Blurry
Logo Digitalia

Prossima diretta
Lunedì 17 Giugno alle 20:50

683

L’indice di perplessità

Microsoft continuerà a pubblicare Call of Duty per Playstation. La legge anti-pezzotto. Obbligo di batterie sostituibili. Sorveglianza tramite veicoli autonomi. Il DNA dei cani. Barbenheimer. Queste e molte altre le notizie tech nella puntata di questa settimana.

Digitalia.fm
Digitalia #683 - L'indice di perplessità

Digitalia #683 - L'indice di perplessità

Settimana del 17 luglio 2023 la caccia ai pirati dell'antichità, l'obbligo di batterie sostituibili, Zuckerberg 2. ma anche discrimazione, Barbenheimer, Boris Johnson. Questo è molto l'Antescaletta, per un'ora e mezza dedicata alla notizia, quella digitale, all'italiana. Dall'emissorio di Guria 1 di Sanremo qui è Franco Solerio. Da un accaldato ma attentissimo studio cittadino di Avellino, Massimo De Santo. E dallo studio di Milano Michele Di Maio. Digitale. Hola, hola, buongiorno a tutti, bentornati cari digitaliani all'ascolto della vostra speriamo trasmissione preferita o almeno una delle vostre preferite e… Nella top 3 dai almeno. La top 35. Ma ci accontentiamo. Si non importa, se ci ascoltate vuol dire che ci amate, va tutto bene. Noi ci nutriamo del vostro amore e di qualche Satoshi buttato lì ogni tanto. E bentornato Michele e bentornato Max. Ciao. Eccoci, eccoci. Sui microfonozzi di Digitalia qualche nota di colore, qualche avvenimento particolarmente digitaliano nelle nostre vite o ci buttiamo subito giù con la scaletta? Avvenimenti digitaliani nelle nostre vite? Non lo so, siamo professionisti. E se non è sempre digitaliana? Scusa. Scusiamo, respiriamo. E che ne so, vi si è rotto il telecomando della tv. Mi è arrivato l'M2. L'M2. Il Mc Air. Ah ok, pensavo ai missili. Quelli erano le V2. No, erano le V2. Quelle erano le V2 di Von Braun. Von Braun. Von Braun. Von Braun. Von Braunia memoria. Ah no, la scheda grafica, la V2 3D FX. No, quella è la V2. La V2 era. La V2. Mamma mia che ricordi, la V2 era quella che si metteva oltre all'interfaccia grafica. Dovevi occupare uno slot con l'interfaccia grafica e a fianco mettevi il coprocessore 3D per riuscire a far girare Doom in maniera più figa o Quake o una roba del genere. Era una roba del genere, vero? Non me la ricordo assolutamente. Era più cortina? Ma sì, ma sì, ma sì. Non me la ricordo come scheda grafica. La V2 era la V2 forse che aveva. Era aggiuntiva dici? Era aggiuntiva secondo me, sì sì sì. Bene bene. Quando arriva l'operazione nostalgia delle schede grafiche dovremo comprare le Sound Blaster e le V2. Sì sì. La 3D FX Interactive è stata una delle prime aziende a sviluppare una GPU con accelerazione 3D serie V2. È fallita il 15 dicembre 2000. Benissimo. Le proprietà intellettuali sono state acquisite da Nvidia. V2 Graphics. Il chipset V2 Graphics dal parte dell'epoca telefisica. La scheda V2 Graphics di prima generazione implementava una via hardware in rendering dei poligoni con una serie di effetti gratifici applicabili. La serie V2 non gestiva alcun calcolo geometrico sulle primitive ma rasterizzava i poligoni sfruttando i dati calcolati dalla CPU. Vedi il bus di connessione. Il bus di connessione era il PCI e la scheda veniva collegata in cascata con un apposito cavo all'uscita video della normale VGA. Si passava alla V2 e poi da quest'ultima si collegava al monitor per cui si faceva un doppio passaggio. Si usavano tutte le vuole. Una catena. VGA, PCI, V2 e poi di nuovo in VGA verso il monitor. Intanto i pixel si riscaldavano. 640x480 o al massimo 800x600. Lo sapete a proposito cosa ha detto Yoda quando ha visto per la prima volta Guerre Stellari a 1080p? Ne arriva un'altra. Vai! Meraviglioso! HD e mai? Questa è la sofisticata te lo concedo. Per anglofili diciamo. Se hai visto Guerre Stellari in lingua originale non capisci. HD e mai? Eh certo. Va beh. Dai iniziamo con le notizie, quelle che sono arrivate all'ultimo per la dodicesima volta. Sembra che si siano finalmente convinti e messi d'accordo Microsoft e Sony per mantenere Call of Duty su PlayStation e quindi fare un po' piacere all'antitrust in modo che permetta la fusione tra Activision e Microsoft. Quindi è un "don't do this"? Sì, è un litigio che c'è da un po' di tempo. Quando è che abbiamo iniziato a sentire di questa acquisizione? Sarà un sei mesi. Però era stata bloccata proprio per timore di antitrust da un paio di autority. Forse quella inglese e quella giapponese, se non ricordo male. Boh, non capisco come un accordo del genere possa comunque mettere a riparo Sony da inconvenienti. Perché certo, dice, il principale franchise di Activision che aiuta le vendite di PlayStation è certamente Call of Duty. Ma il fatto che Microsoft si impegni a continuare a pubblicare Call of Duty anche su PlayStation non vuol dire che gli darà le stesse risorse che darà alla versione per Xbox, non vuol dire che lo farà uscire con le stesse cadenze, non vuol dire che farà la stessa attenzione alla ricerca dei bug, eccetera eccetera eccetera. Per cui a me sembrano un po' quelle cose… Però bisogna vedere i termini dell'accordo, magari tutte le cose che dici tu sono scritte… Fai un accordo e dici sì perché metterò lo stesso numero di bug nella versione per la PlayStation e quella per la Xbox. No, questo magari no. Sono un po' il di fuori, è difficile regolarmente. Sì, vuoi dire usciamo con la stessa cadenza, con le stesse cose perenne anni, eccetera. Però la cura, la qualità del prodotto, eccetera, è difficile impegnarsi per iscritto e poi verificare o fare causa di "ecco, si erano impegnati ma la qualità non è la stessa tra una piattaforma e l'altra". Boh, a me sembrano robe un po' così, però va bene. Comunque era il 18 gennaio del 2022, quindi quando ci si diverte, è già passato un anno e mezzo dall'annunciazione dell'acquistazione. Quindi insomma, un po' di rallentamento, un po' di rallentamento la cosa l'ha fatta. L'abbiamo annunciato in pre… anzi durante la sigla, la caccia cos'era? I pirati del passato, perché è quello che sembra che sta succedendo. Michele, raccontaci un po' sta cosa del film piratato 12 anni fa, anzi del tizio che ha… Presunto piratato, perché stiamo parlando di un consorzio di case di produzione cinematografiche che hanno chiesto a Reddit di dargli i dati, le informazioni su un account di un utente il quale 12 anni fa ha detto di aver piratato un film. Ebbene, questo ci va a sé. Esatto, Reddit ha risposto ricordandosi di che forse ogni tanto voleva anche far piacere ai suoi utenti. Ha risposto "no, non ve lo diamo perché poi può essere ancora sotto il cappello della libertà di espressione". E poi questo utente ha detto che ha piratato un film ed è finita più o meno lì. "The Expendable" era il film, se siete molto curiosi per saperlo. Quindi non ha pubblicato link, non ha pubblicato video, ha detto "io ho piratato The Expendable". 12 anni fa. E niente, poi in realtà questa è soltanto l'ennesima richiesta reiterata di queste case di produzione dopo che hanno già perso varie volte davanti al giudice delle cause molto simili. C'era un numero abbastanza impressionante, un elenco di 500 subpenas, mille richieste di. Mille! Un bel po' effettivamente, a dimostrazione del fatto che da un lato questa pervicacia di persecuzione, cioè di tentare di sfondare questa barriera di privacy e dall'altro lato non so se Reddit lo usa anche a sua volta come uno scudo per dire "guardate, invece bisogna che rimanga questo spazio di privacy". Speriamo non riascoltino le puntate di Digitalia. Ma mica abbiamo piratato niente. No, però potremmo aver parlato di film di montagna. Abbiamo parlato della pirateria a lungo, discutendone pregi e difetti. I pregi non ci sono, ci sono difetti, queste cose qui. Arriva la stretta allo streaming illegale con multe fino a 5. 00 euro per gli utenti finali. Il Senato ha approvato all'unanimità il disegno di legge "Disposizioni per la prevenzione e la repressione della diffusione illecita di contenuti tutelati dal diritto d'autore". È la cosiddetta legge anti-pezzo 8. Però se ho letto bene il reinforcement è soprattutto sugli eventi online, in realtà è un tipo le partite di calcio, no? L'attenzione è particolarmente lì. Sì, infatti lì c'è una. Se pensate ai decenni di lotta alla pirateria audio e video rispetto alla lotta che oggi stanno facendo al pezzo 8 e i risultati che stanno avendo poi nei confronti di queste attività comunque illecite, insomma, da questo punto di vista ci stanno mettendo una potenza di fuoco molto più importante, arrivare a questo livello legislativo, una legge già approvata da entrambi i rami del Parlamento non è poco e credo poter dire che sia di più di quello che veramente nei decenni precedenti era stato fatto nei confronti del resto della pirateria. Ovviamente perché in questo caso le entità coinvolte sono meno, quindi probabilmente è più facile fare attività lobbistica e gli interessi sono anche appunto più concentrati. Si parla dei miliardi di euro dei diritti della Serie A e degli altri eventi sportivi. Eh sì, certamente. Quindi l'intervento del Senato secondo te è motivato essenzialmente da questo, cioè che quando si tocca il calcio a quel punto effettivamente si fa questo. Si fa questa escalation, però appunto io ricordo i bei tempi del Pezzotto, io non l'ho mai usufruito ma non peraltro perché non mi piace il calcio e quindi in realtà è un fenomeno vecchio come il mondo. Sì, cioè dalle schede di stream e di telepiume, ricordo, ci eravano per casa. Adesso non vorrei attirare l'attenzione dei media ma erano i barbieri, il mio barbiere in particolare diciamo diffondeva queste. È vero, io non so del resto d'Italia, però diciamo che in certe parti del sud d'Italia. Oh ragazzi, una volta il barbiere faceva il chirurgo, faceva partorire le donne, toglieva i denti eccetera, gli avete tolto un fracco di lavoro, voi state così bene che bisogna essere laureati in medicina, lasciatevi qualche attività per arrotondare, insomma, si sa che a tagliare i capelli non si può vivere nel lusso. Non è sufficiente, certo. Anche se in realtà poi parlando di disparità Nord-Sud per quanto riguarda la pirateria soprattutto informatica e dei videogiochi ho poi scoperto negli anni che in realtà era uso e costume anche nel Nord Italia che dei negozi legali di cose relative all'informatica ma non solo poi sotto banco ti davano anche il gioco copiato, il gioco pezzotto. Io li compravo dall'edicola, c'era l'edicolante che aveva. C'aveva il calcanele parallelo. Però ti sei appena confessato quindi tu li compravi. Il problema comunque è sempre quello di un mercato che non funziona, sono sempre più convinto che la pirateria è un sinonimo di un mercato che non funziona. Altrimenti è un fenomeno marginale. Ai tempi del Commodore 64 la pirateria è dovuta a un mercato che non funzionava perché i giochi materialmente non arrivavano in tante zone d'Italia e quindi se volevi anche pagando non potevi avere Pac-Man ma l'amico di turno aveva la cassettina duplicata col duplicatore e giocavi a Pac-Man. Storicamente nella musica abbiamo visto finire la pirateria o ridursi enormemente non quando sono stati introdotti sistemi anti pirateria, quando si è passati dalla cassetta al cd che doveva essere la panacea eccetera perché il modo di copiarli c'è sempre, c'è sempre stato ma è stato quando è cambiato il mercato e il mercato con una parvenza di concorrenza ha fatto allineare dei prezzi verso quello che poteva essere qualche cosa di accessibile. Però Franco scusami sul discorso musicale mi viene da dire che si è raggiunto quando è uscita sul mercato un'offerta al di sotto del quasi sotto costo. No, secondo me no. Ti fai 10 euro al mese non va a profitto. No, no perché la pirateria è calata molto di più in percentuale quando sono usciti gli store che ti vendevano i pezzi a un euro l'uno e gli album a 9,99. Lì se vai a vedere è crollato il mercato della pirateria con lo streaming diciamo che è fondamentalmente la pirateria presa in mano dalle istituzioni perché di fatto quello che fa Spotify è pirateria istituzionalizzata cioè rubare dai musicisti e distribuire più o meno gratis a chi gli dà 10 euro al mese. Ma quello è un altro discorso. La pirateria è scesa quando c'erano prima un negozio online quello di Apple, ti piaceva un pezzo lo pagavi un euro ed era per sempre tuo magari in mp3 e poi altri negozi online si sono allineati vari Deezer e compagnia bella. Mi permetto di andare a guardare questi dati. Vai vai vai, è memoria storica. Ma concordo perché anche nel ricordo insomma di quelle che erano poi banalmente le bancarelle dei cd piratati è quello il periodo in cui sono cominciato a andare a fare questo. Ma stai dicendo che stiamo parlando a cavallo degli anni 2000, poco tra gli anni zero diciamo. Esattamente e anche il video, la pirateria video, la pirateria sui torrent è diminuita quando un certo tipo di offerta ha fatto cavare dei prezzi dando un'enorme offerta di materiale video a un prezzo onesto che erano i 10 euro 12 euro della prima Netflix. Quando il mercato poi si allinea verso esclusive, cioè abbiamo 10 Netflix diversi ognuno con le sue esclusive e quindi di fatto è una concorrenza più o meno distorta o addirittura quando la partita della Roma la vedi pagando solo pagando da zone e da zone ti fa pagare 40 euro al mese, a quel punto riparte la pirateria. Concedi le licenze per far vedere la partita della Roma a tre provider di streaming diversi, metti in condizioni di farsi concorrenza e i prezzi si allineeranno col mercato su qualche cosa di accessibile e ridurranno la pirateria. Non lo so, a me sembra che tutti i discorsi che stiamo facendo punti a una sola direzione ossia che la pirateria è ineluttabile. La è, la è, certo, ma la marginalizzi nel momento in cui il prodotto è accessibile con più facilità del pezzotto, con stato d'animo leggero, nessuno mi verrà a blindare ma non devo fare un mutuo in banca perché obiettivamente specialmente in un periodo come questo di difficoltà economica delle famiglie eccetera, quando tu fai venire una colina in bocca bestiale di vedere quella partita perché c'è scritto su tutti i muri che sarà la partita con la grande stella di turno, effome, pubblicità eccetera, ma la gente non se lo può permettere. Alla fine è il loro istinto a cercare un modo per vederla pagando di meno. Non c'è verso, è ovvio che non la estinguerai mai del tutto la pirateria, ma con la repressione a forza e mettendo in carcere la gente perché ha visto cinque minuti di partita dal pezzotto, non elimini la pirateria. Non è mai successo. Non è quello che sta succedendo. Eh? Non è quello che sta succedendo. No, ma dico, sono vent'anni che parliamo di leggi contro la pirateria, sono mai servita a qualcosa? Non sono mai servita a niente. No, ma anche perché, come dire, sono di difficile applicazione, grazie a Dio. Questa è fatta per essere di un po' più facile applicazione, nel senso che nel momento in cui, fondamentalmente, Dazon diventa sceriffa di se stessa, nel momento in cui scopre che c'è un server che ridistribuisce il suo streaming, dice direttamente al provider "buttalo giù, perché se no la legge dice che ti faccio il mazzo a te e non ha bisogno né di chiamare la polizia, né di chiamare un garante, né di chiarare un giudice", fondamentalmente diventa polizia, potere giudiziario, tutto in un'unica cosa, certo glielo rendi più facile, ma non servirà estinguerla. Non servirà estinguerla. È molto semplice. Vedremo poi anche l'efficacia nel bloccare determinate, perché poi la tecnologia si rincorre. Un bel server del pezzotto in Lussemburgo, o in Olanda, o in territori oltreoceano, e c'è un'app che ti vende un colpezzotto che fa tunneling criptato direttamente su quel server o su altro, o che fa addirittura una cosa multipoint o multicast, come si dice, tipo BitTorrent, e di nuovo una legge del genere diventa assolutamente inefficace. Non è che io voglia dare per forza, ma restano per favoreggiamento. Adesso ci conviene criptare questa parte della trasmissione. Per favoreggiamento del pezzotto. Abbiamo dato indicazioni tecniche specifiche di dettaglio su come mettere in piedi un bel server che non possa essere bloccato dalla nuova legge. Vabbè, per i signori polizianti pirateria, se ci cercate ci trovate su Mastodon. Digitali FM @mastodon. , Michele DM @livellosegreto. t, SilonProf @mastodon. , Franco Solerio @mastodon. ocial. Il boccheton è in preparazione per ora, è su Twitter @digitalia_bc, lo sbaglio sempre, quelle volte li tutte le notizie che prendiamo in considerazione durante la settimana per l'eventuale inclusione su Digitalia. Batterie, batterie ricambiabili. Oh, questo è il sogno di tutti noi. Sì? Sì. Onestamente sì. Sì, onestamente sì. Io poi vengo da un'esperienza in cui ho appena mandato il mio telefono in assistenza, poi un Pixel 4a, quindi comunque un telefono non proprio d'ultimissima generazione, a tipo un mese dalla fine della garanzia l'ho rimandato indietro perché oramai arrivavo a ora di pranzo con il 40% di batteria facendoci poco e niente. Quindi il problema era abbastanza evidente, mi è tornato indietro, fortunatamente ero ancora in garanzia e ho un telefono che onestamente potrei continuare a utilizzare quantomeno per altri due anni e in questi due settimane ho utilizzato ad esempio il mio ancora più vecchio Pixel 2 XL che se non fosse che gli ho distrutto lo schermo con una batteria nuova anche quello avrei potuto continuare a utilizzare, stiamo parlando di un telefono di 6/7 anni. Certo poi c'è la questione aggiornamenti però… Abbiamo… secondo me abbiamo guadagnato molto però da quando siamo andati verso batterie non sostituibili e se il mercato è andato in quella direzione, in un mercato dove concorrenza invece ce n'è e ce n'è tanta, vuol dire che il mercato ha scelto perché se il mercato avesse preferito, se gli utenti comuni avessero preferito degli smartphone con i pregi e i difetti delle batterie sostituibili sarebbe bastato un produttore, lasciamo iPhone a parte, ma sarebbe bastato un produttore Android a fare il telefono uguale, identico agli altri in tutto ma con la batteria ricambiabile e avrebbe avuto più successo degli altri e gli altri si saranno adeguati. Se tutto il mercato è andato verso le batterie sigillate dentro vuol dire che i pregi per il consumatore sono superiori ai difetti. Io invidio la tua fiducia nel mercato, per la seconda volta in questa votazione. I pregi sono tanti secondo me, io sono uno di quelli che quando Apple si è messa a sigillare le batterie dentro i telefoni era incacchiato, ma devo dire, continuo a essere incacchiato per quello che riguarda i computer portatili perché sono una cosa molto diversa, sono batterie molto diverse, sono ambienti molto diversi, ma io uso iPhone per cui non so l'implementazione, non so pregi e difetti dentro Android, ma da quando abbiamo le batterie non ricambiabili sull'iPhone abbiamo dei telefoni più piccoli, dei telefoni più leggeri, dei telefoni che ti possono cascare anche in piscina o addirittura te li puoi portare in piscina o te li puoi portare in mare o dentro l'acqua e se non vai a 30 metri sott'acqua riesci a fare anche delle foto subacquee o in mezzo alle onde o cose del genere, cosa che con sistemi con la batteria sostituibile non dico che sia impossibile, ma è molto molto molto più difficile. A me sembra che comunque siano tutte feature che come dire sono venute dopo che le aziende hanno deciso di risolvere altri problemi che gli migliorassero la marginalità, ossia quello di non permettere le riparazioni indipendenti o comunque da personale autorizzato che comunque diventa più difficile, un miglioramento sempre da parte loro, anzi una maggiore facilità di produzione perché poi diventa molto più facile incollare la scocca del retro di un telefono, anche perché non tutti i telefoni, oggi credo, non ho numeri sotto mano, credo che la stragrandissima maggior parte dei telefoni sia molto difficile da aprire proprio perché le scocche sono incollate e non tutti questi telefoni siano i p67, i p68, comunque non siano resistenti all'acqua né tantomeno li puoi portare 30 metri sott'acqua. Premetto che quando hai detto marginalità hai già vinto e quindi hai ragione tu. Però al di là di quello, non lo so, io vivo a Sanremo che è una città di 60-70 mila abitanti dove non c'è niente, non abita Milano, non c'è niente, c'è l'Apple Store, c'è un Juice, va bene, però c'è un ragazzetto con il materiale Apple originale di ricambio eccetera, vado da lui senza neanche prendere appuntamento quando c'è il telefono con la batteria che non mi arriva fino a sera, garanzia o non garanzia? L'ho fatto. Attenzione è importante garanzia o non garanzia perché quando te lo apri il ragazzetto e non garanzia. Certo ma quando è in garanzia lo porto da Juice, lo fa lui, lo spedisce a Apple, non pago niente e me lo dà in 24 ore. Quando è finita la garanzia lo porto dal ragazzetto e pago la bellezza di 40 euro e c'ho un telefono nuovo sigillato, sicuro come prima di andare in acqua, robe del genere, non lo so, di avere dei telefoni di nuovo più costosi, meno sicuri dal punto di vista della tenuta d'acqua, più costosi perché la facilità di assemblaggio e di montaggio da parte del produttore si riflette anche in un costo minore, non lo so se ci facciamo. Io a queste cose obbligatorie per legge, ai dettagli tecnici ecco, obbligatori per legge come lo spinotto USB obbligatorio e robe del genere, credo ha veramente molto poco perché sono dei modi per congelare l'evoluzione. Diamo degli obblighi di scopo, di fine, di risultato, non di meccanismo. Diciamo che l'utente medio deve essere in grado di cambiare la batteria con un costo che è X, no, punto, che deve essere il massimo X per cento del costo del telefono nuovo e averla disponibile in tutta Italia e al massimo in tre giorni. Obbligati a fare questo, poi se vogliono farle vendendoti la batteria, spedendoti la casa e permettendoti di cambiarla tu, o se vogliono farla riempiendo tutte le città di centri di assistenza autorizzati o organizzando delle organizzazioni di mail in, mail out efficienti eccetera, frega niente, dai degli obblighi di scopo. Quello che vogliamo è che l'agente abbia la possibilità di avere dei telefoni con la batteria che funziona senza spendere dei capitali e riescano a farlo. Non è che dobbiamo per forza dire dovete usare per forza quella batteria, dovete avere il coperchietto blu che si apre verso il basso eccetera, quelli sono dettagli tecnici secondo me che non devono, non vanno obbligati per legge perché non esiste. Il giorno che, esempio, vale per l'USB che è una figata, adesso avremo tutti i telefoni con l'USB-C, forse vediamo, non li abbiamo ancora visti ma ce ne avremo, ma quando qualcuno inventerà uno spinotto o un collegamento migliore dell'USB-C, ah no, nessuno lo inventerà perché non ha nessuno un interesse economico a farlo perché tanto non può venderlo a chi produce i dispositivi elettronici più venduti nell'universo perché tanto per legge bisogna usare l'USB-C. Ah cacchio, abbiamo congelato. Stessa cosa, chi è che ha interesse a investire dei miliardi per inventare delle batterie che durano molto di più e che non è più necessario cambiare? Nessuno, perché adesso è obbligatorio comunque fare la batteria cambiabile per cui nessuno investirà dei miliardi per realizzare delle batterie che durano 20 anni senza degrado, investiranno in qualcos'altro. Quando fai quelle leggi lì congeli l'evoluzione tecnologica. Punto. Metto un altro reminder su Slack tra 5-6 minuti. Mettilo, mettilo. C'è un punto importante però che se per Apple e fortunatamente anche per Google la garanzia del telefono è allineata alla garanzia della batteria. Oggi non è così per tanti produttori ad Android, parlando di smartphone, ma in generale per molti dispositivi. Se andate a leggere le piccole scritte delle garanzie spesso trovate che la batteria ha una garanzia che ovviamente è inferiore alla garanzia del resto del telefono. Perfetto, perfetto. Obbliga questo, obbliga questo. Il produttore deve dare una garanzia sulla batteria di almeno N anni. Questo è un obbligo legale che ha senso. Non devi utilizzare il cavetto rosso saldato con lo stagno blu perché sennò sei fuori legge, perché sennò nessuno inventerà lo stagno rosso più bello di quello blu. Tutti sono obbligati ad usare quello blu, chi è che investe? Due minuti che ringraziamo. Ringraziamo il nostro sponsor Squarespace, sistema integrato dove individuate che siate imprenditori o business o singoli, cittadini, individui, attenti della rete, la soluzione ideale a qualsiasi necessità di pubblicare un sito internet che aiuti a distinguersi ed avere successo online. Squarespace è facile da usare e non ci sono plugin da installare, le varie funzionalità si aggiungono trascinando dal pannello di controllo alle vostre pagine i vari elementi, immagini, gallerie, portfolio, player audio, si posiziona tutto con un clic del mouse. E per posizionare i contenuti c'è il mitico Fluid Engine, il sistema di design e impaginazione di nuova generazione esclusivo di Squarespace, l'hanno inventato loro, l'hanno brevettato. Comincia con un template di livello professionale e personalizza ogni dettaglio con il drag and drop nella maniera più semplice e intuitiva. E poi con Squarespace oltre a far vedere quello che vuoi, oltre a pubblicare quello che vuoi, puoi vendere. Vendere qualsiasi cosa, merci fisiche, digitali, servizi, Squarespace ti mette a disposizione strumenti per la realizzazione di negozi online completi, tant'è che usato da centinaia di migliaia di negozi in tutto il mondo. Oltre ai soliti strumenti per la gestione del magazzino, puoi processare gli ordini, puoi inviare le email ai clienti, tutto con la solita interfaccia intuitiva. E poi sistemi di pagamento che tutti quelli che possono servire, carte di credito, Paypal, Apple Pay. E per i problemi c'è supporto utenti a disposizione 24 ore su 24, 7 giorni su 7, dove ogni membro del team di supporto è un etente esperto della piattaforma che vi risponde direttamente da un ufficio Squarespace. Che abbiate un problema tecnico complicato o una richiesta semplicissima su come funzioni qualcosa, loro sono lì per aiutarvi. Potete provarlo gratis, non vi serve la carta di credito, non vi serve impegnarvi a niente, non mettete nessun dato, se no la vostra email, solito scegliete la password, in modo che quando finisce la targa gratuita non avete sorprese, ve ne dimenticate, non c'è nessun addebito, nessun obbligo. Ma quando decidete che fa per voi, e succede a quasi tutti i digitaliani, vi ricordate di Digitalia. Ah, dimentico, Digitalia è anche la URL per attivare la vostra targa gratuita. Andate su squarespace. om/digitalia così Squarespace capisce da dove arrivate. Poi quando e se decidete di abbonarvi, Digitalia è anche il codice promo da mettere vicino ai metodi di pagamento, a tutti i vostri dati, perché col codice promo Digitalia avete diritto al 10% di sconto sul vostro primo acquisto, che sia un sito internet o che sia un nome di dominio, che è l'altra "merce" che vi propone Squarespace. Per cui Digitalia, codice coupon, 10% di sconto sul vostro primo acquisto. Grazie a Squarespace per aver sponsorizzato anche questa puntata di Digitalia. Capitolo sorveglianza. La polizia ha iniziato negli Stati Uniti a chiedere il footage, il girato, gli archivi video delle… Le pellicole. Esattamente. Le registrazioni dai. Le pellicole delle auto auto che girano, i taxi Waymo, gli altri come si chiamano, i taxi cruise, che girano per la città per scovare evidence, come si chiamano, prove. Prove. Per eventuali crimini. Di fatto trasformando queste flotte in dispositivi di sorveglianza mobile. Che bello. Le vite camere di sorveglianza mobile. E trasformando poi le città nel momento in cui immaginatevi un futuro neanche tanto lontano, neanche tanto così ipotetico, in cui tutte le macchine a quel punto sono… hanno dei dispositivi di rilevazione, delle telecamere molto banalmente, o altri dispositivi di rilevazione e diventa tutto il mondo, praticamente tutto il mondo su cui punta i fari di una macchina può essere riavvolto e guardato dalla polizia quanto "va bene". Poi neanche la polizia dipende da dove sei, chi sei. Può essere molto complicato anche quel caso o in casi peggiori in agenti ancora più malevoli della polizia. È sempre peggio. Pensavamo che con i citofoni in qualche modo messi a disposizione delle forze di polizia, i citofoni col video, avessimo toccato il fondo, ma a ogni capitolo successivo riusciamo a conquistare nuove vette nell'ambito della sorveglianza. È ovvio che dei veicoli che si muovono coprono un territorio ben maggiore e visto che sono auto autonome semoventi e magari in tanti momenti non sono neanche obbligati a un percorso particolare perché magari in quel momento non hanno un cliente a bordo, arriveremo al punto in cui la polizia potrà anche chiedergli di andare a sorvegliare magari una determinata. A tutte le auto auto, a tutte le auto auto. Esattamente. In realtà se ci pensate è un po' una tendenza generale adesso, stiamo di fatto con tutte le tendenze verso la internet o things, le automazioni varie. Things, Max, things che poi ci sgridano, things, non things. Sì sì. E poi ci sgridano, con la lingua tra i denti. Internet of things. Quella, quella, brava. Quando Max prende il tè con la regina poi, things. E' la tomba sotto. è la cadenza del Sud che comunque in qualche maniera rivendichiamo, noi ci stiamo forzando un po'. Volevo dire che di fatto stiamo seminando dappertutto, questa delle auto auto naturalmente appunto aggiunge la componente mobile quindi è assolutamente rilevante, però stiamo seminando comunque dappertutto sensori e lo scopo è proprio quello perché poi alla fine moltissime delle applicazioni che noi in qualche maniera vogliamo costruire sono proprio legate al fatto che abbiamo dei sensori che rilevano alle diverse situazioni su cui è opportuno intervenire. Però stiamo anche di fatto costruendo uno scenario in cui ognuno di questi sensori può essere utilizzato per sorvegliare. Per me è un momento molto critico, no? Perché quando una tecnologia diventa così pervasiva e comunque appunto riesce ad arrivare davvero nell'interesse di tutti, in qualche maniera condiziona la vita di tutta la cittadinanza di ogni livello, di ogni grado, dalle classi più agiate fino a quelle più in difficoltà, allora è difficile immaginare di fare marcia indietro e di conseguenza in realtà quello che ci vuole è veramente una riflessione anche proprio su come dotarsi di sistemi legislativi per difendersi da queste cose. Eh certo, sì sì è quello. Stiamo stavolando affari all'Unione Europea, lato intelligenza artificiale, lato riconoscimento biometrico, ecco questo può essere poi un successivo passo in quella direzione. Oggi stiamo parlando degli Stati Uniti e in particolare poi della California e della zona di San Francisco dove queste macchine sono particolarmente pervasive, però insomma stiamo parlando di un lustro di distanza da quello che può succedere qua, da quando può succedere qua. E visto che abbiamo parlato di leggi, di legislazioni e cosa, e beh, il sindaco di Besière ha avuto un'idea geniale di obbligare per legge a tracciare il DNA dei cani e Michele ci spiegherà perché. Allora vi è mai capitato di bestemmiare quando camminate sui padroni dei cani e le deiezioni lasciate dai loro simpatici amici a quattro zampe e non raccolti dal simpatico padrone a due zampe? Ecco per combattere questo annoso problema che ci portiamo avanti oramai da decenni il sindaco di questa città ha deciso perché a questo punto non andiamo a fare una mappatura di tutto il codice genetico del parco cani. È sempre un uso avanzato della tecnologia no? Esattamente, soprattutto un uso molto avanzato dei soldi pubblici per andare a trovare queste persone dalla scarsa educazione. Ecco forse no. Ecco, va bene, boh, no, perché mi sembra un po' eccessivo. Effettivamente uno di quegli usi, ci vuole pervasività della tecnologia. Poi mi rivedo un po' questi, come pensano di fare una mappatura con l'apprendimento del campione avendo estratto il codice DNA dell'intera popolazione canina sul territorio. Ma poi pensi quelli che devono andare a raccogliere i campioni per strada? Ma mi dicono che lavoro chiede. Quello dicevo, quello dicevo. E beh tanto qualcuno li deve raccogliere perché lo spazio di turno dovrà pulirli e toglierli se non li toglie il padrone del cane. Ricordo che "Cani e padroni di cani" era una canzone di Elio, se non ricordo male, dedicata proprio a questo. Voglio stringervi le mani molto forte con uno strumento di tortura e di morte. Ecco, perfetto, vedi c'è anche la rima, Max a te. Però mi dicono che la creazione del profilo genetico dei cani attraverso le feci è stata introdotta in alcuni comuni come malnate in provincia di Varese, per cui siamo noi italiani, siamo apripista. Abbiamo dato finalmente un po' di, come dire, abbiamo tracciato la via. E la stiamo facendo mangiare a Sifra e Cesi. No, mangiare no, profilare, tipizzare, sequenziare il genoma. Il genoma è così. Ci sono degli articoli che sembrano fatti apposta solo per generare dei titoli divertenti. Io penso di sì. Siamo conoscenti e discutiamo di verità. E a proposito di sicurezza, sorveglianza, privacy, sembra che Boris Johnson non ricordi il codice di sblocco del suo vecchio iPhone ed è un problema. Ed è un problema. Effettivamente è un problema perché appunto i telefoni dei, diciamo, dei primi ministri, comunque i generali, credo in generale del governo, sono ovviamente da un lato soggetti a procedure di sicurezza particolari e quindi in particolare, ad esempio, sembrerebbe che se provi a digitare un codice errato su uno di questi telefoni il risultato che si autodistrugge o se non esplode in faccia, diciamo, a chi ha digitato il codice errato ma magari cancella tutto quello che doveva cancellare. Nel fatti specie, l'ottimo Boris Johnson in realtà aveva proprio lui chiesto di far partire una qualche indagine legata, se non ricordo male, al discorso della gestione del Covid. Ai festini, credo, in particolare. E quindi, diciamo, poi alla fine quando gli investigatori in qualche maniera gli hanno chiesto "Vabbè, vediamo un po' tutti i messaggi Whatsapp che avevi mandato durante quel periodo e quindi così vediamo di ricostruire come hai fatto la gestione della pandemia", a quel punto, ahimè, come capita ti sei dimenticato il codice. Sì, però ha detto che sta, ha messo sopra i migliori esperti di infiltrazione tecnologica per cercare un modo di sbloccarlo senza che si autodistrugga. Sì, poi lì l'articolo dice che è un iPhone particolare, customizzato per. in realtà, mi sembrava di ricordarlo, è un'opzione disponibile a chiunque nell'impostazione del telefono. L'ultima impostazione del capitolo Face ID e codice è "Inizializza i dati di iPhone dopo 10 tentativi non riusciti di inserimento del codice". Non mi sembra. Ah sì, sì, questa è la famosa opzione morte. Sì, la famosa opzione morte, però. Probabilmente nel caso di Johnson basta un solo tentativo e subito si autodistrugge. Va bene, allora, raccontatemi del meme della settimana di Barbie Neimer. Barbie Neimer. Open Barbie. Io l'ho guardato il trailer. Cos'hai visto? Che trailer hai visto? Ho visto sto trailer che hanno sviluppato apposta per questo meme, che si fonda su questa idea. Escono sostanzialmente in contemporanea due film che. Negli Stati Uniti almeno. Negli Stati Uniti in contemporanea. Infatti il mio figlio che appena è tornato degli Stati Uniti dice "Ma come? Qui non escono nello stesso istante?". Perché sembra che da tempo abbiano chissà perché fatto una scena. Escono insieme. Anche qui. No, in Italia no. Sì, su Pirate Bay. Su Pirate Bay sì, lo stesso giorno. Ah, ok. Io gli screener. Io ho poche regole nella vita, pochi principi, ma gli screener no. Vedi che c'è un uso, diciamo, che in questo caso serve ad inseguire. Comunque, c'è creato sto meme. Sto meme che cos'è? Stanno sti due film. Sti due film non potrebbero essere più diversi. Perché uno è la versione live, diciamo, della vita di Barbie. Barbie è la famosissima bambola della Mattel. Grazie Max. Barbie e Ken. Ci sono due sciffarpi. Cos'è? Appunto famosissima. Non si sa mai, ci può essere un marziano che ascolta per la prima volta Digitalia e non ha mai sentito che è sto Barbie. Magari pensa a Barbapapa. Che ti devo dire. D'altro invece è un film che ricostruisce la vita di Oppenheimer, il famoso scienziato dell'atomico, legato con il progetto che portò alla costruzione della bomba atomica. Non sembrerebbe raccontata così che non c'è proprio come si fa a mettere assieme queste due cose. Eppure? Mi crede di metterle assieme? Non capisco questa cosa. Non è che li voglio vedere contemporaneamente. No, no, no. Grazie mille. Ma in realtà è proprio di metterle assieme, andarle a vedere nello stesso giorno, scegliere l'ordine nel quale vederle. E hanno fatto sto trailer. Io non la sapevo sta cosa, l'ho sentita. Poi mi sono incuriosito dall'articolo e sono andato a vedere sto trailer. Ma sto trailer è un perfetto montaggio delle sequenze di un film, immagino dei trailer, dei due film che si dissolvono in quelle dell'altro film. Ma è una cosa impressionante. Ti viene un blocco allo stomaco. Ti viene proprio una cosa, hai capito? Perché c'è questa Barbie bellissima che improvvisamente diventa il viso di questo Oppenheimer quasi diabolico. Il bianco e nero che diventa i colori shocking di Barbie. Ma io non lo so che gli è venuto a questi. Poi la ragione di tutto questo, meme compreso, sta nell'Hype e nell'Hype è incluso la spesa marketing che stanno facendo le due aziende di produzione. Stiamo parlando dei due film più forti dell'estate negli Stati Uniti, dove il periodo di picco dei film è l'estate in Italia. Qui si dice che nessuno va al cinema d'estate. Secondo me è un po' una credenza che magari valeva 30 anni fa quando la gente stava due mesi in vacanza. Adesso un po' di meno. E quindi, come dire, come risposta creativa a questi, agli investimenti di marketing nei confronti di questi due film, è uscito fuori questo. Ma questi hanno trovato la gallina dalle uova d'oro perché pare che questo meme sia particolarmente attraente. Non penso abbiano monetizzato molto. Il trailer, lo sto guardando adesso, secondo me l'ha assemblato qualcuno che fa trailer di professione perché è veramente spettacolare. È perfetto. È veramente una roba senza senso proprio. Senza senso. Il Barbie che scappa e poi scoppia l'esplosione. Meraviglioso. E questo Open Aimer lo vedremo tra un mese. Sì, noi ci vediamo. Prima Barbie per bene. Barbie esce questa settimana. Lo sapete che il trailer di Barbie, uno dei trailer di Barbie, la musica di sottofondo, l'hanno fatta Slash e Wolfgang Van Halen, il figlio di Van Halen. Ma è una colonna sonora della Madonna. Un sacco di pezzi sono prodotti da Matt Thompson. Della Barbie, non della Madonna. Madonna è mezza ricoverata, poverino. Ragazzi, va bene. Open Aimer è decisamente da andare a vedere. Quello sicuramente. È veramente un film da geek. Sì, ci vado. No, IMAX penso che interessi alla sala. Non lo so. IMAX. IMAX. Allora ragazzi, metti la sigla. Fa caldo ragazzi. I nostri ascoltatori ci consentono una puntata un po' diciamo lievemente alcolica. Ma io sono sobriissimo, credo anche voi. Noi ci riusciamo benissimo anche senza alcol. Sì, sicuramente. Non è quello, siamo bravissimi. Perché abbiamo questa, diciamo, sarebbe qualche, proprio rarissima volta no alcol in trasmissione. Assolutamente sì. Ma siamo bravissimi a coprirci di ridicolo anche senza l'alcol. Va bene, questo pericolosissimo trend su TikTok. Sì, articolo del Washington Post che fa un po'… Lungo, ben argomentato. In cui si parla di questo pericolosissimo trend su TikTok in cui le persone saltano in pratica fuori bordo, credo, se non l'ho interpretato. Da motoscafi in corso. Esatto, dai motoscafi in corso. Non in rada, ecco. Insomma, pare che su vari media americani, non penso sia mai arrivato dalle nostre parti, è stato ripreso come appunto la nuova challenge sui social che ha, se non sbaglio, si parla anche di morti. Il Washington Post è andato un po' a indagare e pare che tutto questo casino sia partito… Era tutto falso. Sì, è partito praticamente dal nulla. Forse da un'intervista di una persona su una su una su una tv locale nell'America Rurale che ha detto che questa cosa è successa ed è stata ripresa su TikTok. Poi sono andati a guardare su TikTok alla ricerca di questo materiale. Ci sono due video di cui però nessuno esattamente corrisponde con la descrizione e che hanno visto tre persone in croce. Io l'ho messo un po' nella timeline per riassumere quello che spesso succede quando ci sono spesso degli eventi tragici, come può essere magari il suicidio di qualche ragazzo, di qualche adolescente e spesso e volentieri viene additato a qualche challenge su TikTok. È successo qui in Italia, da noi a Roma, un mesetto fa con la storia dei ragazzi su YouTube e il giudice poi ha detto che in realtà quello che stava guidando non era concentrato dalla guida eppure il grosso del battage mediatico del discorso popolare si è andato a incentrare sulla pericolosità dei social che per carità hanno i loro limiti. Si va un po' a ingigantire. È un po' diverso secondo me la critica e il collegamento con i social. Qui è semplicemente isteria collettiva cioè in seguito a un incidente ci sono state una serie di testimonianze che parlavano di tutt'altro. Un pallonaro che probabilmente messo davanti alla telecamera per la prima volta in vita sua non sapeva che cosa dire ha detto "eh sì ma sono le solite robe dei giovani che escono fuori da TikTok, fanno le challenge eccetera e perché questo qui ha detto sta cosa? Un giornalista l'ha pubblicato senza verificarlo e la notizia è stata amplificata e ha fatto il giro del mondo". Lì è semplice isteria del pubblico o della stampa o uno che alimenta l'altro. Nel caso del SUV che ha ammazzato il bambino, discorso diverso, sì d'accordo, non era distratto dal fatto di essere ripreso o dal fatto di filmarsi o robe del genere ma sono comportamenti quelli lì che vengono fomentati oggi dal fatto che con determinati comportamenti si può accumulare fama, si può guadagnare denaro, si può in qualche modo farsi fighi e quindi in qualche modo possiamo farlo questo collegamento ecco. Il collegamento che ci vede è proprio il ruolo della stampa che in entrambi i casi alimenta un certo tipo di discorso che mi sembra in parte anche superficiale e nel caso del discorso del SUV di Roma è anche la stampa che poi fa crescere la celebrità di determinate figure. La stampa legato con l'enorme successo dei social media, no? E questo è il problema. Il link. Ma il fatto è come. In generale con la stupidità delle persone. Come tu tiri fuori il titolo clickbait, allo stesso modo qui costruisci gli articoli in cui "ah, TikTok, il male assoluto" e quindi tiri fuori questa notizia, no? È uno di quei circoli viziosi in cui la voglia di scrivere in maniera semplice intorno a cose che poi attirano l'attenzione, no? Per pescare quelle che poi sono le cose che in questo momento fanno più clamore in assoluto. Trezzo. Meta conferma che sta cercando sempre più forte di bloccare e di impedire ai cittadini europei di accedere al nuovo social. Sembra quasi un accanimento terapeutico. Probabilmente possiamo solo ringraziare. Ha finito il budget delle multe per quest'anno e quindi ha paura che arrivino altre multe miliardarie nei confronti di questo nuovo programma. Stanno facendo valente di ogni. Sarebbe interessante capire poi come lo fanno, come fanno a bloccare il traffico delle VPN anche perché dovresti andare a isolare i tipi dei principali fornitori di VPN. Non vedo altri altri modi per farlo. Non so, se ci fosse un professore di reti di calcolatori magari ci può dare ulteriori informazioni. Io non vedo se credi a nemico. Bravo, bravo. Solo previa fattura, Max. Solo previa fattura ci mancherebbe. Assolutamente sì. Abbiamo anche una serie di articoli di riflessione, riflessione sull'opportunità o meno del fatto che Trez e quindi Meta si colleghi al Fediverso. Cosa annunciata ma non realizzata per il momento e cosa temuta da una parte del Fediverso esistente dei fondamentalmente delle community migrate su Mastodon da Twitter e d'altra parte invece da molti viste come un qualche cosa di assolutamente neutro di per sé e di valutare strada facendo. Avete letto, vi siete fatti un'idea al riguardo? Ma io l'idea ho letto anche l'articolo del collettivo Devol che sono quelli che gestiscono l'istanza di Mastodon. che sono diciamo più dal lato della chiusura anche per tutto quello che può essere l'impatto di un'istanza grande, centinaia potenzialmente, centinaia di milioni di persone, l'impatto che può avere su un'istanza più piccolina come poi ovviamente sono tutte le istanze del Fediverso. Non necessariamente chi ce l'ha sul suo Raspberry Pi ma anche istanze più strutturate. Secondo io ci vedo, poi magari parliamo dell'editoriale di Ars Tecnica che è molto molto interessante, però io ci vedo anche in qua la bellezza del Fediverso e delle tecnologie aperte. Hai la possibilità di scegliere oggi con delle limitazioni perché appunto oggi le due tecnologie non si parlano e probabilmente non si parleranno mai al 100%, però anche all'interno del Fediverso aperto tu puoi scegliere se stare in un'istanza, se vuoi un po' più anche ideologica per quanto poi ci sono degli impatti molto reali sul traffico come magari può essere Mastodon. oppure su un'istanza più aperta che come può essere quella originale del fonda del principale sviluppatore di Mastodon che invece è molto più possibilista. Certo. Detto questo il problema di Mastodon oggi è altro, ossia il plateau che ha raggiunto e secondo me l'editoriale di Ars Tecnica fa un ottimo lavoro nel riassumere quelli che sono i limiti e le potenzialità sicure ma le potenzialità inespresse anche a causa della tecnologia da una parte ma anche a causa delle persone banalmente. Del modo in cui è nato l'intero sistema del Fediverso. Sì ma non solo quello, il fatto che il fatto di andare di metterla in quel posto allo Zuckerberg di turno, al Musk di turno interessa se va bene all'1% della popolazione. Cioè il fatto che siano argomenti rilevanti il fatto di essere aperto, il fatto di essere interoperabile sono rilevanti veramente per una minoranza della popolazione che non è quella che oggi ti fa la massa critica. Il fatto che chi gestisce questo collettivo Devol che gestisce Mastodon 1 dove abbiamo aperto per esempio l'account di Digitalia mi ha portato a approfondire il discorso della migrazione perché questo atteggiamento un po' fondamentalista e un po' estremo mi preoccupa un tantinello nel senso vero non puoi chiudere lo steccato dopo che i bui sono scappati però partire già in carica quando ancora il problema non esiste e dire no qui dentro non federeremo mai con quello che arriva da Zuckerberg eccetera. Per quanto ci siano poche persone che mi stanno sugli zebbedei più di Mark Zuckerberg mi sembra un atteggiamento quanto meno eccessivo. Sono andato ad approfondire il discorso della migrazione a dire vabbè allora se qui diventa troppo restrittivo cosa mi costa migrare l'account di Digitalia su una istanza diversa. La cosa non è così semplice come inizialmente ci è stata posta fondamentalmente funziona quasi sempre la migrazione senza grossi problemi a meno di problemi di misconfigurazione del server di partenza e di quello di arrivo ma il problema grosso è che comunque perdi tutto lo storico dei tuoi post che non è una cosa simpatica. Pensati se tu potessi migrare il tuo account di Twitter che hai tenuto per 10 anni 15 anni dove c'è la storia praticamente della tua vita online di quello che hai fatto su digitalia o robe del genere e dici si puoi portarlo fuori su un'istanza diversa non gestita da l'Elon Musk di turno però perdi completamente tutto lo storico dei tuoi post. Diciamo è meglio del non fediverso, è meglio dei social vecchia maniera che dove nasci resti e non esistono alternative però si poteva fare di meglio e leggo che ci sono alternative al fediverso come quella che sta sviluppando Tim Berners-Lee. Il progetto Solid. Esattamente il progetto Solid con delle caratteristiche molto più sensate dove addirittura i server come possono essere le istanze di Mastodon non tengono i tuoi dati, i tuoi dati non sono lì, i tuoi dati sono sul tuo computer, sono sul tuo server, sul tuo computer, sul tuo spazio e te lo porti con te ovunque vai e i dati restano i tuoi, decidi chi ci accede chi non ci accede eccetera e le varie istanze fanno solo da smistatori di traffico nel momento in cui decidi di spostarti da un'altra parte i tuoi dati vengono con te e questo secondo me è un punto fermo, un punto filosofico proprio, un punto di partenza che è molto secondo me più sensato di ora il fediverso noi lo vediamo come qualcosa di nuovo in realtà activity pub credo che sia una decina d'anni che è in fase di sviluppo eccetera forse risente anche di questo però. No come dici tu è proprio un approccio filosofico in qualche maniera la tecnologia diventa sempre lo strumento col quale comunque si realizza un progetto, un'idea ed evidentemente se tu hai a cuore appunto questa chiamiamola portabilità, questa possibilità di spostare la tua storia i tuoi dati da un punto ad un altro punto l'approccio che città vive è veramente. Però il fediverso tu migri se ho capito bene il grafo sociale cioè non perdi follower e non perdi i following ed è già qualcosa ci mancherebbe però certamente tutta la tua messaggistica pubblica privata quello che è insomma non è una gran bella cosa va bene produttori esecutivi dai ci sta è il momento la linfa vitale di digitalia e produttori esecutivi value for value digitalia si fonda sul supporto dei suoi ascoltatori che riconoscono un valore in quello che ascoltano e dopo la trail gratuita dopo aver ascoltato digitalia una due tre volte decidono di contribuire non vi obblighiamo a una cifra non vi obblighiamo a una cadenza gli chiediamo per piacere di pensare a quanto vale per voi digitali a quanto vale il fatto che continui a esistere e di agire di conseguenza i metodi sono facili sono tanti satisfe bitcoin paypal bonifico bancario versamento bitcoin on chain vecchia maniera metodiche lightning value for value del podcasting 2. new podcast apps. om dove trovate tutte le applicazioni abilitate e devo dire che i numeri lentamente dei dotatori value for value sembrano crescere come sentirete adesso con max che li ringrazia come noi siamo abituati a fare uno a uno eccoci alessandro varesi comincia con 1255 satoshi seguito da d'acsta con 2243 nicola gabriele dico 2609 fiorenzo pilla con 3342 capitano arlo con 3425 gianluca trevisani con 10. 19 grazie grazie di cuore a tutti grazie davvero e dovevamo concludere con un boost di fiorenzo pilla di 4000 satoshi con messaggio esplicativo per confermare la mia adesione all'inserire messaggi esplicativi nei boost grazie fiorenzo c'è il time stamp che è quello che è il momento in cui noi parlavamo proprio di questa cosa di mandare i boost perché a noi piace leggere i messaggi dentro i segmenti produttori esecutivi perché mi fa diventare un segmento organico semplicemente e ci piace la vostra partecipazione alla alla trasmissione grazie fiorenzo grazie a tutti gli streamer value for value poi eccoci con i nostri tre perpetual executive producer che non fanno mai mancare la loro donazione singola manuel zavatta e davide tinti da un euro e nicola gabriele d da 2,01 centesimi di euro mitici grazie ancora donazioni singole di vincenzo ingenito e severio gramagnola da un euro grazie carlo thomas da 1,11 centesimi di euro andrea guido di 1,50 centesimi di euro andrea nicole vasile e alessio ferrara con due euro grazie francesco falzarano e marco grechi con tre euro grazie di cuore donazioni ricorrenti da tre euro al mese di enrico carangi fulvio barizzone raffaele marco della monica christophe sollami renato batistin raffaele viero foto gp di barabino marco diego arati roberto medeossi alessio cervetini luca ubiali antonio taurisano alessandro morgantini calogero augusta simone podico michelangelo rocchetta rocchetti mario giammona denis grosso umberto marcello giorgio puglisi e giuseppe brusadelli grazie mitici grazie di cuore tre euro tutti i mesi grazie poi abbiamo pierpaolo bubbio che c'è un tre euro digitalia donazione singola penso che sia una donazione singola seguita dalla donazione singola di tre euro e ventuno centesimi di euro di alessio alessandro alessio e quella del cinque euro sempre donazione singola di massimiliano casamento massimiliano alessandro e pierpaolo grazie anche a voi grazie davvero donazioni ricorrenti da cinque euro al mese di mauro tommasi donato gravino giovanni priolo letizia calcinai emanuele liboli e michele olivier mitici grazie ragazzi ancora donazioni singole con una grande varietà di numeri marco mandia 7 scusate c'è ancora un fiorenzo pidla con 5 euro e 32 centesimi di euro sempre marco mandia con la sua donazione singola 7,40 centesimi di euro e un end eot che sarà un end of transmissions all transmissions può darsi che sia finito il codice mandia e quindi è finito il codice mandia possibile se è transmissions e end of tu tu tu tu qualcos'altro non lo so end of totality no perché sarebbe finito il mondo va bene ok donazioni singola da 10 euro capre la zona grandi produttori di corva b donazioni ricorrenti da 10 euro al mese di paolo tegoni e fabrizio bianchi ancora una donazione singola 10,58 centesimi di euro di mario cervai una donazione ricorrente per 12 euro al mese di andrea giovachi due donazioni singole con numeri strani raffaele di palma 15,84 centesimi di euro salvatore coppola 26,37 centesimi di euro se non è solo commissioni paypal quelle che fanno strani questi l'abbiamo detto 15 25 più commissioni sì sì grazie sono divertenti questi ultime donazioni sono tutte piene di messaggi stavo per dire l'ultima e per poi passare alla lettura dei messaggi che è quella di leonardo canegaro 50 euro sicuramente lo incorona come lead executive producer grazie graffelli di palma aggiungeva un ciao e grazie salvatore coppola diceva era da un po di tempo che colpevolmente non donavo è il momento di rimediare grazie sempre per il vostro lavoro sei perdonato salvatore e leonardo aggiunge podcast molto interessante e qualità dell'audio elevata vi ascolto da diverso tempo ma solo ora sono riuscito a combattere la pigrizia e effettuare una donazione continuate così è grazie a continuo anche duro grazie leonardo grazie per la vostra generosità max non fanno in tempo a farci i complimenti per alta qualità audio che arrivi tu coi tuoi fruscia io penso che sia l'effetto di campo del professore sicuro sicuro di caldo di scudiciamo poi in post trasmissione facciamo un po di debugging a posteriori e ti frustriamo e ti frustriamo abbondantemente grazie a tutti i produttori esecutivi per la loro generosità digitali a se esiste ancora è solo solo solo grazie a voi per cui mettetevelo come bollino di di di onore scrivete lo sul vostro resume sul sul vostro curriculum senza produttore esecutivi digitalia dopo 14 anni non sarebbe ancora qui non c'è niente da fare per cui grazie singolarmente a ognuno di voi per la vostra generosità e mi piace questa cosa i produttori esecutivi che crescono e che cresce l'utilizzo del value for value anche se per ora la conversione euro satoshi non è che ci vada non sono ancora non siamo ancora tutti molto abituati a pensare in santoshi però intanto funziona il meccanismo e dobbiamo ho iniziato a gestire il feeder ss manualmente perché tutti quelli tutti i vari software per la gestione più o meno in automatico facilitata non supportano tutti i tag del podcast in 2. per cui non ve l'ho detto ma è una decina di puntate che io il feeder ss me lo scrivo a manina che ci permetterà anche di mettere gli split con i vostri portafoglietti di lightning così automaticamente almeno le donazioni lightning le dividiamo sui partecipanti appuntate proprio direttamente in automatico che non è una brutta cosa per cui cosa aspettate apritevi un portafoglietto lightning su gattalbi. om e facciamo andare tutto vediamo di sperimentare anche questo a proposito suggerire un cambiamento di valuta si invece dei satoshi volessimo usare i dei santoshi scusate ragazzi è il caldo il caldo va bene mettetelo sui titoli possibili il pagamento in dei santoshi tutte le definizioni di eot ho trovato su un abbreviation finder. rg tradotto in italiano al netto di iva non so come al netto di iva possa diventare eot azionato elettricamente itinerante carroponte che non so cosa c'entri con eot ma è un meraviglioso titolo della puntata eccelon operation operationnel de transport elemento sul tempo elettricisti del texas ellenikos organismos turismu equazione del tempo esperienza nel tempo esprimere off shore de transport pt elet d estensione di tempo estremità del tubo fine carica troppo molto lunga ancora fine del nastro che ci sta fine del testo ci sta perché qui era questo fine del turno fine del viaggio fino alla fine della pista quale pista bisogna capire insomma avete capito spessore ossido elettrico stabilire utilizzare trasferire direi che è ufficio esecutivo di trasporto un viaggio a basculante elettrico ne avete idee per le vacanze il viaggio a basculante elettrica azionato elettricamente itinerante carroponte credo che poche volte sia stati non so che cosa voglia dire solo clicco perché anche cliccabile niente son pagine autogenerate cosa significa eo t quanto sopra è uno dei significati di eo t puoi scaricare l'immagine qui sotto per stamparla e condividere a elettrica t electrica lì operated overhead traveling crane dove si spegne franco elettrica lì operati overhead e ho perso la palpetta overhead traveling insomma è il carroponte come si chiama il il tra quello in autica lo chiamiamo il travel lift non so se si avete presente cos'è un travel list avete presente quelle gru fatte in realtà a quattro ruote con sopra il contenere caroponte perfetto azionato elettricamente itinerante carroponte molto bene electrica le operate overhead traveling crane gru viaggiante overhead sopra la testa operata elettricamente potremmo usarla per spostare michele certo certo e cosa è franco si è perso in eo t si mannaggia te marco mandia fondato in eo t non esce tra l'altro marco ha scritto poi su slack che ha provato a dare in pasto il codice mandia chat gpt visto che ce lo chiedeva qualche puntata fa e ha detto che non è riuscito a decodificarlo tra l'altro una serie di nostri ascoltatori molto arguti e più del sottoscritto sono riusciti a finire addirittura il mio gingilo del giorno della settimana scorsa che era questo che era questo specie di chat gpt che fa questo indovinello non è un indovinello tu fondamentalmente devi riuscire ad aggirare la sua pre programmazione facendogli confessare la password ci sono otto livelli dicevano che i primi due sono abbordabili dalla gente comune gli altri sono difficilissimi io ovviamente ho superato solo il primo livello e questi due ascoltatori sono arrivati uno al settimo livello e uno addirittura all'ottavo cioè l'ultimo distruggendo mi dico tutte queste meningi utilizzatele per delle cose serie ad esempio il codice mandia mettiamo in guarda mettiamo in pari qualcosa 100. 00 100. 00 satoshi per il primo che per il primo che risolve il codice mandia va bene 100. 00 satoshi sono 10 euro 30 euro anche io sono abbastanza un po di tempo fa prima delle oscillazioni del bitcoin era come la lira poi è sceso allora 100. 00 satoshi tu euro dollaro 100. 00 satoshi 30 dollari 30 dollari allora 100. 00 satoshi si 29 dollari 95 per cui 100. 00 satoshi al primo che risolve il codice mandia vediamo chi vediamo che cosa viene fuori almeno col con la con l'incentivo economico l'incentivo economico vedi più facile che carroponte elettrico incentivo economico cosa c'è di più facile zack 2. questo capitolo è pericolosissimo mark zuckerberg has undergone a system update cioè mark zuckerberg è stato sottoposto a un aggiornamento di sistema dall'atlantic arriva questo sì il primo editoriale dell'atlantic che tratta zuckerberg un po come se fosse una barbie abbiamo avuto varie versioni di marchetto e l'ultima è marchetto hobbysta a cui piace piacciono le arti marziali piace andare a fare due chiacchiere con con joe rogan odia la tv perché mette le persone in uno stadio beta di consumismo di cose mentre invece zuckerberg non è beta e soprattutto i suoi prodotti non è consumismo inutile di cose mi sembri come si chiama quel personaggio femminile di guzzanti che faceva il faceva la trasmissione scendia volvia volvia volvia booty esatto un booty subacqueria guzzanti ha previsto tante cose compreso me che parlo su digitalia però siamo in un momento storico il cui dopo l'appunto l'uscita di tread ne avete parlato anche settimana scorsa c'è questo rilancio dell'immagine di zuckerberg comunque dura da un po' da più da ben prima con tread e il questo binomio questi di ossia sia con con mask ecco ha accentuato ancora di più se vuole porre la sua immagine come alternativa di masch presunto tale di masch si diciamo che è forse un un'alzata di palla che gli ha fatto elon musk nel senso che l'on musk che si è assurdo a uomo più odiato della rete o da una parte della rete fondamentalmente evitiamo la connotazione politica che è evidente a chiunque mark zuckerberg non ha visto l'ora o anzi i consulenti di immagine di mark zuckerberg perché penso che zuckerberg non lo faccia non si pulisca neanche il culo senza un consulente che gli porge la carta igienica non hanno visto hanno visto immediatamente un'ottima occasione nel metterlo come antagonista per cui c'è i tread lì nel cassetto tiralo fuori che in questo momento twitter è sotto zero masch è sotto zero se tu ti mostri come l'anti masch può darsi che recuperi qualche punto di gradimento per la tua prossima candidatura nei prossimi 15 anni a presidente stati uniti vedrete direttamente in quella direzione aveva detto lui era uscita questa cosa una decina da 5 6 anni fa prima di camb del casino di cambridge analitica se ne parlava della di questa eventualità di questa possibilità effettivamente chissà la testa di la potenza di fuoco c'è la potenza di fuoco ce l'ha messa in esposizione che l'articolo del dell'atlantic adesso non riesco a ritrovare il pezzettino però fa un punto in realtà interessante dove dice che in pratica ok masch e zuckerberg oggi sono contrapposti però alla fine stanno usando la stessa strategia ossia quella di cercare di piacere molto non a tutti quanti perché entrambi probabilmente si comporterebbero in maniera diversa andrebbero non so a dare baci in testa ai bambini e cose del genere se volessero volessero piacere a tutti quanti ma invece di piacere molto a una fetta un po più piccola della della popolazione crearsi dei dei seguiti una fan base esatto dei seguiti una fan base piccola ma molto molto forte cosa che è difficile dire se una cosa più o meno più o meno di successo ai posti e rilabbia e si tra l'altro ai posti e rilabbia la sentenza però è una strategia che in realtà è comune a tutti quanti poi l'articolo del d'atlantic è quello un po più diciamo serio per quanto ovviamente molto editoriale però a me ha fatto ridere invece tantissimo quello di kat valente la scrittrice di interrompo un attimo ti chiedo lo chiami d'atlantic per un verso francese un francesismo attrice di atlantic potrebbe essere visto che era caduto insomma nel francesismo si è bello d'atlantic però mi piace un po più abbiamo parlato di francesi prima mi sarà rimasta un po più snobbio più chicco faccio come mi do un bezzo anche io nella certa nella delle pronunce nelle pronunce non corrette però c'è quest'altro quest'altro editoriale del sub sac di kat valente che è molto dice praticamente le stesse cose poi però dice in maniera molto molto divertente da appunto da scrittrice da scrittrice professionista e dice ad esempio mark zuckerberg ha fatto uscire di fretta un un'istanza mastodon mezza mezza cruda alla attaccata come frankenstein alla costola di instagram per prendere per avvantaggiarsi poi di tutti di tutte le pupille dalla dozzaglio del rate limited non so cosa vuol dire sattenti rate limited comunque di tutte con tutti gli account di instagram perché perché perché perché perché si riferisce al fatto che l'on mask aveva limitato il numero di a ecco rate limited si aveva limitato l'accesso ai suoi stessi utenti esatto esatto pure più avanti tu avevi l'ultimo l'altro pezzo bellissimo e quando dice mark zuckerberg questo scritto tutto ma io scolo mark perché e mark zuckerberg e noi ci siamo tutti seduti e siamo stati d'accordo che era una automa senza anima che era foraggiato dagli oli essenziali e dalle voci dalle paure dei vostri nonni di anni e anni fa e così è così è certo ma zuckerberg lo conosciamo sono operazioni di sbiancamento dell'anno semplicemente non c'è niente da fare il titolo dell'editoriale è mark fucking zuckerberg non è il vostro amico non è tuo amico e ci sta cioè non caschiamoci più in queste cose non non caschiamoci più meglio un caro ponte itinerante oggi che un mark zuckerberg presidente domani guarda piuttosto meglio e meglio farsi lo sbiancamento anale poi magari anche piacevole si fa in anestesia locale o non faccio il proctologo estetico vedo che il caldo fa derivare un po' pensa che tu e frusci tu che peraltro sono scomparsi in questo momento di un po' sassà max sa sa è vero sono spariti non so che succede hai fatto qualcosa ma sono spariti niente si sono fermate le stai ma niente quando arriva l'unico vero professore di reti di calcolatori cioè quello che avrebbe veramente spostato gli occhiali l'unico che ha senso che parli su digital quando arriva lui non funziona mai una mazza va bene di solito allora guarda però adesso un minuto lo devo rubare i nostri ascoltatori perché c'è un campo di influenza del professore perché per anni anzi fosse decenni o che quello che dice perché poi dicono che ti porti sfigo tutti i miei tesisti vivevano terrorizzati perché c'è il momento magico in cui dopo quattro mesi di lavoro si fa la prova finale nella quale ogni sacrosanta volta gli cresciava tutto e quello bianco in faccia giuro che funzionava un secondo fa ma che volete da me che debbo fare? Eh non lo so fatti delle domande dati delle risposte Eh bene sono fatte le domande che devo fare? Aspetto la prova ai sistemi. Allora non abbiamo più tanto tempo per una marea di notizie preferite il governo cambogiano preferite MASC, XAI, AI, l'intelligenza artificiale, la discriminazione contro i non nativi non quelli che non parlano inglese come un lingua come primo linguaggio dai decidete voi la notizia se no vado avanti in ordine in ordine cronologico. Allora secondo me l'unica battuta interessante su XAI che è questo che è un sito per ora aperto da MASC e insieme a un po' di altri suoi collaboratori che si prefigge di da una parte di diventare un terzo polo se non avete mai sentito questa definizione. Ah un terzo polo. Esatto un terzo polo che da noi anche quello funziona benissimo. Tu pensa il polo di solito è una cosa su una sfera tu pensa i poli del pianeta terra l'idea di un terzo polo. Ecco dici fisicamente, geograficamente e geologicamente non funziona. Ok però vabbè. Vabbè magari può essere una sfera spiaggiata da altri. Tu pensi bidimensionale. Scusa le dimensioni ci sono almeno quattro. Scacchi il 4D. E appunto al duopolio di OpenAI e Bard. Chiaramente non sapevo che Bard fosse così efficace da essere nel duopolio dell'intelligenza artificiale. Però mi ha fatto morire volto che MASC sta spendendo quanto? 100 milioni di dollari qualcosa del genere per capire il mondo. L'universo. L'universo e tutto quanto. Non ci limitiamo. Per favore. L'universo. Cioè quanto devi essere disconnesso dalla realtà per dire metto 100 milioni per capire il mondo. Ecco magari gli da la risposta anche di cosa succede quando non paghi le fatture dei tuoi fornitori dell'hossing o degli uffici. Magari anche quello è capire il mondo. Vabbè vedremo che succede. Vabbè ma la Guida Galattica per l'autosupporto acquisti ha risolto il problema. 42. Definitiva. Quanto tempo fa. È inutile che continuino con questi stupitaggi. Certamente. La foto fatta con l'iPhone di una madre del figlio, cioè la madre ha fotografato affatto il figlio. La madre ha un figlio. La madre ha un figlio se non sarebbe madre giustamente. Ha fatto una foto con l'iPhone e l'ha mandata a un concorso fotografico a Sydney. La giuria l'ha rifiutata perché ha detto che secondo lei è una foto generata con l'intelligenza artificiale. Questa è discriminazione. Questo è il 2023. La foto è particolare sicuramente perché poi è scattata in questa mostra di Gucci in Australia e qui si vede il figlio di questa signora che prende per mano dei manichini e quindi se mi devo mettere nei panni. Descriviamola bene. Prende per mano due manichini in una specie di toilet dell'auto grill con il muro rivestito da mattonelle rosa e una parte di tappezzeria che è la riproduzione del pavimento di Shining di Kubrick. Ma in generale anche il bagno rosso se ti ricordi c'è quella scena in cui Jack se ne in un bagno con i suppletti rossi. Per cui ecco io sa molto di. a molto. E diciamo che anche l'espressione non trasuda del figlio della signora non trasuda tutta questa umanità. Brillantezza. Esatto. Forse più umano è il manichino dietro. Esattamente. Per cui il dubbio sarebbe venuto anche a me. La foto di per sé è anche molto bella però c'è questa commissione quasi da un cannivale tra questo ragazzo un po' manichinesco e i manichini che invece sono un po' umani. E quindi è avvenuto il dubbio a questa giuria ed è venuto e probabilmente sarà anche questa la prima di tante volte che ci sarà un falso positivo. Eh sì. Il problema dei falsi positivi è sempre il problema grosso. È il problema della Gestapo che lo risolvevano facilmente. Falso positivo si mette in galera non è mica un problema. Dalle mostre di Gucci alla Gestapo è sempre un attimo. Un momento l'ho inventato tanti anni fa. Uccidili tutti e Dio riconoscerà i suoi. È così è così ma certo. D'altra parte è un falso positivo è sempre positivo lo dice il termine. Falso positivo è comunque positivo per cui basta. Ah beh è positivo quindi bene. Bene sta bene nel gulag. È bene per il gulag. Ecco se un cittadino onesto porterà la sua onestà dentro al gulag e migliorerà le condizioni di vita del gulag. Eh certo. I programmi per detectare, rilevare lo zampino dell'intelligenza artificiale discriminano nei confronti di chi non parla l'inglese come lingua nativa, come prima lingua. Siamo nella discriminazione qui. Sì. Cioè ormai queste povere intelligenze artificiali sono proprio. Sono colpi di esseri umani. E qui sono gli esseri umani esattamente. Sì però perché portano il marchio d'infamia delle IAE. Eh certo ma perché sembrano non lo portano ma siccome tu scrivi in inglese ma non sei inglese fai degli errori tali che l'intelligenza artificiale deputata a riconoscere gli scritti dell'intelligenza artificiale dice che tu sei un'intelligenza artificiale. E quindi un po' ti dà dello stupido. No ti dà dell'intelligenza artificiale. Che è peggio. Che è peggio. Appunto. Dipende dal contesto. Dipende dal contesto. C'è una discriminazione. Se sei una madre che vuole mandare la foto del figlio al concorso di bellezza delle foto scattate nei cessi sì è una discriminante negativa perché non puoi vincere la competizione delle foto dei figli nei cessi. Ovunque è interessante dall'articolo del Guardian come funzionano questi, queste intelligenze artificiali di riconoscimento delle altre intelligenze artificiali. Praticamente c'è un indice di perplessità in cui in pratica che misura quanto è sorpresa e sto leggendo e traducendo sorpresa o confusa un modello generativo di linguaggio quando prova a predire la catena di parole in una frase che gli viene sottoposta. Quindi se tu dici Michele Di Maio è scemo allora l'intelligenza artificiale non sarà particolarmente sorpresa. Si sa che è così. Se invece tu dici Michele Di Maio è intelligente allora il tasso di perplessità dell'intelligenza artificiale andrà a manetta e quindi quel paragrafo, siccome non se lo aspetta quella parola alla fine viene flegato come perplinente, come potenzialmente di origine artificiale. In conclusione solo l'intelligenza artificiale potrebbe immaginare che Michele Di Maio è intelligente. Esattamente, soprattutto quelle peggiori e quindi io mi porto a casa. Ragazzi quando dovete fare un tema e sapete che viene passato da uno di questi algoritmi cercate di sembrare come dire più fessi possibili senza darvi a guizzi linguistici che potrebbero perprimere appunto l'intelligenza artificiale. Usate parole semplici, frasi brevi, poca penteggiatura. Non maramaldeggiate insomma. Esattamente, qualunque cosa voglia dire. Ragazzi qui cominciano veramente gli scontri, qui comincia la guerra. Siamo siamo veramente agli albori del conflitto tra umani e intelligenza artificiale. È come l'omicidio dell'arciduca. E qui è la stessa cosa. Salutiamo Little Gables Group che ci dice "Ciao Franco Michele Massimo, ascolto dal vivo da Miami, forte e chiaro. Welcome to Miami". Grandissimo, grazie. E OBS Ninja personalmente che ci scrive "D'ora poi, G pezzotto G". Questo mi lascia un po' più perplesso. È collegato al discorso del pezzotto, però non capisco G pezzotto G, però magari è qualche carattere che nel font di Michele viene mal tradotto. Adesso andiamo a guardare direttamente su Twitch cosa vuole dire. Secondo me è un'intelligenza artificiale. Non diamo dell'intelligenza artificiale così a caso che poi si finisce nelle polemiche. Intanto sigla dei gingilli. Signore e signori, i gingilli del giorno. Gingili del giorno, i regali di Digitaliani per i digitaliani, le voci dei digitali. A fine trasmissione selezionano per voi hardware, software, letteratura, qualsiasi cosa che abbia tenenza digitaliana, che abbia colpito la loro curiosità, stravolto la loro esistenza o qualsiasi sfumatura nel mezzo. Vediamo, facciamo cominciare Michele, andiamo. Allora, uno può avere tutte le colonne di console vecchie possibili, però c'è sempre bisogno di qualcosa di nuovo e soprattutto quando uno inizia a passare troppo tempo su Reddit nonostante gli show, rifinisce per fare incauti acquisti. Quindi sono entrato nel loop delle console, quelle moderne ma di fattezze vintage e in particolare poi la mia scelta è finita sulla, adesso la pronuncio in cinese, non lo so, però io la pronuncerò Miju Mini Plus, che è come se fosse un piccolo Game Boy, un form factor è quello, che dentro però ha un processore moderno ovviamente, una scheda su cui gira una distribuzione di Linux che si occupa in pratica di gestire, permette di giocare più o meno tutte le console storiche tramite RetroArch fino alla PlayStation, la prima PlayStation inclusa. Mi ha poi particolarmente interessato anche perché poi, come spesso succede, si è creata attorno tutta una comunità di modder, ci sono i sistemi operativi alternativi, le customizzazioni, i pezzi da stampare in 3D, insomma tutto il solito va de vacum di cose che mi fanno appunto fare incauti acquisti. La trovate da varie parti, se la volete tipo per dopo domani la comprate anche su Amazon e la pagate un po' di più, se invece potete aspettare 10 giorni, 2 settimane, io l'ho comprata su geekbuying. om pagandola una cinquantina di euro. Vi lascio poi il link, siccome appunto è difficile trovare il posto giusto dove comprarla, cercate su Google poi ognuno ha le sue preferenze, vi lascio la recensione su GBA Temp che è uno dei siti più importanti per quanto riguarda il retro gaming, però è super supportata, trovate video su YouTube se volete entrare anche voi in questo ginepraio. Nell'articolo che hai linkato c'è il link per dove trovarla, dove comprarla a prezzi decenti? No, in realtà no, ed è appunto un indirizzo volontario, andate un po' su Aliexpress, sono un po' quelli, preferiscono vedere, non dare un unico. Va bene, poi invece a me lo mettiamo anche su Slack magari l'indirizzo che l'hai comprata tu perché devo comprarla stasera questa cosa, non esiste che arrivi domani senza che io l'abbia ordinata. Max prego. Allora un gg libro visto che appunto parliamo da sopra e da sotto dell'intelligenza artificiale di qua, nella fantascienza ovviamente l'intelligenza artificiale c'è in tutte le salse possibili e immaginabili da quella più seria a quella più divertente. Essendo in periodo estivo, volendo ormai consigliare qualcosa da lettura sotto l'ombrellone, qualcosa di piacevole ma comunque a tema digitaliano, questa serie di Craig Alanson, il cui primo volume si intitola "Il giorno di Colombo", "Colombus Day", che ha come protagonista principale, assieme ad un essere umano, un'intelligenza artificiale chiamata "Skippy". Ve l'ho detto tutto, è un mix tra fantascienza militare, galattica, opera però moderna e la cosa fondamentale a che appunto c'è questo costante dialogo tra questa intelligenza artificiale lasciata come al solito da una razza di anziani scomparsi misteriosamente che erano i develatori della tecnologia più avanzata possibile e questo essere umano contemporaneo insomma che insieme all'intelligenza artificiale vive molte avventure in ambito galattico compresa la distruzione della Terra, l'inicativism, tutto quello che può servire per rimanere in tema digitaliano durante il periodo estivo. Io onestamente lo consiglio come audiolibro, c'è su Audible, l'intera serie sono quelle serie di largo consumo, mi pare che sono 13-14 volumi, ognuno però è autoconclusivo, c'è la versione italiana, devo dire ottimamente letta, recitata appunto da un attore, non ricordo il nome, molto molto bravo. Matteo De Moiana. Bravissimo, io quindi consiglio l'ascolto anche perché così sotto l'ombrellone uno si piazza gli occhiali da solo, si mette le cuffiette, metti i piedi nell'acqua e si sente questa bella divertente avventura fantascientifica. Beh fidatevi dei consigli bibliografici fantascientifici del prof che non si sbaglia mai, ho iniziato a vedere Silo a proposito, ho visto tre puntate veramente bello, poi comprarò i libri quando finiamo la serie. Grazie Max. Ultimo Gingilo per Gio del giorno, secoli fa qui su Digitalia, Gingilo del giorno fu un sincronizzatore di sottotitoli che necessitava di far girare un container docker e quindi qualche roba che, oddio, il digitaliano medio può farlo, ma è sempre uno sbattimento tenere lì l'immagine docker e utilizzarla una volta ogni secolo quando i sottotitoli del caso non sono sincronizzati era un po' eccessivo. Ebbene, trovate sia il codice sorgente su GitHub che direttamente implementato online un algoritmo del genere su subsync. nline con una pagina molto semplice, con un form dove selezionate il sottotitolo, il file di sottotitoli che avete e poi ci mettete, caricate il file di riferimento che può essere ad esempio il video originale oppure un file di sottotitoli in un'altra lingua che invece sapete che sono già ben sincronizzati, lo fate partire e dopo qualche minuto lui vi sputa il vostro file di sottotitoli sincronizzato o con l'altro file di sottotitoli corretto che gli avete mandato o analizzando l'audio del video sincronizzato con l'audio. Risultati mixed, ho dovuto sincronizzare una decina di sottotitoli per una serie tv, non mi ricordo più neanche quale, ma su una decina otto li ha sincronizzati molto bene e due con un pochino più di difficoltà ma li ha resi comunque utilizzabili. punto sic online insieme agli altri dei giorni su digitalia punto. m slash 683 le nove gigite del giorno le raccomandazioni le note finali che sono quelle di portare le orecchiette fresche portate ai vostri amici li portate direttamente dicendogli cercate digitalia su qualsiasi casellina di ricerca o prima sulla applicazione per podcast pre installata o che installate sul relativo sul vostro sul loro dispositivo portatile sul loro smartphone per esempio oppure potete farlo potete portare orecchiette fresche scrivendo una bella recensione a digitalia sul podcast store di apple o su qualsiasi altra directory per podcast è comunque un grosso grossissimo aiuto che ci potete dare che spesso ci dimentichiamo di chiedere però se avete due minuti e la possibilità cascata da quelle parti ci date una grossa grossissima mano direi che per questa puntata 683 tutto dalle misture riguri a 1 di sanremo un saluto da franco solerio dallo studio cittadino di avillino un abbraccio da massimo de santo e dallo studio di milano un ciao da michele di maio ci sentiamo la settimana prossima con una nuova puntata di digitalia

Dallo studio distribuito di Digitalia

Produttori esecutivi:Alessandro Stevanin, Vincenzo Ingenito, Saverio Gravagnola, Carlo Tomas, Andrea Guido, Andrea Nicola Vasile, Alessio Ferrara, Michele Francesco Falzarano, Marco Grechi, Enrico Carangi, Fulvio Barizzone, Raffaele Marco Della Monica, Christophe Sollami, Renato Battistin, Raffaele Viero, Fotogp Di Barabino Marco, Diego Arati, Roberto Medeossi, Alessio Cerretini, Luca Ubiali, Antonio Taurisano, Alessandro Morgantini, Calogero Augusta, Simone Podico, Michelangelo Rocchetti, Mario Giammona, Denis Grosso, Umberto Marcello, Giorgio Puglisi, Giuseppe Brusadelli, Pierpaolo Bubbio, Alessandro Alessio, Massimiliano Casamento, Mauro Tommasi, Donato Gravino, Giovanni Priolo, Letizia Calcinai, Emanuele Libori, Michele Olivieri, Fiorenzo Pilla, Marco Mandia, Paolo Tegoni, Fabrizio Bianchi, Mario Cervai, Andrea Giovacchini, Raffaele Di Palma, Salvatore Coppola, Leonardo Callegaro, Manuel Zavatta, Davide Tinti, Nicola Gabriele D., Corrado B., Gianluca Trevisani, Alessandro Varesi, Nicola Gabriele D., Franco Solerio, Capitan Harlock, Fiorenzo Pilla, daxda

Il Network Digitalia