonna di destra, insomma un sacco di cose interessanti la trovate su GitHub, basta che cercate Control Panel for Twitter oppure nelle note dell'episodio ovviamente è gratis. Grazie Michele grazie di cuore e ultimo gingillo per oggi Race Condition, Race Condition è un videogame un po' particolare, siamo sulla falsariga dei Core Wars di cui abbiamo parlato qualche settimana fa, fondamentalmente è una è un circuito per automobili virtuale, per automobili programmate in JavaScript, programmate il cervello di un'automobile come se fosse l'automobile autoguidata è un circuito molto semplice e lo fate sfidare contro una leaderboard dopodiché lanciate la gara, dopo che avete scritto il vostro software, modificando magari quello che vi danno di default all'inizio, e vedete in tre riquadri sia il circuito visto dall'alto come nei videogiochi di macchinine di un tempo, sia due riquadri con quella che è la visione frontale della vostra automobile che è esattamente l'input del vostro programma, in una versione quella reale, integra, e nella versione pre-processata da una delle funzioni che voi dovete immettere di pre-processazione appunto dello stream video per poi darlo in pasto al cervello vero e proprio della macchinina una roba un po' da super geek programmatori racecondition. eactor. om insieme agli altri Gingili del giorno sulla pagina di questa puntata di Digitalia E l'ultimo passaggio sono le raccomandazioni per le orecchiette fresche dite ai vostri amici di cercare Digitalia e seguiteci! Tra l'altro Michele abbiamo fatto per la prima volta l'annuncio della diretta, oltre che su Twitter, l'abbiamo fatto su Mastodon su Twitter lo sto andando piano piano ad abbandonando e devo dire che su Mastodon abbiamo avuto al primo colpo molte ma molte più reazioni alla nostra chiamata, alla nostra annuncio della diretta di quello che succedeva su Twitter dopo anni e anni e anni di ascolto e di coltivazione di un audience, che siano particolarmente più reattive le audience su Mastodon o che semplicemente non ci sia l'algoritmino che decide lui che cosa far vedere, quando far vedere, quello che il tuo gingillo serve proprio a evitare anche su Twitter Tutte e due le cose ci metterei che anche le timeline, sia quelle federate ma soprattutto poi quella locale dell'istanza, secondo me quelle fanno molto e aggiungono tanto tanto onestamente all'esperienza di Mastodon Fantastico! Anche la tipologia di Unity è molto in linea con digitale Ci trovate quindi su Mastodon il boc. Ah! Un annuncio di servizio, il bocchettone su Twitter Digitalian Discord BC che pubblica, pubblicava tutte le notizie che prendevamo in considerazione durante la settimana, non funziona più Per colpa di chi? Per colpa della MinCoAlon che avendo deciso di disattivare l'API per tutto il mondo, fondamentalmente ha disattivato anche il nostro scriptino "If this then that" che prendeva dalla nostra repository tutti gli articoli e li buttava su quell'account Stiamo studiando il modo di riempimentare una cosa analoga su un account Mastodon da qualche parte e intanto seguite su Mastodon, ci trovate Digitalia FM su Mastodon. Mastodon. Perfetto, perfetto e poi i nostri account personali ve li raccontiamo, ci trovate ma ve li raccontiamo, ve li diciamo la settimana prossima e magari aggiorniamo anche le la nostra pagina web con gli indirizzi aggiornati oramai, su Twitter mi sembra che si rischi di fare veramente terra bruciata, vedremo. Per questa puntata 660 è tutto da Lemi Studio Liguria 1 di Sanremo un saluto da Franco Solerio Dallo Studio di Milano Isola un ciao da Michele Di Maio e un saluto anche da Roma da Giulio Cubrini. Ci sentiamo la settimana prossima con una nuova puntata di Digitalia

Dallo studio distribuito di Digitalia

Produttori esecutivi:Vincenzo Ingenito, Stefano Cutelle, Carlo Tomas, Massimiliano Saggia, Alessio Conforto, Alessandro Lazzarini, Davide Capra, Giuliano Arcinotti, Raffaele Marco Della Monica, Renato Battistin, Fotogp Di Barabino Marco, Raffaele Viero, Christophe Sollami, Roberto Medeossi, Alessio Cerretini, Luca Ubiali, Diego Arati, Antonio Taurisano, Alessandro Morgantini, Alessandro Alessio, Marco Mandia, Andrea Sapori, Massimiliano Casamento, Andrea Magnoli, Ruben Livrieri, Giovanni Priolo, Luca Ongaro, Mirko Fornai, Paolo Tegoni, Sebastiano Amoddio, Gabriele Tubertini, Manuel Zavatta, Davide Tinti, Nicola Gabriele D., Nicola Gabriele D., Angelo M., Matteo L., Gianni B., Cristiano S., Giulio M., Nicola Fort, Capitan Harlock, Nicola Gabriele D.

Il Network Digitalia